VisLab vince la prima edizione di StartupItalia! Open Summit

Intervista al professor Alberto Broggi di VisLab, venduta per 30 milioni all’azienda americana Ambarella.VisLab ha vinto la prima edizione di StartupItalia! Open Summit il 14 dicembre a Milano. Qui una nostra intervista al fondatore dove spiega l’origine del suo successo.

Alberto Broggi, 48 anni, pioniere dell’auto senza pilota, fondatore di VisLab, spino off dell’Università di Parma ceduta agli americani da Ambarella per 30 milioni di dollari a luglio 2014. VisLab ha vinto la prima edizione di StartupItalia! Open Summit il 14 dicembre a Milano. Qui una nostra intervista al fondatore dove spiega l’origine del suo successo. 

09_Alberto-Broggi_corbis_67

Perché è una buona notizia per l’Italia?

«Perchè rimaniamo in italia, Vislab resta a Parma con i suoi ventisette ingegneri e i suoi brevetti. Questa cessione in sostanza vuol dire che arriveranno altri finanziamenti per ingrandire il gruppo; vuol dire che attrarremo altri studenti con corsi specifici sui nostri progetti; e che, facendo più ricerca, realizzeremo nuovi prodotti. Insomma, possiamo attivare un circolo virtuoso: più soldi, più studenti, più ricerca: se questa cosa ingrana, ci saranno grossi vantaggi al nostro territorio».

Di chi era VisLab prima della cessione?

«Era di quelli che la fondarono nel 2009 e che la fecero partire: io e alcuni dei miei studenti».

Siete partiti prima di Google a fare auto senza pilota: come mai?

«Siamo partiti molto prima, ma molto molto prima. Negli anni ‘90, quando realizzai il primo prototipo a Torino, Google non esisteva neanche. Io sono un appassionato di tecnologie di elaborazione immagini applicata al settore automobilitico, nasce tutto da lì».

Perché avete ceduto tutto proprio ad Ambarella?

«Perché loro hanno quel piccolo pezzo che manca a noi. Mi spiego: noi facciamo algoritmi di software, loro hanno un fantastico hardware. Insieme possiamo realizzare dei prodotti unici».

Cosa farete assieme? Sfiderete Google sull’auto senza pilota? O altro?

«Non si può dire. Ho in mente applicazione fenomenali della nostra tecnologia che un giorno, presto, scoppieranno e saranno diffusissime».

Ma all’auto senza pilota dobbiamo crederci davvero?

«Sì a brevissimo avremo davvero su strada queste auto. Per andare da casa mia a lavoro servirà più tempo, ma per vedere auto così in autostrada manca davvero poco».

Dopo il famoso viaggio da Parma a Shanghai di qualche anno fa, si era parlato di voi solo per dire che la burocrazia vi stava soffocando: che era successo?

«Quando eravamo all’interno dell’università molte cose ci erano precluse. Per esempio noi lavoriamo con automobili ma per una strana regola a un certo punto ci hanno vietato di comprare automobili. E allora abbiamo dovuto trovare un escamotage, abbiamo acquistato un laboratorio, ovvero un’auto modificata».

Molti si chiedono come mai Finmeccanica a Fiat non si siano accorti di voi e vi abbiano lasciato andare in Silicon Valley.

«Con Finmeccanica e Fiat ci siamo visti alcune volte ma non è mai partito nulla. Non so dirmi perché. Con altri invece abbiamo fatto tanti progetti, per esempio Magneti Marelli».

Nei mesi scorsi si è parlato di una cordata italiana per comprare il 10 per cento di VisLab: poi che è successo?

«Che gli altri sono stati più veloci. Il timing è importante. Io questa cosa volevo farla già nel 2014, siamo un po’ in ritardo. Mi spiego: le cose vanno veloci non puoi permetterti di rimanere indietro se non lo avessimo fatto adesso qualcun altro ci avrebbe sorpassato e avrebbe mandato in fumo 20 anni di ricerche».

Come è andata con Ambarella? Come è avvenuto il contatto?

«Li abbiamo cercati noi: abbiamo preso dei consulenti in Silicon Valley che ci hanno proposto vari partner. Li abbiamo valutati e abbiamo scelto questo perché come matching industriale è perfetto«.

Professore non parli come uno che ha appena incassato 30 milioni di dollari e se li sta andando a godere: giusto?

«Giusto. Siamo assolutamente impegnati sul progetto, questo è un nuovo inizio non è una exit. Adesso partiamo con una velocità che prima era inimmaginabile, andremo alla velocità della Silicon Valley. Non vogliamo andarcene alle Bahamas ma realizzare prodotti rivoluzionari e possiamo farlo».

E’ vero che la valutazione di 30 milioni è stata fatta in base al numero di ingegneri che ha VisLab?

«No, non è esatto. La valutazione dipende dal fatto che abbiamo una storia che non ha nessuno sul mercato, una esperienza ventennale e una messe di dati che sono la base di qualunque altra ricerca. Tutti intangibles».

Come avete festeggiato?

«Abbiamo firmato l’accordo a Milano e siamo venuti a Parma a farci una megacena».

  • se l’azienda è davvero così innovativa nel settore delle auto senza pilota, allora nel prezzo di vendita ci manca uno zero, forse anche due … probabilmente hanno avuto troppa fretta di fare la megacena …

  • Rosa

    hanno fatto bene. molto banalmente, meglio un uovo oggi che una gallina domani. Se avessero aspettato il migliore offerente “a più zeri” magari qualcun altro avrebbe rubato loro l’idea.

Ti potrebbe interessare anche

Exit da 30 milioni per la parmense VisLab, comprata da Ambarella (USA)

E’ l’exit più grossa del 2015 arriva da uno spinoff universitario di Parma: la società fondata dal professor Alberto Broggi è stata venduta per 30 milioni ad una società americana.

Exit per Soundtracker comprata da Sounday

Ancora un’exit, la terza di luglio. Ed è una storia particolare. Perché l’italiana Sounday si è comprata Soundtracker, fatta da un calabrese in Silicon Valley che dalla Banca Mondiale è passato alle startup

Pensavo fosse un’exit, invece era un calesse

La società non è stata venduta per 2,5 milioni, ma per 150mila euro. Come è andata davvero l’exit dell’azienda di Daniele Calabrese e perché gli investitori hanno dei dubbi sull’operazione

Storia (triste) di 2 startupper che stavano sfondando coi bitcoin. Poi li hanno arrestati

Avevano successo e un grande futuro. Hanno rubato i dati di 80 milioni di clienti di JP Morgan, usandoli per vendere azioni truffa e riciclando soldi sulla loro piattaforma di scambio bitcoin

Insegnare agli studenti come usare i dati: torna “A scuola di Open Coesione”

Fino al 14 ottobre le scuole possono aderire al bando di Asoc, “A Scuola di Open Coesione”, il progetto che porta alle superiori percorsi innovativi per insegnare come usare gli open data. E la migliore ricerca vince un viaggio a Bruxelles

Come funziona (e perchè fa discutere) Magnus, lo Shazam delle opere d’arte

Invece di riconoscere i titoli delle canzoni, questa app identifica le opere d’arte di cui non conosciamo l’autore. Basta puntare lo smartphone sull’opera per visualizzare titolo, nome dell’artista, materiale e dimensioni. Ma c’è di più. Magnus mostra anche il valore dell’opera: una funzionalità che ha già generato polemiche.

Botto Poala (Reda): «Adottare una startup apre le aziende al futuro»

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»