Ericsson seleziona 4 startup da accelerare nel campus di Roma

Il concorso è rivolto a startup e imprese innovative nell’ambito di: Internet delle cose e M2M, cybersecurity, turismo e cultura, m-commerce, mobilità e trasporti, ambiente e innovazione sociale. Candidature entro il 31 ottobre

Ha preso il via la settima edizione del Programma Ego, iniziativa no-profit di Ericsson e Fondazione Lars Magnus Ericsson, che ha l’obiettivo di offrire opportunità di crescita e di sviluppo a startup e progetti imprenditoriali operanti nel mondo dell’Information & Communication Technology.

Il concorso è rivolto a startup e imprese innovative, team di progetto e singoli, di età non superiore ai 35 anni. Pur non costituendo un pre-requisito fondamentale per l’ammissione al processo di selezione, sono stati individuati 6 settori nell’ambito dei quali gli interessati dovranno candidare il proprio progetto di impresa: Internet delle cose e M2M, cybersecurity, turismo e cultura, m-commerce, mobilità e trasporti, ambiente e innovazione sociale.

Con la nuova edizione del Programma Ego – dal tema Change-makers per la Società Connessa – Ericsson offre a 4 startup, accuratamente selezionate, un periodo di accelerazione di due anni, mettendo a disposizione, a titolo gratuito, uffici attrezzati nel campus Ericsson di Roma, consulenze in ambito organizzativo, commerciale, tecnologico, legale e finanziario e l’opportunità di entrare in contatto con la rete internazionale di clienti e partner dell’azienda, attiva in oltre 180 Paesi nel mondo. La Fondazione Lars Magnus Ericsson inoltre garantirà alla startup prima classificata, vincitrice del Premio per l’Innovazione 2015, l’accesso al Mobile World Congress 2016 di Barcellona.

Le candidature dovranno pervenire all’indirizzo email [email protected] entro il 31 ottobre 2015.

Ericsson - Programma Ego

«Forse mai come in quest’epoca digitale sta formandosi una così importante miscela di fattori positivi e di opportunità concomitanti, ideali per fertilizzare il terreno di crescita delle startup» Ha spiegato Cesare Avenia, Presidente della Fondazione Lars Magnus Ericsson. «Il Programma Ego, ricordiamolo, è una iniziativa nata nel lontano 2004 quando in pochi parlavano di startup. L’internazionalizzazione e l’attrazione di investitori esteri è oggi fondamentale per l’ulteriore crescita dell’ecosistema delle startup italiane. Uno dei segreti è la capacità di essere scalabili nella propria innovazione».

«È in corso una profonda trasformazione digitale, guidata da mobilità, banda larga e cloud, che porterà alla piena realizzazione di quella che Ericsson chiama Networked Society, la Società Connessa, dove tutto ciò che potrà beneficiare di una connessione sarà connesso generando benefici per la società, le imprese e l’ambiente, consentendo alle persone di realizzare il loro pieno potenziale e di creare un futuro più sostenibile». Ha spiegato Clara Pelaez, Vice President Strategy, Marketing and Communications di Ericsson Regione Mediterranea. «Con il Programma Ego vogliamo offrire a giovani talenti e startup la possibilità di vivere nuove esperienze e maturare nuove competenze, che consentano loro di affermarsi come i nuovi change-makers, in grado di accelerare il processo di digitalizzazione del nostro Paese».

Il Programma Ego, iniziativa della Fondazione Lars Magnus Ericsson, rientra tra i progetti di responsabilità sociale di Ericsson in Italia dal 2004 e vede la collaborazione di importanti università italiane: LUISS Guido Carli, Sapienza Università di Roma, Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Università degli Studi di Siena e Università degli Studi di Trento.

In oltre 10 anni, il Programma Ego ha selezionato e supportato 21 start-up, con un tasso di sopravvivenza di oltre il 75%.

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura