Aizoon mette in premio 45.000 euro per i challenge IOT

L’azienda di Torino ha lanciato 3 challenge legati all’Internet of Things diretti a giovani laureati. Adesioni entro il 25 settembre

In occasione dell’evento Meet IoT che si terrà a Torino il 1 e 2 ottobre 2015 con relatori quali Carlo Ratti, Francesco Profumo e Bruce Sterling, Aizoon ha lanciato 3 challenge legati all’Internet of Things diretti a giovani laureati con un premio di 15.000 euro per ogni tema.

I challenge vertono su tre filoni

Wearable devices: sviluppo di un dispositivo in grado di monitorare ritmo cardiaco, calorie bruciate e altre variabili predefinite e fornire un feedback durante le ore di tempo libero e di attività lavorativa, in particolare in contesti lavorativi quali quello manifatturiero.

Sensore per il rilevamento della qualità dell’aria: sviluppo di un dispositivo che sia mass-market e low cost, con affidabile precisione nella misurazione dei valori dell’inquinante (NO2).

Sistemi di tracciamento anonimizzato: definizione di un proof of concept di un sistema di sensori in grado di creare un insieme di percorsi sulla base di dati anonimizzati.

I challenge sono riservati a laureati di età massima 35. In caso di gruppi l’età media massima è di 35 anni e il termine ultimo per l’invio delle proposte è il 25 settembre 2015. I vincitori saranno premiati durante Meet IoT il 1 di ottobre.
Il premio di 15.000 euro per ogni challange è da suddividere fra le migliori soluzioni proposte. È prevista anche la valutazione di varie forme di collaborazione professionale.

Cliccare qui per maggiori info.

Per partecipare scrivere alla mail [email protected]

Aizoon

Aizoon è un’azienda di consulenza di Torino che segue le aziende nella realizzazione di sistemi informatici.
Le sedi istituzionali della società si trovano a Torino, Milano, Roma, Genova e Cuneo. Occupa circa 500 dipendenti.
La società collabora con oltre 80 clienti di primaria importanza nei seguenti mercati:
DASS: aeronautics, aerospace, defence, naval
E2 : energy, environment
FIN: insurance, investment banking, retail banking
F&F: fashion, food

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Perché (e quanto) le banche hanno bisogno del fintech, secondo Borsadelcredito.it

La disintermediazione sta costringendo le banche a reinventare i loro servizi, andare incontro alle aspettative del consumatore e avvicinarsi, in qualche modo, al fintech. Le ragioni e i passi da compiere nel commento di Antonio Lafiosca, Coo di Borsadelcredito.it