A Bologna nasce il primo Barcamper Garage (con un fondo da 50 milioni per startup)

Barcamper Garage sarà localizzato presso l’Istituto Aldini Valeriani, centenario istituto di eccellenza nella formazione tecnica, grazie all’accordo tra Unindustria Bologna, il Comune di Bologna e dpixel.

Bologna, 7 settembre 2015 – dpixel annuncia che sarà aperto a Bologna il primo Barcamper Garage, uno spazio dedicato all’attrazione e all’accelerazione di startup innovative che ospiterà a partire dal 2016 oltre 50 nuove  imprese provenienti da tutta Italia per supportarle nei loro piani di crescita e nella raccolta finanziaria. Il Garage di Bologna sarà realizzato presso gli ex-laboratori di edilizia dell’Istituto di Istruzione Superiore Aldini Valeriani Sirani (www.iav.it).

Leggi l’intervista a Gianluca Dettori (dpixel):
Così porteremo in Italia il modello di accelerazione USA

Barcamper-di-Dipixel-800x500_c

L’Aldini Valeriani è uno dei più antichi istituti tecnici d’Italia e d’Europa. È stata la prima scuola superiore di istruzione tecnica pubblica e gratuita in Italia e da oltre 160 anni costituisce il polo di eccellenza e di avanguardia bolognese nella formazione di imprenditori, professionisti, manager, quadri e tecnici molti dei quali hanno dato vita a imprese piccole e grandi.

“Siamo entusiasti del contesto in cui si collocherà il primo Barcamper Garage – ha dichiarato Gianluca Dettori, Presidente di dpixel – non solo per il prestigio e la storia di eccellenza che l’Istituto Aldini Valeriani  rappresenta, ma anche e soprattutto perché avremo l’opportunità di condividere lo spazio con oltre 2000 giovani che studiano all’Istituto materie come chimica, edilizia, elettronica, automazione, energia, informatica, meccanica tutti campi di grandissimo interesse per il venture capital. La nostra sfida è anche quella di valorizzare questi giovani talenti coinvolgendoli il più possibile nella nostra attività”.

Il Garage punta a creare a Bologna un hub di cultura imprenditoriale e di innovazione tecnologica con particolare attenzione alle nuove generazioni attraverso eventi di scouting, workshop, networking ed attività più specifiche di mentoring e supporto alle startup. L’obiettivo è quello di costituire in città  un polo in grado di attrarre nuovi progetti imprenditoriali da tutta Italia.

“Siamo orgogliosi di essere parte attiva di questo progetto che attrarrà nel nostro territorio nuove idee imprenditoriali e nuovi investimenti, consolidando così il ruolo di Bologna come capitale della creatività e dell’innovazione. La nostra Associazione scommette ancora una volta, con le proprie risorse e con la propria progettualità, su questo territorio, in un’ottica di crescita continua e arricchimento della cultura imprenditoriale. – ha sottolineato il Presidente di Unindustria Bologna, Alberto Vacchi – Nel ‘Garage’, che sarà ricavato da una riqualificazione di un’area dismessa dell’istituto Aldini Valeriani, creeremo un microclima ideale per coltivare la contaminazione fra imprenditoria e formazione, restando ancorati alla nostra manifattura, ma con lo sguardo proiettato in avanti pronti a stimolare e cogliere nuove frontiere tecnologiche”.

L’apertura del Barcamper Garage a Bologna si colloca all’interno di un più ampio progetto di sostegno anche finanziario allo sviluppo dell’imprenditorialità e dei talenti innovativi che avrà il proprio fulcro

nelle attività del progetto Primomiglio già supportato da Fondo Italiano di Investimento, Banca Sella Holding e da oggi da Unindustria Bologna.

“Da tempo come banca siamo attenti e impegnati a supportare l’innovazione e a diffondere la cultura del digitale come strumento di crescita – ha aggiunto Grazia Borri, Vice Direttore Centrale di Banca Sella Holding – sostenendo quelle startup che dimostrano di avere le potenzialità per far bene. Il nostro coinvolgimento nel progetto Primomiglio vuole essere un’ulteriore dimostrazione di questa nostra attenzione, mettendo le nostre competenze a disposizione di un’iniziativa che aiuta e sostiene, anche finanziariamente, i giovani nello sviluppo di progetti imprenditoriali importanti”.

“Il progetto che presentiamo oggi è una conferma dell’attrattività di Bologna e del fermento imprenditoriale che si sta registrando. Due anni fa, nel Piano Strategico Metropolitano di Bologna, lanciammo l’idea di creare un fondo per le imprese innovative e di aprire alla collaborazione tra scuola e impresa. – afferma Virginio Merola, Sindaco di Bologna – Oggi l’inserimento di ‘Barcamper Garage’ alle Aldini Valeriani rappresenta quindi un doppio obbiettivo raggiunto. In qualità di Sindaco di Bologna e della Città Metropolitana sono molto contento di affidare questi nostri spazi per un progetto condiviso. Il Comune e la città Metropolitana collaboreranno mettendo a disposizione i propri programmi di promozione delle startup, della creatività e dell’innovazione a partire dalla rete Incredibol!”.

Barcamper Garage Bologna ospiterà su un’area complessiva di circa 800 mq le startup selezionate in tutta Italia attraverso il Barcamper per lavorare a stretto contatto con il team di dpixel e mettere a punto i propri progetti, prototipi, business plan e contatti con gli investitori. Una parte dello spazio e dei contenuti sarà specificatamente dedicato alla fabbricazione digitale e al making.

Ti potrebbe interessare anche

“Le startup: il nuovo Rock’n’Roll” Techgarage premia GyroSd

“E’ la nostra prima startup competition”. GyroSd, startup dedicata ai centauri, vince Techgarage a Roma. Si conclude lo Startup Revolutionary Road Barcamper tour

7 exit, 34 milioni investiti e altri fatti da ricordare dei primi 6 mesi del 2015

Il riassunto dei primi sei mesi del 2015: exit, investimenti, politica, innovazioni. Ecco tutto quello che è successo, numeri e storie, nel mondo delle startup italiane.

Un acceleratore e un fondo da 50 milioni, Dettori: «Porteremo in Italia il modello 500 Startup»

Intervista a Gianluca Dettori (dpixel, Barcamper) che racconta come è nata l’idea di un acceleratore a Bologna e perché si tratta di un modello che avvicina l’Italia al modello americano di accelerazione di startup

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.