Se il giornalista si crede Madonna quando parla di innovazione e startup

Occupano i panel, lasciano poco spazio ai protagonisti, e parlano di innovazione e startup pur sapendone poco. Ritratto di un certo tipo di giornalisti

Qualche tempo fa ho letto su un giornale che la pop star Madonna, nel corso di una intervista registrata per il programma domenicale di Fabio Fazio, avrebbe chiesto, al termine di un pistolotto dello stesso Fazio: “Qual è la domanda?”.

La cosa era riportata in un trafiletto dove si leggeva di come la cantante si fosse comportata da diva e come, nel complesso, si fosse mostrata quanto meno arrogante se non proprio maleducata.

ego del giornalista

Non ho avuto modo di vedere l’intervista, ma per una volta tanto ho il sospetto che la popstar abbia ragione e lo penso perché, in estrema sintesi, quella che traspare essere la sua esperienza con Fazio l’ho vissuta in prima persona assistendo a dei panel e, in alcuni casi, essendo io stesso il malcapitato ospite di panel: la smania di protagonismo del moderatore (quasi sempre un giornalista).

Qualche settimana fa ho avuto modo di vedere un panel sull’innovazione che prevedeva tre ospiti piuttosto noti e di cui ero curioso di sentire le opinioni. Poi ho letto il nome del moderatore (un noto giornalista), ho capito come sarebbe andata la cosa e ho messo mano al cronometro del mio smartphone: nei primi 30 minuti di panel, il moderatore ha parlato per 14 minuti e 22 secondi (senza contare le brevi interruzioni mentre un ospite parlava), lasciando agli ospiti una media di poco superiore ai 5 minuti per presentarsi e rispondere alle sue domande.

Il panel prevedeva delle domande dal pubblico. Ad almeno il 25% ha risposto direttamente il moderatore che ha anche speso oltre 5 minuti per chiudere il panel alla fine. C’è da domandarsi chi, secondo il giornalista, fossero i protagonisti del panel che il pubblico era venuto ad ascoltare.

A me piacciono i giornalisti e mi affascina la loro capacità di parlare e scrivere su diversi temi, spesso con competenza e sempre con una facondia da farmi invidia. Il punto è che spesso non riescono a cogliere la differenza tra informare, sollecitare opinioni e dare opinioni.

Ora a me sembra che se i giornalisti iniziassero a capire meglio il loro ruolo, a capire quando dare le notizie così come sono e quando arricchirle delle loro opinioni, se capissero meglio come usare le loro indubbie conoscenze per sollecitare, sia nelle interviste dedicate che nei panel da moderare, i propri ospiti a rispondere in modo non banale fornendo punti di vista di interesse, ecco a me sembra che questo sarebbe un Paese migliore.

2 Commenti a “Se il giornalista si crede Madonna quando parla di innovazione e startup”

  1. Giuseppe

    Non posso darti torto in effetti. Da startupper posso solo dirti:”almeno c’è qualche panel”. Magra consolazione. Oltre che dover veicolare la cultura dell’imprenditorialità innovativa vorrà dire che bisognerà formare meglio anche chi intende cimentarsi nel divulgarla…

    Rispondi
  2. Andrea

    La cosa che fa più rabbia dei giornalisti showman dello startup cyrcus è che non rischiano nulla e non innovano nulla ma si fanno pagare per moderare e scrivono pure libri e raccolgono soldi per il loro eventi del tutto inutili in cui fanno solo fumo per nascondere il credit cruch delle banche (spesso loro principali sponsor).

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp