Il valore delle startup di LVenture sale a 55milioni, +59% nel 2015

Luigi Capello, Ceo di LVenture Group, presenterà questi dati durante la VI edizione del Lugano Small & Mid Cap Investor Day

(Comunicato Stampa) 25 settembre 2015 – LVenture Group, holding di partecipazioni quotata sul MTA di Borsa Italiana attiva nel Venture Capital, presenta oggi alla comunità finanziaria i più recenti risultati economico-finanziari dell’azienda, che dimostrano un trend di crescita molto positivo.

LVenture Group investe in aziende a elevato potenziale di crescita nel settore delle tecnologie digitali e opera nei segmenti del micro seed financing e del seed financing. Ad oggi, il portfolio di LVenture Group comprende 33 startup, al netto di due write-off e due nuovi investimenti negli ultimi due mesi. L’ammontare dell’investito è di Euro 4,2 milioni, cui si aggiungono Euro 10,6 milioni investiti da terzi nelle startup in portfolio.

Secondo i dati aggiornati al 16 settembre 2015, il valore totale delle start up in portfolio ammonta a Euro 55,1 milioni[1], in crescita del 59% da inizio 2015. Nello stesso periodo la crescita relativa al pro quota di competenza è pari a +71%[2] (Euro 6,5 milioni rispetto a Euro 3,8 milioni).

luigi capello

«Questo dato è un chiaro segnale che conferma la validità del nostro modello di business e la nostra capacità di selezionare le migliori startup e trasformarle in imprese di successo. Siamo certi che il trend positivo instaurato negli ultimi mesi ci porterà a raggiungere risultati ancora più soddisfacenti in futuro», dice Luigi Capello, Ceo di LVenture Group.

L’azienda, infatti, sostiene Luiss EnLabs, che si dimostra uno dei migliori acceleratori europei con un tasso di successo misurato in termini di investimenti di terzi nelle startup uscite dal programma pari al 94%. In altre parole oltre 9 startup su 10 ottengono investimenti di terzi e solo successivamente da parte di LVenture Group.

Luigi Capello presenterà questi dati durante la VI edizione del Lugano Small & Mid Cap Investor Day, organizzato da IR Top, leader in Italia nella consulenza su Corporate Finance e Investor Relations e investor relator di LVenture Group, con il patrocinio di Borsa Italiana LSE Group e in partnership con Equita SIM. All’evento parteciperanno investitori italiani e svizzeri, con l’obiettivo di favorire la collaborazione e le relazioni strategiche tra investitori e PMI italiane quotate di eccellenza.

[1] Il valore è calcolato sulla base dei valori di mercato delle startup facenti parte del portafoglio di LVenture Group e non secondo gli standard IFRS.

[2] L’incremento pro quota complessivo, pari a € 2,7 milioni è riferibile per € 1,0 milioni all’incremento di valore delle startup facenti parte del portafoglio di LVenture Group e per € 1,7 milioni a nuovi investimenti nelle stesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup