Italian Angels for Growth: Andrea Rota designato come secondo Vicepresidente

Il maggiore angel group in Italia attivo dal 2007 nello sviluppo di nuove realtà imprenditoriali, completa la propria squadra di vertice

(Comunicato Stampa) – Italian Angels for Growth (IAG), il maggiore angel group in Italia attivo dal 2007 nello sviluppo di nuove realtà imprenditoriali, completa la propria squadra di vertice con la designazione del secondo Vicepresidente.

Si tratta di Andrea Rota, membro di IAG da ottobre 2013, nominato all’unanimità dal Consiglio Direttivo dell’Associazione.
Rota si unisce agli altri membri del Direttivo, in carica fino a giugno 2016, presieduto da Antonio Leone e composto da Valerio Caracciolo – l’altro Vicepresidente, Marco Fabio Nannini – Managing Director – Franco Bocchini, Marco De Guzzis, Laura Iris Ferro e Federico Tonelli.

Andrea Rota si dedicherà in particolare a far evolvere e sviluppare le attività nel Digitale, supportando le iniziative già in essere e focalizzando le prossime scelte al fine di permettere ad IAG di accrescere la sua importanza come attore del settore.

Rota è Responsabile per la sicurezza delle transazioni eBay in Europa e per la lotta alla contraffazione a livello globale. In eBay dal 2006, dove ha ricoperto ruoli manageriali in Italia, Regno Unito e Svizzera.

Ha conseguito la laurea in Ingegneria Civile al Politecnico di Torino, un Master in Business Administration presso IMD a Lausanne e in passato ha lavorato nell’ambito dell’enterprise software, in Baan e SAP, ad Amsterdam, Seattle e Palo Alto, in Italia presso Finmatica, ricoprendo ruoli di Product Management, Marketing e Sales.

IAG ha sviluppato negli anni attraverso i propri soci e il coinvolgimento di altri operatori, investimenti in capitale di rischio per circa 24 milioni di euro suddivisi in 43 round d’investimento.

I soci IAG hanno contribuito alla nascita e alla crescita di 28 imprese innovative.

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.