Rinuncia a un posto da manager in Airbnb per fare startup, in Italia. Chi è Sally Semeria

Niente laurea e formazione da InnovAction Lab, così la 32enne ligure ha riscoperto il valore del km zero e fondato una sua startup in Italia. Storia di Sally Semeria

Ha rinunciato a un contratto da manager a tempo indeterminato a Airbnb per lanciare una sua startup. E quando ne parla, Sally Semeria, 32enne ligure con la passione per gli Stati Uniti, non ne è affatto pentita: anzi, dice, «negli ultimi tempi che stavo a Airbnb non vedevo più lo spirito che caratterizza le startup, era diventata un’azienda vera e propria, e non ci stavo più bene. Sentivo il bisogno di fare io qualcosa di nuovo». E così, insieme al 33enne Francesco Grandazzi, anche lui ligure, ha dato vita a Bjull, un sito web che mette in contatto proprietari di orti con clienti interessati a comprare prodotti a km zero. Il nome è quello di un cane a cui Sally è molto legata perché in una notte di tempesta portò in salvo il gatto di casa: «Da quel giorno ho pensato che dare il nome di un segugio ad una nuova impresa fosse un buon auspicio, e così finora è stato».

Niente laurea, ma formazione acquisita durante InnovAction Lab

«Non sono laureata e ho studiato alle magistrali: la mia formazione scolastica non c’entra nulla con quello che ho fatto dopo, nella vita», spiega Semeria, che dice di aver avuto l’esperienza formativa più importante della sua vita a InnovAction Lab sotto la guida di Augusto Coppola.

Sally Semerio

I successi (e le difficoltà) di Bjull

«Al momento su Bjull sono registrati 50 orti online – racconta Sally – e mancano all’appello solo tre regioni: Abruzzo, Marche e Valle d’Aosta: la maggior parte delle vendite le abbiamo registrate in Liguria e in Sicilia». Il motivo di queste tre mancanze, secondo Sally, «è che in Italia c’è molta arretratezza nella digitalizzazione. Per cui spesso diventa difficile per un agricoltore persino mandarti una foto o iscriversi al sito».

L’amore per gli Usa (e il desiderio di portarci Bjull)

Da quattro anni Sally vive a Milano, ma quando può scappa negli Stati Uniti. Ed è proprio negli States che, un anno fa, ha avuto l’idea di Bjull, che è stata poi sviluppata al rientro in Italia ed è online da gennaio 2015. Sono sempre gli Usa il terreno su cui Sally ha fatto le prime analisi per vedere se la sua idea poteva essere vincente. E ancora: sono gli Stati Uniti il posto in cui Sally e Francesco vogliono portare Bjull. «Da qui alla prossima primavera lavoreremo per stringere rapporti con associazioni no profit e siamo in contatto con la Camera di Commercio nel Michigan», spiega Sally, che aggiunge: «Abbiamo girato più di venti stati, e il Michigan è un territorio interessante per avere una buona riuscita del progetto. Siamo soprattutto interessati a Detroit, dove dopo la chiusura di General Motors è nato un grande interesse a sostenere iniziative di questo tipo».

I finanziamenti, in autunno

Oltre a questo, Semeria guarda anche al lato economico: «Siamo in contatto con un investitore italiano che vorrebbe finanziare Bjull, avremo la risposta in autunno. Per ora, per scaramanzia, meglio non svelare altro, ma siamo ottimisti».

Il sequestro dell’intero dominio .cat in Catalogna, Flora: «Gravissimo e pericoloso» | Video

Più di 100 mila domini sotto sequestro: è l’effetto dell’irruzione della Guardia Civil spagnola nella Fundació puntCat. Obiettivo: oscurare i siti che promuovono il referendum per l’autonomia della Catalogna

Una startup slovacca produce su ordinazione case trasportabili. Ecocapsule

Questi moduli abitativi producono energia pulita e filtrano l’acqua piovana. Possono essere posizionati dovunque e offrono una soluzione a chi non vuole rinunciare né alla comodità né all’avventura dell’esplorazione