Come parlano gli startupper, altre 26 cose da sapere

Come parlano gli startupper è un elenco semiserio di slang, modi di dire, frasi fatte e paradossi del linguaggio di chi fa startup nel mondo raccontati da TechCrunch che qui riproponiamo con qualche variazione “italiana”.

Gergo da startupper, capitolo secondo. Dopo il primo How To Speak Startup che abbiamo riportato qui, un dizionario che raccoglie e spiega le espressioni più incomprensibili usate dagli startupper americani (e non solo), Tech Crunch ha pubblicato altre 26 voci di sigle e frasi comuni nella lingua degli startupper tradotte nella lingua comune. Alcune sono in slang o cose tipiche di chi vive a San Francisco. Ad ogni modo le abbiamo tradotte (e declinate in alcuni caso) in italiano.

110815_r21197_g2048-1200

Qui la prima parte dell’elenco con i primi 27 modi di dire

1. «Facciamo anche cose che non scalano» – «Diamo un sacco di feste di lancio in diverse città. Soprattutto perché così beccare quegli amici che non sono bravi abbastanza per poter lavorare in Silicon Valley e addebitiamo tutto sulle spese dei nostri business angel. Abbiamo anche letto i saggi più famosi di Paul Graham».

2. Cloud — Al posto di Internet.

3. Un Brunch – Un insieme di startupper post round series A.

4. $4 Toast – Tipico a San Francisco, solo che ora costa $5.

6. Hacker House – Un rifugio da senzatetto per nerd.

7. Series B— L’investimento che non vedrai mai.

8. “We are rapidly iterating” – ”Stiamo decidendo di volta in volta ripensando il nostro modello e il nostro prodotto, diventa sempre più snello e easy fino a che…”

9. “We are pivoting” – “Sì, allora, fino a questo momento non abbiamo assolutamente idea di quello che stiamo facendo, ma non c’è pericolo che spenderemo tutti i soldi dei nostri investitori. Bisogna fallire e spesso, no?.”

10. Twitter’s user growth. 

11. “Avremmo un sito beta pronto per ottobre” – Ripassate a Capodanno.

12. Cap Table (tabella delle capitalizzazioni) — Una cosa che il tuo CEO non capisce davvero ma che, promette, è in salute.

13. Term Sheet – Documento preparatorio del contratto. Dei pezzi di carta che potrebbero legarti ad uno spacciatore di soldi. [Vedi capitolo primo: OPM, abbr. “Soldi degli altri”].

14. YC Fellows Program – La prova che il primo assaggio di OPM è gratuito.

15. Startup – Quel progetto a cui stai più o meno lavorando insieme ad alcuni amici. In pratica il modo che hai per sognare ad occhi aperti di diventare ricco come Zuckeberg. (Spoiler: queste fantasia diventano realtà solo se la tua idea di startup è fattibile).

16. Unicorno — Come se le metafore in Silicon Valley non potessero essere più infantili.

17. Uber — Quello a cui non ti stai nemmeno avvicinando.

18. “Siamo l’Uber di…” — Andiamo male nel conto economico e ne siamo fieri.

19. Lift — Quello che non ha la tua startup.

20. “Abbiamo un sacco di big data non ben definiti”— Abbiamo un sacco di roba nel cestino.

21. Sam Altman— La persona che vuoi conoscere, dici di conoscere, ma non conosci e i tuoi amici lo sanno. Sono solo educati.

22. CES — The only reason anyone ever went to a Qualcomm presser.

23. “Abbiamo un fusto di birra in ufficio”— Il nostro CEO è è un violento alcolizzato ed ha bisogno di bere perché, per qualche motivo, è disperato. Vedi anche: Morning kombucha.

24. Office dog — Il motivo per cui nessuno ha fatto niente oggi.

25. TechCrunch — Qualcosa che sopravvive ancora, nonostante tutte le stranezze.

26. Agenzia di PR — Uno schema a piramide chiamato in un altro modo.

Ti potrebbe interessare anche

16 punti per capire cos’è e come funziona una startup cooperativa

1. Coniugare i valori dell’innovazione La cooperazione è antica e anacronistica o è moderna e proiettata nel futuro? Questa domanda, lanciata da Alfredo Morabito a inizio lavori, è stato il leit motiv che ha accompagnato gli interventi nel corso della giornata. Da questa domanda è nata anche la sfida che ha dato il via al… Read more »

Berlusconi il più citato quando si parla di startup e altre curiosità sulla ricerca di Digital Magics

Prima del 2011 startup era un termine sconosciuto. Adesso lo si usa spesso affiancato alla parola sogno e alla frase “creare lavoro”. Ecco i risultati della ricerca dell’incubatore milanese

Come parlano gli startupper (27 cose da sapere)

Come parlano gli startupper è un elenco semiserio di slang, modi di dire, frasi fatte e paradossi del linguaggio di chi fa startup nel mondo raccontati da TechCrunch che qui riproponiamo con qualche variazione “italiana”.

Cosa ci lascia #SharkTankIT (e che succederà alle startup protagoniste)

La quarta puntata di Shark Tank Italia non andrà in onda. Tutti i numeri e le pagelle di un riuscito esperimento televisivo e cosa succederà ora alle startup e ai protagonisti del format

Community, Engagement e Design: gli ingredienti per co-creare al meglio insieme ai tuoi clienti

Giuseppe Montella a ottobre 2018 entra in illimity come Head of Design con l’obiettivo di disegnare un’experience differenziante per una banca di nuovo paradigma, all’insegna del coinvolgimento dei clienti, prototipazione e continua sperimentazione

Dalla paura della flebo un’intuizione per aiutare i bambini malati: Medi Teddy

Una ragazzina di appena 12 anni, Ella Cusano, ha avuto l’idea di trasformare il suo orsacchiotto in uno stratagemma per nascondere la sacca delle sue trasfusioni che tanto le facevano impressione. Da lì l’idea di diffondere il suo diversivo a molti pazienti della sua età

Emirati Arabi, Pure Harvest: il nuovo petrolio sono i pomodori

Le condizioni climatiche proibitive costringono il Paese a fare massicce importazioni di frutta e verdura. Una startup promette di far nascere i pomodori nel deserto