#UberGIVING, prenota un’auto gratis per donare abiti ai profughi

Insieme alla Croce Rossa Italiana, Uber dà la possibilità di raccogliere materiale per i rifugiati. Senza muoversi di casa

Una nuova iniziativa all’insegna della solidarietà, dopo l’AirBnb tedesco che accoglie i profughi (quasi) gratuitamente (e di cui abbiamo parlato qui): si tratta di #UberGIVING, la partnership tra Uber e la Croce Rossa Italiana attiva in 20 città di 11 paesi europei. Su Twitter, intanto, sta già avendo un enorme successo.

Come funziona #UberGIVING?

Oggi, dalle 10 alle 18, sarà possibile aprire l’app di Uber e prenotare sulla sezione GIVING un’auto che verrà direttamente a casa tua a recuperare le donazioni che verranno poi portate alla sede della Croce Rossa e da lì inviate ai profughi che ne hanno bisogno. Il costo della prenotazione dell’auto è pari a zero: Uber infatti fornisce il servizio gratuitamente. Ogni paese in cui sarà attivo il servizio #UberGIVING potrà scegliere quali materiali raccogliere. Per esempio, nei Paesi Bassi, Uber ha chiesto che venissero donati soprattutto sacchi a pelo che saranno poi inviati in Grecia, dove attualmente arrivano migliaia di profughi spesso costretti a dormire per strada.

#UberGIVING

Cosa donare?

La Croce Rossa Italiana ha stilato una lista di cose di cui rifugiati e profughi possono aver bisogno: maglioni nuovi (stile pile) di taglia dalla 42 alla 46; scarpe da ginnastica nuove numero dal 42 al 47; canottiere intime invernali; pantaloni nuovi pesanti che siano comodi e sportivi; piumini nuovi; biancheria nuova per bambini dai 2 ai 7 anni; giubbotti nuovi per bambini; ciabatte nuove in plastica per la doccia. Per i capi usati, invece, la Cri informa che verranno accettati anche pantaloni e scarpe da calcio.

Community, Engagement e Design: gli ingredienti per co-creare al meglio insieme ai tuoi clienti

Giuseppe Montella a ottobre 2018 entra in illimity come Head of Design con l’obiettivo di disegnare un’experience differenziante per una banca di nuovo paradigma, all’insegna del coinvolgimento dei clienti, prototipazione e continua sperimentazione

Dalla paura della flebo un’intuizione per aiutare i bambini malati: Medi Teddy

Una ragazzina di appena 12 anni, Ella Cusano, ha avuto l’idea di trasformare il suo orsacchiotto in uno stratagemma per nascondere la sacca delle sue trasfusioni che tanto le facevano impressione. Da lì l’idea di diffondere il suo diversivo a molti pazienti della sua età

Emirati Arabi, Pure Harvest: il nuovo petrolio sono i pomodori

Le condizioni climatiche proibitive costringono il Paese a fare massicce importazioni di frutta e verdura. Una startup promette di far nascere i pomodori nel deserto