Il valore delle startup di LVenture sale a 55milioni, +59% nel 2015

Luigi Capello, Ceo di LVenture Group, presenterà questi dati durante la VI edizione del Lugano Small & Mid Cap Investor Day

(Comunicato Stampa) 25 settembre 2015 – LVenture Group, holding di partecipazioni quotata sul MTA di Borsa Italiana attiva nel Venture Capital, presenta oggi alla comunità finanziaria i più recenti risultati economico-finanziari dell’azienda, che dimostrano un trend di crescita molto positivo.

LVenture Group investe in aziende a elevato potenziale di crescita nel settore delle tecnologie digitali e opera nei segmenti del micro seed financing e del seed financing. Ad oggi, il portfolio di LVenture Group comprende 33 startup, al netto di due write-off e due nuovi investimenti negli ultimi due mesi. L’ammontare dell’investito è di Euro 4,2 milioni, cui si aggiungono Euro 10,6 milioni investiti da terzi nelle startup in portfolio.

Secondo i dati aggiornati al 16 settembre 2015, il valore totale delle start up in portfolio ammonta a Euro 55,1 milioni[1], in crescita del 59% da inizio 2015. Nello stesso periodo la crescita relativa al pro quota di competenza è pari a +71%[2] (Euro 6,5 milioni rispetto a Euro 3,8 milioni).

luigi capello

«Questo dato è un chiaro segnale che conferma la validità del nostro modello di business e la nostra capacità di selezionare le migliori startup e trasformarle in imprese di successo. Siamo certi che il trend positivo instaurato negli ultimi mesi ci porterà a raggiungere risultati ancora più soddisfacenti in futuro», dice Luigi Capello, Ceo di LVenture Group.

L’azienda, infatti, sostiene Luiss EnLabs, che si dimostra uno dei migliori acceleratori europei con un tasso di successo misurato in termini di investimenti di terzi nelle startup uscite dal programma pari al 94%. In altre parole oltre 9 startup su 10 ottengono investimenti di terzi e solo successivamente da parte di LVenture Group.

Luigi Capello presenterà questi dati durante la VI edizione del Lugano Small & Mid Cap Investor Day, organizzato da IR Top, leader in Italia nella consulenza su Corporate Finance e Investor Relations e investor relator di LVenture Group, con il patrocinio di Borsa Italiana LSE Group e in partnership con Equita SIM. All’evento parteciperanno investitori italiani e svizzeri, con l’obiettivo di favorire la collaborazione e le relazioni strategiche tra investitori e PMI italiane quotate di eccellenza.

[1] Il valore è calcolato sulla base dei valori di mercato delle startup facenti parte del portafoglio di LVenture Group e non secondo gli standard IFRS.

[2] L’incremento pro quota complessivo, pari a € 2,7 milioni è riferibile per € 1,0 milioni all’incremento di valore delle startup facenti parte del portafoglio di LVenture Group e per € 1,7 milioni a nuovi investimenti nelle stesse.

Le chiamano le “Uber del lavoro”: 3 startup (non italiane) che stanno correndo di più

Sempre più piattaforme offrono lavoretti a chiamata e che sono alla base della cosiddetta gig economy. E sono anche il modo migliore per le aziende di assicurarsi copertura nei momenti critici senza assumere stabilmente nuovi dipendenti: il trionfo dell’outsourcing

I Mooc di Harvard e MIT stanno perdendo studenti. E il motivo è semplice

Un’indagine realizzata su 290 corsi delle due università americane ha rintracciato nell’introduzione del pagamento delle certificazioni una delle cause della crisi. Sotto osservazione anche la proliferazione dei corsi a contenuto specialistico che porta gli studenti a distribuirsi

Open hardware e agricoltura di precisione per sostenere le PMI agricole. Il progetto RuralHack

Se ne parla al Country Hack Fest il 22 gennaio: il punto sul rapporto tra digitale e territorio rurale, verso un futuro nel quale tecnologie e sostenibilità saranno protagonisti di un cambiamento radicale della cultura di approccio alla terra

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli