Se il giornalista si crede Madonna quando parla di innovazione e startup

Occupano i panel, lasciano poco spazio ai protagonisti, e parlano di innovazione e startup pur sapendone poco. Ritratto di un certo tipo di giornalisti

Qualche tempo fa ho letto su un giornale che la pop star Madonna, nel corso di una intervista registrata per il programma domenicale di Fabio Fazio, avrebbe chiesto, al termine di un pistolotto dello stesso Fazio: “Qual è la domanda?”.

La cosa era riportata in un trafiletto dove si leggeva di come la cantante si fosse comportata da diva e come, nel complesso, si fosse mostrata quanto meno arrogante se non proprio maleducata.

ego del giornalista

Non ho avuto modo di vedere l’intervista, ma per una volta tanto ho il sospetto che la popstar abbia ragione e lo penso perché, in estrema sintesi, quella che traspare essere la sua esperienza con Fazio l’ho vissuta in prima persona assistendo a dei panel e, in alcuni casi, essendo io stesso il malcapitato ospite di panel: la smania di protagonismo del moderatore (quasi sempre un giornalista).

Qualche settimana fa ho avuto modo di vedere un panel sull’innovazione che prevedeva tre ospiti piuttosto noti e di cui ero curioso di sentire le opinioni. Poi ho letto il nome del moderatore (un noto giornalista), ho capito come sarebbe andata la cosa e ho messo mano al cronometro del mio smartphone: nei primi 30 minuti di panel, il moderatore ha parlato per 14 minuti e 22 secondi (senza contare le brevi interruzioni mentre un ospite parlava), lasciando agli ospiti una media di poco superiore ai 5 minuti per presentarsi e rispondere alle sue domande.

Il panel prevedeva delle domande dal pubblico. Ad almeno il 25% ha risposto direttamente il moderatore che ha anche speso oltre 5 minuti per chiudere il panel alla fine. C’è da domandarsi chi, secondo il giornalista, fossero i protagonisti del panel che il pubblico era venuto ad ascoltare.

A me piacciono i giornalisti e mi affascina la loro capacità di parlare e scrivere su diversi temi, spesso con competenza e sempre con una facondia da farmi invidia. Il punto è che spesso non riescono a cogliere la differenza tra informare, sollecitare opinioni e dare opinioni.

Ora a me sembra che se i giornalisti iniziassero a capire meglio il loro ruolo, a capire quando dare le notizie così come sono e quando arricchirle delle loro opinioni, se capissero meglio come usare le loro indubbie conoscenze per sollecitare, sia nelle interviste dedicate che nei panel da moderare, i propri ospiti a rispondere in modo non banale fornendo punti di vista di interesse, ecco a me sembra che questo sarebbe un Paese migliore.

La startup FunNow sbanca a Taiwan e attira i soldi di Alibaba

L’app propone eventi last minute per i cittadini di Taipei. Dopo il nuovo round di investimenti sbarcherà in tutta l’Asia orientale. Una storia che ci dice molto sui rapporti tra l’isola e la Cina

MyLab Nutrition, la campagna crowdfunding per la startup degli integratori alimentari

Integratori monodose e con formula personalizzata che vengono consegnati a domicilio h24: MyLab vuole diventare un punto di riferimento nel settore e per farlo lancia una campagna da 300K su Mamacrowd

Klimahouse Startup Award 2019, la call dedicata all’efficienza energetica in edilizia

La terza edizione alla Fiera di Bolzano ospiterà ben 32 startup: incontri e matchmaking con imprese e partner strategici, più 30K in servizi di montepremi alla prima classificata. Per candidarsi c’è tempo fino al 19 novembre