Nasce un incubatore a Olbia e cerca 10 startup nautica e food-tech: qui la call

Il Cipnes di Olbia cerca startup! Ai nastri di partenza il “Cipnes Barcamper Challenge” promosso dal Cipnes Gallura con il Patrocinio di Ucina Confindustria Nautica, della Fondazione Banco di Sardegna e di Cattolica Assicurazioni

Il Cipnes (Consorzio Industriale Provinciale Nord Est Sardegna Gallura) annuncia il lancio dell’iniziativa “Cipnes Barcamper Challenge” finalizzata a individuare talenti e portatori di idee imprenditoriali ad elevato contenuto innovativo che possano trasformarsi in Startup potenzialmente finanziabili su fondi di rischio, nei settori della nautica e dell’agrifood da localizzare nel distretto produttivo consortile di Olbia.

L’iniziativa del Cipnes si colloca all’interno di un più ampio progetto strategico di animazione e promozione di sviluppo economico del territorio, che prevede entro il 2016 l’avvio sulla base di un accordo di programma Regione-Provincia, Comune di Olbia e Cipnes della c.d. P.T.E. – Sardinia Enterprise, un complesso fieristico e parco multifunzionale destinato a diventare anche un polo tecnologico per la promozione nazionale e internazionale del settore agroalimentare ed ittico regionale,oltre che un incubatore ed acceleratore di imprese altamente innovative particolarmente nel campo della nautica e dell’agroalimentare.

Il tour toccherà 10 città italiane (Genova,Oristano, Viareggio, Milano, Lecco, Bologna, Monfalcone, Roma, Ravenna, Padova) e sarà realizzato mediante il programma di scouting Barcamper lanciato da Dpixel che supporterà il Cipnes durante tutte le fasi progettuali.

Il Tour verrà lanciato al 55° Salone Nautico Internazionale di Genova, in programma dal 30 settembre al  5 ottobre, dove il Barcamper condurrà la prima tappa di scouting per individuare le startup da ammettere al progetto. La conferenza stampa di lancio dell’iniziativa è prevista per il giorno 2  ottobre alle ore 16,30 presso il Bonaldo Space all’interno del Padiglione B.

Cipnes barcamper

La presenza all’interno del Salone Nautico è stata resa possibile grazie al patrocinio di Ucina Confindustria Nautica, da sempre attenta ai temi riguardanti l’innovazione nel comparto.

Il patrocinio di Ucina Confindustria Nautica favorirà le prassi di open innovation, lo scambio di conoscenze e di contaminazioni tra il mondo produttivo tradizionale e quello della creatività, delle startup e dell’innovazione, permettendo alle aziende interessate di conoscere, sfruttare e valorizzare al meglio le migliori innovazioni che il mercato offre all’esterno, valutando l’opportunità di trasferirle all’interno del proprio modello di business.

Dopo la fase di selezione operata nel corso del Barcamper Tour,i 20 migliori team verranno inseriti in una “startup school” ad alta pressione, nel corso della quale un pool di mentor esperti supporterà i partecipanti  nella focalizzazione dei progetti, nella predisposizione della documentazione da presentare in maniera professionale a investitori, partner, clienti. La vicinanza con i team di aspiranti imprenditori sarà anche l’occasione da parte degli analisti di Dpixel di effettuare una prima “due diligence” sui piani d’impresa e valutare successive ipotesi di investimento.

I migliori 10 progetti che supereranno la dura fase di selezione della “startup school” potranno partecipare all’evento finale che si terrà a Olbia nel 2016 per presentare i progetti d’impresa alla comunità finanziaria e ai potenziali partner industriali. I vincitori riceveranno premi in denaro e un periodo di supporto e accelerazione all’interno dell’incubatore del Cipnes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Perché i Chatbot senza una vera AI non hanno senso | Ampio bestiario di racconti stravaganti

Facebook li abbandona e molti li criticano: i simulatori di conversazione sembrano aver già fatto il loro tempo. Il futuro è nell’Intelligenza Artificiale e in Italia Userbot lo sta applicando al Customer Service

Nerdalize porta nelle case degli olandesi il riscaldamento 3.0

L’idea della startup è semplice: usare il calore prodotto dai propri server per alimentare docce e caloriferi. Il progetto ha già ricevuto più di 250 mila euro grazie al crowdfunding