400mila euro per GiPStech, è il secondo round con Italian Angels for Growth

Finanziata da IAG e Embed Capital, la piattaforma sfrutta il campo magnetico terrestre. A breve arriverà la versione BETA

La startup calabrese GiPStech ha ricevuto un investimento di 400 mila euro dai soci di Italian Angels for Growth (IAG) e Embed Capital che le consentirà di entrare nel mercato mettendo a punto un sistema di localizzazione indoor per smartphone con costi di installazione e manutenzione bassi. L’investimento di 400 mila euro era stato preceduto da un precedente round di finanziamento di 200 mila euro fatto dai socia di IAG a maggio 2014. E’ il secondo investimento che IAG fa in Gipstech dopo il primo da 200 mila euro fatto a maggio 2014.

GIPSTECH

Come ha spiegato Simon Ardiss, socio IAG coinvolto direttamente nel supporto alla startup, «IAG ha potuto finanziare questo round con il supporto di un solo co-investitore, contribuendo alla crescita della società anche attraverso la partecipazione attiva alla sua vita e mantenendo un contatto regolare volto a sostenere lo sviluppo del talento già presente nella startup, sia attraverso mentoring strategico e di business che networking».

GiPStech integra algoritmi di localizzazione che sfruttano l’utilizzo del campo magnetico terrestre con algoritmi inerziali. La precisione dello strumento è di circa un metro e usa come segnale guida le anomali del campo magnetico terrestre presenti in un qualsiasi ambiente indoor. È un segnale chiaramente gratuito, sempre presente, affidabile e stabile, secondo gli sviluppatori. E funziona anche con gli smartphone offline.

C’è poi anche la possibilità di integrare il supporto Wi-Fi e i-Beacons, ed entrambi contribuiscono alla robustezza della localizzazione con l’effetto di poter utilizzare qualsiasi segnale RF che è possibile trovare già nell’ambiente. GiPStech non richede alcuna istallazione né infrastruttura di supporto.

Dalla startup garantiscono che la versione BETA sarà disponibile in poche settimane per essere poi utilizzata dagli sviluppatori selezionati. L’obiettivo? Coinvolgere sviluppatori di applicazioni e servizi per rispondere a esigenze di ogni tipo: dai negozi agli spazi espositivi, fino ad arrivare alle strutture ospedaliere.

«IAG e Embed si confermano tra le realtà italiane più attente all’investimento in tecnologie innovative, e grazie al loro impegno saremo in grado di rispondere con le giuste risorse al forte interesse che ci stanno dimostrando molti grandi player, soprattutto esteri ma anche nazionali, che stanno in queste settimane testando la nostra soluzione per implementarla nel mass-market o per fornirci ulteriori risorse», ha detto Gaetano D’Aquila, CEO di GiPStech.

Per Massimo Vanzi, socio IAG e referente per l’investimento, questa seconda tranche serve a completare l’investimento «forti dei riscontri positivi che ci stanno arrivando dai potenziali clienti, tra le più avanzate aziende tecnologiche al mondo, che testimoniano come GiPStech sia riuscita con capitali 20 volte inferioriai competitor a sviluppare la migliore tecnologia oggi nel mercato».

«Ci siamo uniti nell’investire in GiPStech coerentemente al nostro obiettivo di dotare di mezzi finanziari le startup da ricerca con maggiore potenziale di mercato e l’obiettivo di generare ritorni importanti per gli investitori», ha spiegato Edoardo Bosio, CEO di Embed Capital.

Ti potrebbe interessare anche

GipsTech, che colpo! 200 mila euro da Italian Angels for Growth

E’ la rete di IAG ad aver investito nel Gps per interni creato dal team di Matteo Faggin. Il finanziamento servirà per sviluppare la piattaforma e testare il prodotto

L’11 titolare delle startup italiane (secondo Business Insider)

James Cook, giornalista di Business Insider ha segnalato le undici startup italiane da tenere sott’occhio. Un numero adatto ad una squadra di calcio. Ecco come giocherebbe oggi la nazionale italiana delle startup.

TechCrunch Italy 2013: i nomi

Reso noto il programma completo della manifestazione di Roma, 26-27 settembre, e i nomi delle 34 startup che si giocheranno gli otto progetti finali. Nei prossimi giorni

5 milioni per Musement! Il 2015 ancora nel segno di food e del turismo digitale

La startup del turismo annuncia la raccolta di 5 milioni di euro nel suo secondo round di investimento. Su #VeryBello aveva detto: «Pronti a condividere con il ministero la nostra tecnologia, anche gratis»

LowRes | Il cimitero in HTML degli elefanti della politica

La comunicazione dei candidati ormai è affidata a impersonali siti di partito o al bailamme del social network. Ogni tentativo di personalizzare la presenza in Rete sembra abbandonato

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.