Winezon: «porteremo il vino in tutte le case d’Italia in massimo 48 ore»

Intervista al founder di Winezon Gabriele Stringa che racconta cos’è la sua startup e perché potrebbe essere un servizio potenzialmente innovativo per il mercato del vino italiano.

Winezon è una piattaforma digitale online che permette alle cantine di vendere i loro prodotti. Attiva da settembre 2014, ha già convinto ad affidarsi a loro 250 le cantine di tutta Italia per vendere vino online, sia a clienti privati che ad aziende. La loro forza, spiega il founder Gabriele Stringa, è la piattaforma che ne sta alla base. «Le cantine per la prima volta, hanno a disposizione una grande piattaforma gratuita per vendere i loro prodotti online, senza sostenere alcuna spesa iniziale e senza preoccuparsi di fatturazioni e spedizioni». Il mercato della vendita online, anche quella del vino, è in continua crescita. Aprire un sito di e-commerce però, richiede ai produttori vinicoli un importante investimento sia in termini di tempi che di costi, oltre che una certa dimestichezza con il mondo online.

Ad affiancare Stringa il socio Federico Migliorini. L’obbietivo di Winezon è di portare vino a domicilio in 48 ore direttamente dalla cantina. Ma non solo: «Winezon permette a tutti gli amanti del mondo del vino di scoprire ogni settimana nuove cantine e bottiglie e di accedere a degustazioni esclusive di prodotti, da vivere direttamente in cantina». Loro pensano a tutto, alle cantine non resta che preparare la confezione con i prodotti acquistati dal cliente: il corriere di Winezon passerà poi a ritirare il pacco presso la sede della cantina e lo consegnerà al cliente, il tutto nel giro di 48ore (isole escluse). Il resto lo spiega direttamente Stringa.

fXnT5uPrGgGza6QvMIUjGHSjhFIxY41BexEMFd0BHtc,j6roLjNl_Jh2uYfIRZdlU8FeHOeojur2KCsweqkaKp0

Definisci a chi non vi conosce cos’è Winezon.

Il winezon è il primo marketplace del vino in italia, le cantine infatti, per la prima volta, hanno a disposizione una grande piattaforma gratuita per vendere i loro prodotti online, senza sostenere alcuna spesa iniziale e senza preoccuparsi di fatturazioni e spedizioni. Il mercato della vendita online, anche quella del vino, è in continua crescita. Aprire un sito di e-commerce però, richiede ai produttori vinicoli un importante investimento sia in termini di tempi che di costi, oltre che una certa dimestichezza con il mondo online.

Perché il mercato dovrebbe avere bisogno di voi? 

Perché fornisce un servizio a 360° per la cantina, dalla spedizione al pagamento fino al marketing. Dal lato del consumatore finale si traduce nella possibilità di acquistare direttamente dal produttore, in 48h, ad un prezzo decisamente interessante.

Qual’è la media degli ordini effettuati? 

70 euro circa.

Chi sono i vostri competitor sul mercato?

Chiunque vende vino online.

Cosa pensate di offrire in più rispetto a loro?

Il vino è il frutto della passione e della dedizione di chi lo produce e noi su Winezon ve lo portiamo al giusto prezzo e con la garanzia di qualità della cantina. Lo consegniamo in 48h senza dover aspettare eventuali aste.

Qualcuno ha già creduto in voi. Investitori, acceleratori?

L’investimento iniziale é stato fatto da persone amiche che hanno creduto in questo progetto.

Cercate investitori?

Cerchiamo in primis partner che credano nel nostro progetto e che abbiamo una visione di espansione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Il mercato digitale vale 5 volte il Colosseo: i 16 punti Ue per liberare un tesoro nascosto

Il digital single market può muovere in Europa 415 miliardi l’anno di beni bloccati da tasse e normative e creare 3,8 milioni di posti di lavoro. L’Ue ha approvato un piano che faciliterà startup, aziende e consumatori.

Italian Angels for Growth investe 500mila euro in Wineverse

L’associazione di business angel ha annunciato il primo round d’investimento nel progetto di vendita di vini italiani online

L’ex numero due di Apple investe in una startup italiana. E ne sarà il presidente

Marco Landi è stato top manager di Apple. Oggi si dedica alla crescita delle startup come con il suo fondo Atlantis Ventures. E lunedì ha deciso di investire in The Box Company, startup pugliese. Ecco come è andata

La scuola di talenti del Meridione che si ispira a Google (e un po’ ai Borbone)

Nella città della Reggia 012Factory ha portato una scuola di impresa per sviluppare l’economia locale e fare innovazione. Con un modello particolare, che guarda un po’ agli Usa, un po’ alla propria storia

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp