La Campania chiama gli innovatori per rilanciare Pompei. E’ iniziato l’audit dei progetti selezionati

Creative Clusters Beni Culturali e Turismo, il bando dedicato alle idee innovative per la fruizione turistica nell’area di Pompei, entra nel vivo.

Entrano nel vivo “Creative Clusters Smart Cities” e “Creative Clusters Beni Culturali e Turismo”, i due avvisi promossi dalla Regione Campania attraverso l’Assessorato all’Innovazione Startup e Internazionalizzazione e attuati da Sviluppo Campania. Dopo la fase preliminare di valutazione delle candidature (una cinquantina in totale), sono state prescelte le dieci idee per ogni avviso, che avranno accesso alle fasi successive.

Creative Cluster

Ora, infatti, ha inizio l’attività di audit dei progetti selezionati per individuarne elementi di forza ed eventuali criticità. Successivamente verrà fornita la cosiddetta “Cassetta degli attrezzi dello startupper”: l’insieme di tutti gli strumenti necessari per la gestione di impresa, con particolare riguardo ad ambiti strategici quali comunicazione, marketing e social media, fundraising e crowdfunding, branding e visual identity, protezione delle idee e brevettazione, modelli di business e modelli organizzativi di successo.

Infine sarà la volta del take off dell’idea imprenditoriale, ossia la sua traduzione in progetto di business vero e proprio, attraverso l’elaborazione di un business plan con il supporto di esperti in creazione di impresa.

Dopo questa preliminare fase di selezione, quindi, gli imprenditori in pectore o le startup già costituite che hanno proposto i progetti più interessanti e competitive, diventano protagonisti assoluti di un percorso di intenso lavoro che si concluderà entro dicembre 2015.

pompei

Creative Clusters Beni Culturali e Turismo

Creative Clusters è un programma di animazione e orientamento che supporta la creazione di imprese innovative valorizzando le intuizioni creative orientate a migliorare la qualità della vita e contribuire a uno sviluppo sostenibile, economico e sociale del territorio della Campania.

Nello specifico Creative Clusters Beni Culturali e Turismo è realizzato in partnership con il Ministero dello Sviluppo Economico, i Distretti e i Laboratori ad Alta Tecnologia presenti in Campania e il Comune di Pompei con l’obiettivo di raccogliere le migliori idee innovative per lo sviluppo dei beni culturali della città di Pompei, supportandole con servizi di innovazione e creazione d’impresa forniti da Sviluppo Campania.

Un bando rivolto a studenti, imprenditori, laureati, ricercatori, startup innovative, spin-off universitari e industriali operanti sul territorio della Campania, riguardanti diversi settori: ospitalità (alloggio e ristorazione), trasporto e mobilità delle persone e dei turisti, facility e utility di supporto al turismo, organizzazione di tempo libero e attività culturali, industria culturale (editoria, audiovisivi, multimediale), enogastronomia e produzioni tipiche artigianali.

Creative Clusters BCT e Creative Clusters Smart Cities sono realizzati mediante il PO FESR Regione Campania 2007/2013 – Asse 2 – Obiettivo 2.1 “Piano di azione per la ricerca e lo sviluppo, l’innovazione e l’Ict”.

I risultati della selezione sono pubblicati sul sito di Sviluppo Campania.

pompei 2

La soluzione “tutto incluso” per vendere in rete (senza dimenticarti del negozio) | Yocabè

Il team di Vito Perrone ha sviluppato una piattaforma per lo shopping e un network di negozi che permette ai marchi italiani di abbigliamento di vendere online, senza investimenti iniziali importanti

Diploma in 4 anni: via alle domande per la sperimentazione

Saranno 100 le scuole superiori che potranno partecipare alla sperimentazione del percorso di studi in 4 anni, in linea con molti paesi europei. I progetti saranno valutati da una Commissione tecnica

La scoperta di una caverna alimenta i sogni di colonizzare la luna

Gli scienziati dell’agenzia spaziale giapponese insieme a quelli della Nasa hanno individuato un cratere lunare che sembra essere l’ingresso di un’estesa struttura sotto la superficie. Gli astronauti potrebbero usarla come base spaziale

Anche i bambini possono produrre la carne in casa con lo Shojinmeat Project

Il chimico Yuki Hanyu, fondatore della startup Integriculture, ha pensato di far sperimentare agli studenti la possibilità di coltivare cellule animali in modo indipendente. Secondo lui si avvicina così la gente a un prodotto di laboratorio che fa ancora paura