Tutti gli innovatori campani per rilanciare la regione. Appuntamento il 25 settembre

Si chiama Campania Competitiva ed è un’iniziativa promossa dalla giunta regionale attraverso l’assessorato alle Startup, all’innovazione e all’internazionalizzazione. Appuntamento al Salone Margherita il 25 settembre

La Campania Competitiva ci prova. Il 25 settembre a Napoli, presso il Salone Margherita, l’unico assessore regionale in Italia con delega all’innovazione, all’internazionalizzazione e alle startup chiama tutti quelli che possono avere un interesse verso i contenuti delle sue deleghe a esprimere liberamente la propria opinione e a portare il proprio contributo. L’essenziale è che l’interesse sia lecito e il contributo sia di interesse collettivo.

galleria-napoli

La giornata è articolata in due blocchi principali: tavoli tecnici al mattino e dibattito istituzionale al pomeriggio. I tavoli tecnici possono essere promossi da chiunque e ruoteranno intorno ai sei assi che reggono il tavolo del programma dell’assessorato: scoperta imprenditoriale, sostegno alle idee d’impresa, sviluppo dell’impresa, contaminazione, internazionalizzazione del capitale umano, internazionalizzazione delle imprese.

Ciascun asse avrà un suo coordinatore, che avrà l’onere di raccogliere e sintetizzare il contributo di ciascun tavolo in un report che formerà la base della discussione nel pomeriggio. I report saranno analizzati e discussi nel pomeriggio dai referenti delle istituzioni responsabili della pianificazione del futuro del Paese e della Regione nei prossimi cinque anni: MISE, MIUR, ICE, UE, Invitalia, makers, CGIL e Confindustria. Durante la giornata interverrà anche Riccardo Luna.

Valeria Fascione

Valeria Fascione è un’assessore fuori dal comune, un tecnico che da sempre si occupa sul piano istituzionale e operativo dei temi che sono alla base delle sue deleghe e questo approccio bottom-up, dove la società civile suggerisce alle istituzioni azioni concrete, è il segno di una potenziale originalità “pragmatica” del modo di fare politica.

La Campania è una delle tre grandi regioni meridionali che fino a oggi non ha saputo cogliere l’occasione di sfruttare le risorse comunitarie per stimolare l’ecosistema dell’innovazione e delle startup. Mentre in Abruzzo e in Basilicata le regioni hanno fatto partire incubatori e fondi di seed capital, in Campania, in Puglia e in Sicilia si è parlato tanto ma, almeno su questo fronte, si è fatto molto poco.

I meridionali, come al solito, si sono dovuti arrangiare con ogni mezzo per tenere la barca a galla. A Napoli, a Bari e a Catania sono sorti spontaneamente luoghi di co-working, percorsi di accelerazione, occasioni di match making e qualche libera associazione di investitori privati. Questi business angel sono coraggiosi ma improvvisati e avrebbero un senso se potessero coinvestire con fondi privati o pubblici per contribuire alla crescita delle startup con pochi soldi e tanta capacità di sviluppo; ma senza una catena di strumenti di finanziamento, soprattutto nelle fasi iniziali della vita dell’impresa, rischiano di perdere soldi e voglia di fare. Auguriamoci che sia la volta buona. Per saperne di più sul proframma cliccare qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp