La Regione Lazio offre 20 borse di studio per migliorare l’export delle imprese

Una nuova opportunità per i giovani tra i 20 e i 32 anni che vogliono imparare come aiutare le imprese a vendere i loro prodotti all’estero

Una nuova opportunità per i giovani tra i 20 e i 32 anni. In collaborazione con l’Ice, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, la Regione Lazio ha avviato il primo Master Corce Lazio.

In cosa consiste

Verranno formati 20 giovani export manager sotto i 32 anni che aiuteranno le imprese del Lazio a vendere all’estero. I giovani potranno inserirsi in aziende manifatturiere e di servizi attraverso una borsa di studio.

Ecco i principali compiti che svolgeranno: dalla gestione all’incremento del portafoglio clienti, dal coordinamento di agenti e distributori alla selezione di fornitori all’individuazione di potenziali partner per operazioni di investimento o la stipula di accordi di collaborazione industriale fino alla gestione autonoma delle trattative commerciali, la partecipazione a fiere di settore e l’interfaccia con l’ufficio marketing. Il candidato ideale è proattivo, flessibile, dinamico, disponibile a frequenti trasferte, capace di gestire team di lavoro e proteso ad un approccio interculturale del business.

Il Master è a tempo pieno, inizierà il 18 gennaio 2016, durerà complessivamente circa un anno, e prevede la frequenza obbligatoria. In particolare si articolerà in diverse fasi: la prima, in aula, durerà cinque mesi, poi ci sarà lo stage in azienda, di circa due mesi e alla fine uno stage all’estero, sempre di due mesi.

Le borse di studio a disposizione saranno di 3 tipi:

– € 500,00 lordi mensili – importo massimo erogabile per la fase d’aula per i non residenti nella provincia di Roma;

– € 500,00 lordi mensili – importo massimo erogabile per la fase di stage in Italia per i non residenti nella provincia di svolgimento dello stage;

– € 1.800,00 lordi mensili per un massimo di 3.600,00 – per la fase di stage all’estero per tutti i partecipanti.

Scopri come partecipare al bando e guarda il video.

Così l’India sta diventando la nuova patria degli unicorni

Non esiste solo la Cina. C’è un altro attore asiatico che sta diventando un vero e proprio gigante dell’innovazione. Si tratta dell’India, che nella prima parte del 2018 ha già battuto il suo record personale di startup valutate come “unicorni”

“Scuola in chiaro” cos’è e come funziona la nuova app del MIUR

Quest’anno tra l’altro le iscrizioni online alle classi prime della scuola primaria e della secondaria di I e II grado saranno aperte dalle 8 del 7 gennaio alle 20 del 31 gennaio 2019. Ma già a partire dalle 9 del 27 dicembre 2018 si potrà accedere alla fase di registrazione su www.iscrizioni.istruzione.it

Adam’s Hand la mano bionica stampata in 3D ideata da una startup leccese

Nata dall’idea di tre giovani salentini Giovanni Zappatore, Dario Pianese e Duilio Madaro: ADAM’S Hand è la protesi mioelettrica con componenti stampate in 3D che permettono di personalizzare la lunghezza delle dita per ogni utente in base alle dimensioni dell’altra mano. La startup leccese Bionit Labs