LVenture Group: il cda approva i risultati del primo semestre 2015

Valore del Portafoglio startup pari a circa Euro 4,0 milioni, +18% rispetto a Euro 3,4 milioni al
31 dicembre 2014; 13 operazioni di investimento per startup già in portafoglio e nuove startup per Euro 970 mila
di cui Euro 720 mila erogati e Euro 250 mila di commitment; Ricavi pari a Euro 0,47 milioni, +81% rispetto a Euro 0,26 milioni al 30 giugno 2014; Liquidità Finanziaria Netta pari a Euro 2,7 milioni (Euro 3,5 milioni al 31 marzo 2015)

(Comunicato Stampa) –  Il Consiglio di Amministrazione di LVenture Group, tra i principali operatori italiani di Venture Capital, unico quotato sul MTA di Borsa Italiana, ha approvato la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015.

Luigi Capello, Amministratore Delegato di LVenture Group, ha dichiarato: «Nel 2015 LVenture Group ha compiuto un notevole progresso nel rafforzamento della struttura organizzativa: oggi è un’azienda molto più solida e matura, con lo sguardo costantemente rivolto al futuro e al raggiungimento di traguardi sfidanti.
Nel primo semestre abbiamo conseguito risultati molto positivi e in linea con le aspettative. Il risultato operativo rispetta le previsioni di budget e questo nonostante l’incremento delle spese e dei costi del personale sostenuti con l’obiettivo di far crescere la Società. I ricavi sono aumentati sensibilmente a testimonianza della validità delle scelte strategiche fatte: in particolare, abbiamo intensificato la collaborazione con le corporate per l’avvio di programmi Open Innovation, attività attraverso la quale sempre più aziende entrano nel nostro ecosistema attirate dal nostro mondo e dalle nostre startup.
Anche a livello di investimenti siamo soddisfatti: al 30 giugno abbiamo contrattualizzato accordi di investimento per circa 1 milione di euro. Di questa cifra sono stati già erogati Euro 720 mila con un incremento di valore del nostro portafoglio del 18%. Tenendo conto degli impegni di investimento già presi e dell’accresciuto interesse da parte di investitori e corporate ad investire a valori importanti nelle nostre startup, riteniamo che questo trend positivo proseguirà anche nel corso del prossimo semestre».

Principali risultati consolidati al 30 giugno 2015

I Ricavi sono pari a Euro 0,47 milioni, in crescita dell’81% rispetto a Euro 0,26 milioni al 30 giugno 2014.

Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) è negativo per Euro 0,61 milioni (negativo per Euro 0,40 milioni al 30 giugno 2014). In linea con le aspettative di Piano Industriale, il Risultato Operativo (EBIT) è negativo per Euro 0,71 milioni (negativo per Euro 0,41 milioni al 30 giugno 2014).

Il Risultato prima delle imposte è negativo per Euro 0,72 milioni (negativo per Euro 0,40 milioni al 30 giugno 2014).

Il Risultato Netto è negativo per Euro 0,69 milioni (negativo per Euro 0,39 milioni al 30 giugno 2014).

Nel semestre la Società ha definito complessivamente 13 operazioni di investimento per un importo complessivo di Euro 970 mila, di cui Euro 720 mila erogati e Euro 250 mila di commitment.
Il valore del Portafoglio startup calcolato sulla base della somma già erogata è pari a circa Euro 4,0 milioni, +18% rispetto a Euro 3,4 milioni al 31 dicembre 2014. Le operazioni hanno riguardato sia startup già in portafoglio (Filo, TiAssisto24, Tutored, SpotOnWay, Whoosnap) che nuove (Re-Bello, Whoosnap, Brave Potions, Moovenda, Nextwin, Sync (Majeeko), Verticomics, Voverc). Inoltre, si sono concluse 2 operazioni di fundraising su startup nelle quali LVG aveva già investito nel 2014 (Atooma, CoContest).

La Liquidità Finanziaria Netta è pari a Euro 2,7 milioni (Euro 3,5 milioni al 31 marzo 2015 ed Euro 4,1 milioni al 31 dicembre 2014). Il Patrimonio Netto è pari a Euro 7,3 milioni (Euro 8,0 milioni al 31 dicembre 2014).

Evoluzione prevedibile della gestione

Nel corso dell’esercizio 2015 il management proseguirà nell’implementazione delle linee guida del Piano Industriale 2015-2018 approvato in data 18 marzo 2015, focalizzando l’impegno sull’attività di investimento in startup.

La Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2015 è a disposizione del pubblico presso la Sede sociale, sul sito internet della Società e sul meccanismo di stoccaggio autorizzato 1Info.

Perché i nostri dati sono il carbone del XXI secolo: Facebook, Whatsapp e 187 miliardi

I dati come il carbone nel 18esimo secolo e diventeranno una nuova forma di moneta. Il mercato varrà centinaia di miliardi, ma solo pochi ci hanno messo le mani. Finora. E uno spazio si apre anche per le startup

Il senso del round di MoneyFarm con Allianz, secondo Paolo Galvani

A quasi un anno dal primo grande round da 16 milioni e all’indomani dell’annuncio di un altro round con il gruppo Allianz, abbiamo intervistato il presidente di MoneyFarm Paolo Galvani. Consigli alle startup fintech? «sfatiamo il mito delle banche che cercano startup, bisogna puntare tutto sul team per impressionare gli investitori».

E’ qui la scuola del futuro

Dal Piano Nazionale Scuola Digitale, che tra poco compirà un anno, alle tecnologie per l’e-learning, la programmazione e i giovani maker. Di cosa parliamo quando parliamo di scuola digitale, il futuro dell’apprendimento

Il robot che ispeziona gli edifici (e previene possibili crolli). QuicaBot

QuicaBot, usando il suo sguardo a infrarossi e numerose telecamere, impiega circa la metà del tempo che un essere umano per ispezionare un edificio. È stato progettato per individuare segni di cedimento, difetti, crepe o altri tipi di anomalie

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»