Russolillo: «Perché abbiamo portato Lean Startup Machine a Napoli»

Intervista ad Antonio Russolino, ceo di Metan Tecno e business angels, che porterà il 25 settembre Lean Startup Machine a Napoli. Qui i dettagli sull’evento

Lean Startup Machine, è uno dei format di maggiore successo al mondo per l’apprendimento pratico del  metodo Lean Startup sviluppato da Eric Ries. Un’occasione per far tesoro di best practice organizzative e non, per trovare spunti interessanti per espandere il proprio business, prendere contatti con altre aziende e per confrontare la propria esperienza con quella di altre realtà.

LSM  è un workshop intensivo durante il quale i partecipanti imparano ad affrontare in prima persona le sfide dello sviluppo di una startup. Seguiti da mentor selezionati tra professionisti e creatori di startup di successo, applicano il metodo per massimizzare lo sviluppo dei loro progetti con la massima rapidità ed efficacia. Abbiamo intervistato uno dei due organizzatori dell’edizione di Napoli, che si terrà dal 25 al 27 settembre, Antonio Russolillo, CEO di Metan Tecno e Business Angel. Qui per partecipare all’evento.

hqdefault

Quando e perchè hai deciso di organizzare LSM Napoli?

Leggendo una serie di articoli sulle startup mi sono imbattuto nel termine Lean Startup e subito mi ha appassionato la metodologia. Poi vedendo il video ufficiale sulla pagina ufficiale mi sono accorto che mancava uno skyline italiano, mancava quello delle mia città Napoli. L’ecosistema startup a Napoli è in forte ascesa, quindi era necessario arricchire la ricetta con un nuovo ingrediente. Gli imprenditori devono mettere a disposizione la loro esperienza e le loro conoscenza, contribuendo alla crescita ed alla maturazione dell’ecosistema delle startup. Organizzare questo evento, per la prima volta al Sud Italia, è il mio primo contributo in favore dei giovani che vogliono fare impresa.

Quali sono le differenze con gli altri format legati al mondo delle startup?

Lean Startup Machine è l’unico format basato sulla validazione sia del problema che della soluzione, attraverso una serie di workshop altamente formativi i partecipanti apprenderanno e metteranno in pratica tutte le metodologie per la verifica della loro idea imprenditoriale. Ulteriore differenza, saranno messi a confronto con i loro customers, quindi gireranno per la città per parlare con loro personalmente.  La metodologia Lean nasce nell’ambito industriale ed è applicabile in ogni tipo di organizzazione. Queste verifiche non saranno fatte “tra quattro mura” bensì saranno spinti fuori, a confrontarsi con i propri clienti. Il tutto sarà supervisionato da mentors esperti della metodologia Lean, provenienti dalle università, aziende pubbliche, private e dal mondo imprenditoriale.

Come funzionerà la tre giorni? Quali sono le fasi salienti?

Durante il primo giorno i partecipanti, chi lo vorrà, presenterà una sua idea in 50 secondi, senza slide. Con le idee più votate si formeranno i team. Subito dopo si parte con due workshop, il caso studio e l’experiment board, lo strumento indispensabile in cui i partecipanti dovranno testare il loro business.Subito dopo i team si metteranno al lavoro fino alla chiusura della giornata, dopodiché ai team ed ai mentor sarà offerta la cena. Nella giornata di sabato, dopo il breakfast, i team inizieranno subito con una lezione su come intervistare i clienti, e la metteranno in pratica uscendo per la città per validare le ipotesi del problema. Tornati in aula per assistere alla lezioni su come validare la soluzione, nel pomeriggio usciranno di nuovo per parlare con i clienti per la validation della  soluzione. Al ritorno mentor e team ceneranno e questi ultimi parteciperanno al workshop dedicato alla presentazione della loro idea innovativa ed alla costruzione del prodotto minimo (MVP), per poi mettersi al lavoro e realizzarlo fino alla chiusura dell’evento. Nella giornata conclusiva di domenica, dopo il breakfast, i team usciranno per l’ultima volta per vendere la loro soluzione (MVP), al ritorno saranno acquisiti tutti i dati dei team e le relative presentazioni che saranno consegnate ai giudici per la valutazione finale. Nel pomeriggio l’annuncio dei vincitori. Chi vince? Chi si adegua meglio al mercato, chi fa più pivot, ma soprattutto chi vende!

Perchè bisognerebbe partecipare?

E’ un evento internazionale nel quale si apprende una nuova metodologia, un’occasione per mettersi in gioco e fare networking. E’ un evento pratico, di apprendimento e applicazione immediata. Perché non finisce tutto a Napoli. I vincitori continueranno ad accelerare grazie ai premi locali e poi a quelli nazionali.

Quali sono le principali regole di LSM?

Non innamorarsi della propria idea e Stop Thinking – Start Talking

Ndr. Per i lettori di StartupItalia gli organizzatori hanno deciso di fare uno sconto del 20% sul biglietto inserendo il codice STARTUPITALIA.

Ti potrebbe interessare anche

13 cose che un incubatore di startup fa meglio di un acceleratore

I programmi brevi di accelerazione non funzionano. Il modello di incubazione deve cambiare. Ecco dove un incubatore di startup riesce a fare meglio

15mila persone lavorano con le startup (e tutti i numeri che spiegano l’ecosistema)

Secondo report di InfoCamere sullo stato di salute dell’ecosistema delle startup in Italia. Qui i numeri più importanti per capire come si sta muovendo il mercato dell’innovazione, lavoro, utili, dipendenti, settore e città

5 pizzaioli vs 5 startupper: una sfida coloratissima nel cuore di Napoli per rispondere a Briatore

Un evento che ha fatto sfidare l’ottima pizza napoletana con le startup partenopee. Innovazione e tradizione si possono coniugare perfettamente, ecco come

Le 7 startup del Food Accelerator Program di Deloitte

Presentate a Milano le startup che seguiranno il percorso del FoodTech Accelerator coordinato da Officine Innovazione di Deloitte in collaborazione con Amadori, Cereal Docks e Gruppo Finiper