14 milioni investiti in 24 startup: a Pescara è nato il coworking di Fi.R.A.

24 startup saranno ospitate dal coworking di Fi.R.A Fira Station: l’Abruzzo riparte dalle imprese innovative. Ecco chi sono e cosa fanno

La speranza è un bellissimo treno da non perdere, un rischio da correre per chiunque voglia viaggiare sul binario dell’innovazione. Alla Stazione Centrale di Pescara il futuro transita alla Fira Station, uno spazio di coworking, incubatore e acceleratore per startup, imprese, venture capitalist e business angel, realizzato da Fi.R.A (Finanziaria Regionale Abruzzese) con il contributo della Regione Abruzzo, tramite fondi dell’Unione Europea. Uno spazio di 400 metri quadrati, inaugurato lo scorso 29 luglio, per svolgere la propria attività all’interno di un contesto dinamico, che stimoli l’aggregazione, la condivisione e allarghi l’orizzonte della creatività.

unnamed

«La stazione è un luogo simbolico di scambio di idee e noi vogliamo che le persone che lavorano qui siano stimolate e felici»  ha commentato il Presidente della Fi.R.A. Rocco Micucci, al taglio del nastro, assieme a Marco Alessandrini, Sindaco di Pescara, e Giovanni Lolli, Vice Presidente della Regione Abruzzo . – «Questo progetto è un altro passo del percorso iniziato con il bando Starthope che ha permesso di investire 14 milioni di euro su 24 progetti, in appena un anno. In particolare Fira Station è costata circa 100.000 euro per la ristrutturazione degli spazi e l’adeguamento tecnologico, attinti dalla Regione da un fondo dell’Unione Europea. Abbiamo investito nelle startup per contaminare il tessuto produttivo tradizionale e rispondere a nuove esigenze, dimostrando che il settore pubblico si può attivare con la stessa agilità dei privati, abbattendo la lentezza della burocrazia. L’Abruzzo è una piccola regione con il coraggio di rischiare, realizzando uno spazio per tutti per coloro che avranno buone idee, in tutta Italia. Ci aspettiamo ricadute economiche positive sul territorio perché le eventuali assunzioni di personale delle startup nel loro percorso di crescita, dovranno avvenire in Abruzzo, che è la sede operativa».

Dello stesso avviso il Vice Governatore, Giovanni Lolli: «Questa iniziativa è stata pensata per contaminare il nostro ecosistema e creare impresa. E abbiamo scelto proprio la stazione perché rappresenta una perfetta metafora del luogo di scambio di idee e progetti».

Sono già 24 le startup che gravitano attorno alla Fira Station, di cui 15 provenienti da fuori regione, e altre ne arriveranno, al punto che si sta già valutando un ampliamento degli spazi il prossimo anno. 14 milioni investiti, altri 4 in arrivo nella stazione di Pescara.

I servizi offerti sono molto trasversali: dall’Agro Food con l’olio nutraceutico antiossidante, fino al biotech oncologico per lo sviluppo di anticorpi contro i tumori, passando per il market place di prodotti tipici regionali a pronta consegna, arrivando fino alla musica con un social in grado di scomporre le tracce audio o video di un successo musicale internazionale, e realizzare una jam session con la propria band. Un ecosistema di ottime idee che alla Fira Station potranno crescere, migliorarsi e farsi conoscere.

Fira Station è suddivisa in aree destinate al lavoro, dotate di infrastrutture tecnologiche all’avanguardia, che si alternano a zone come la Matching zone e la Relax zone, che permetteranno di staccare la spina e ordinare i pensieri. La quota di adesione sottoscritta da chi ne fa parte (800 euro mensili) prevede un’ampia gamma di servizi: connessione internet ad alta velocità e WiFi, segreteria, centralino, controllo accessi, pulizie locali, sala riunioni, networking interno attraverso incontri periodici tra le imprese insediate. Ma anche networking esterno con lo sviluppo di relazioni tra le imprese incubate e istituzioni pubbliche e private, università ed investitori, temporary manager e scouting di nuove idee. Non un semplice ufficio, quindi, ma un vero laboratorio innovativo. Un hub tecnologico e innovativo situato strategicamente nel centro Italia, ma con lo sguardo rivolto al mondo intero.

di Massimo Fellini

Un Commento a “14 milioni investiti in 24 startup: a Pescara è nato il coworking di Fi.R.A.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

12 cose che ho capito sul coworking alla conferenza europea di Lisbona

Alla Europe Conference in Portogallo c’era anche Damiano Ramazzotti di Talent Garden

20 mila euro per i Fablab (e altri 6 bandi in scadenza da tenere sott’occhio)

7 bandi in scadenza per startup: dalla Silicon Valley, a RDS, passando per il bando per makers e fablab aperto dal comune di Milano: qui dove sono i finanziamenti

Accordo Talent Garden Digital Magics: «Nasce il più grande hub dell’innovazione in Italia»

Talent Garden e Digital Magics firmano un accordo per favorire lo sviluppo dell’ecosistema in Italia. Previsto l’apertura di 50 nuove sedi. Inoltre Digital Magics acquisisce il 10% di TAG (e fino al 28%)

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp