HelloFood ingloba Foodora e lancia in Italia il servizio Premium

HelloFood lancia il servizio premium che permette di ordinare a domicilio anche nei ristoranti milanesi che non dispongono di propri fattorini.

(Comunicato Stampa) – HelloFood ingloba Foodora e lancia in Italia HelloFood Premium, servizio che consente a chiunque di ordinare comodamente online da ristoranti di qualità. Si parte dalla seconda città più grande d’Italia, Milano, che conta già 70 ristoranti partner. Il sito internet permette quindi di ordinare piatti di ristoranti italiani, asiatici, americani e francesi, consegnati rapidamente e in modo affidabile direttamente a casa o in ufficio. Con il servizio premium, HelloFood estende la sua offerta a ristoranti che non fanno abitualmente consegne a domicilio e non dispongono di propri fattorini.
Fondata lo scorso ottobre, HelloFood Premium presenta un’offerta eterogenea che tra i numerosi ristoranti di alta qualità comprende famosi locali di Milano come Rugantino, Mucche e Buoi, Smooshi e Malastrana Rossa. “La scelta di lanciare un servizio premium in Italia è stata un passaggio naturale. Dopo il successo di HelloFood in tutto il paese sapevamo che ci sarebbe stata una domanda per ristoranti di alta qualità” ha detto Konstantin Mehl, fondatore e amministratore delegato di HelloFood Premium.
HelloFood Premium sta rivoluzionando il mercato online di consegne a domicilio nel capoluogo lombardo e ha in programma di espandersi rapidamente in altre città italiane. HelloFood Premium provvede anche al servizio d’asporto e conta su una flotta di consegna ecologica e indipendente dal traffico, che garantisce un servizio a domicilio veloce e di qualità. Infatti tutte le consegne sono effettuate da fattorini su
biciclette con il supporto di uno speciale algoritmo che identifica la strada migliore e indica al conducente il percorso più adatto per ciascun tipo di ordine. Per essere certi che il cibo mantenga la sua qualità, proprio come se lo si stesse gustando direttamente al ristorante, gli ordini sono limitati a un‘area di consegne più ristretta e la consegna è garantita entro 35 minuti.

HelloFood-drivers

Il servizio Premium è nato in Germania, dove ha avuto grande successo, e ora intende conquistare il mercato globale grazie al supporto della piattaforma tedesca Rocket Internet. L’obiettivo è quello di espandere velocemente il business a livello mondiale: “andiamo ovunque la gente apprezzi il buon cibo” ha affermato Mehl.

Come funziona HelloFood Premium?

Su premium.hellofood.it i clienti possono digitare il loro codice postale e selezionare un ristorante. Scelgono il loro piatto preferito, che viene consegnato dai fattorini di HelloFood Premium su delle biciclette tradizionali, ed effettuano il pagamento online tramite carta di credito o PayPal. Un procedimento comodo e veloce che richiede pochi click!

Storia di Hellofood Premium

L’innovativo servizio di consegne a domicilio HelloFood Premium è stato fondato nel 2014 da Konstantin Mehl (AD), Emanuel Pallua (COO), Manuel Thurner (CTO), Stefan Rothlehner (Head of Development) e Sergei Krauze (Head of Algorithm). Cibo di qualità, fattorini amichevoli e consegne veloci: questa la mission di HelloFood Premium.

LowRes | Il cimitero in HTML degli elefanti della politica

La comunicazione dei candidati ormai è affidata a impersonali siti di partito o al bailamme del social network. Ogni tentativo di personalizzare la presenza in Rete sembra abbandonato

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.