Un’altra startup che non ce l’ha fatta: Zenfeed torna al Nirvana

Un modo zen per annunciare la chiusura di una progetto di impresa. Perché Zenfeed non ce l’ha fatta secondo i suoi founders

Negli ultimi mesi sono successe moltissime cose in Zenfeed. Dopo aver rilasciato la nostra APP per iPhone e aver lavorato intensamente al suo miglioramento per diversi mesi, ci siamo resi conto che la strada era troppo in salita. Il mondo dell’informazione online è parecchio cambiato da quel giorno in cui nella mia mente si formò l’idea di Zenfeed. Ci sono nuovi equilibri e nuove forze in gioco, i competitor sono molti di più e molto più agguerriti (recentemente si sono aggiunti anche Facebook ed Apple), e semplicemente non riusciamo a tenere il passo con le risorse a nostra disposizione.

Qui invece il post con cui i founders di Appeatit hanno annunciato la chiusura del loro servizio 

 

Negli ultimi mesi abbiamo anche tentato un pivot, usando parte della nostra tecnologia per creare il prototipo di un nuovo prodotto, un motore di analisi semantica dell’informazione più versatile da vendere ad aziende. Ma avendo esaurito i fondi, tutti investiti nel prodotto originale, lo sviluppo di un nuovo servizio e la ricerca di nuovi clienti ci ha stremati.

Ci siamo quindi ritrovati in un tormentato periodo di riflessione, culminato infine con la decisione di terminare l’avventura di Zenfeed.

Zenfeed

E’ complicato attraversare un momento come questo. Zenfeed è la nostra creatura, e permea più di ogni altra cosa le nostre esistenze. Tanti sono stati i successi, tanti gli imprevisti, e, ahimè, tanti anche gli errori. Abbiamo combattuto con tutte le nostre forze, con ogni singola goccia della nostra energia. Ma il contesto è cambiato troppo, non possiamo far altro che riconoscerlo ed accettarlo.

Vogliamo mandare un forte abbraccio a tutti quelli che hanno creduto in noi.

Grazie allo Startup Weekend Bari, che ci ha fatti incontrare in quel magico weekend pieno di lavoro, adrenalina e infine gioia per la nostra prima fantastica vittoria.

Grazie a Valore Assoluto della Camera di Commercio di Bari e a Principi Attivi della Regione Puglia, i primi a credere così tanto in noi da premiarci con due importantissimi finanziamenti. Grazie anche per tutto il supporto che ci hanno dato in seguito, e per aver raccontato la nostra storia alla bellissima Puglia.

Grazie a LUISS ENLABS, che ci ha selezionato per il suo programma di accelerazione e introdotti alla scena startup italiana. Lì abbiamo imparato il duro lavoro dell’imprenditore, lavorando gomito a gomito con decine di splendide persone di altrettante splendide startup. Un’esperienza dal valore inestimabile.

Grazie a Mind The Bridge, che ci ha scelti per la sua Startup School a San Francisco. Aver vissuto direttamente la Silicon Valley è stato davvero cruciale per capire i nostri limiti ma anche le nostre potenzialità.

Grazie a tutti gli investitori privati, per la loro fiducia e per il loro supporto lungo tutto il cammino, fino al difficile finale.

Grazie a tutti i nostri collaboratori, per aver condiviso gioie e sofferenze, e per aver sopportato ritmi e pressioni tanto elevate.

Grazie a tutti gli utenti del nostro servizio e a tutti i fan, che ci hanno caricati di entusiasmo e ci hanno spinto a migliorare.

Grazie a tutti gli amici, startupper e non, che ci sono stati vicino supportandoci e sopportandoci in questa bellissima ma non facile avventura.

A tutti voi, GRAZIE!

Senza di voi la nostra avventura non sarebbe stata possibile. Speriamo in futuro di poter esservi utili e di riuscire così a ricambiare almeno un po’ il vostro calore.

Ci dispiace moltissimo non esser riusciti a donare al mondo la soluzione al problema dell’information overload, lo strumento definitivo per controllare in modo intelligente il flusso di informazioni che ci sommerge. Ma abbiamo imparato davvero moltissimo da questa avventura, e continueremo a spingere l’innovazione, con una grossa marcia in più.

Nella tradizione buddhista zen, il Nirvana è quella dimensione della realtà dove i concetti non sono delimitati dal loro opposto, dove gli oggetti non hanno forma e non sono separati dagli altri. Anche se il progetto Zenfeed finisce qui, l’idea di Zenfeed continua a vivere e ad evolversi nelle nostre menti. Il mondo dell’informazione non smetterà mai di appassionarci, e continueremo ad osservarlo e a studiarlo. Chissà che un giorno Zenfeed non ritorni in qualche altra forma… Vedremo cosa ci riserverà il futuro.

Abbiamo deciso di rilasciare un po’ di materiale che speriamo possa essere utile agli altri startupper del giovane sistema italiano. In questa cartella su Google Drive potete trovare tra le altre cose pitch, executive summary e financial plan. Cercheremo di rilasciare anche altro materiale in seguito.

A presto, e contattateci se possiamo esservi utili in qualche modo.

Con affetto,

l’ex-CEO Giuseppe Silvano (@giusilvano)

e tutti gli altri founder

Emanuela Genovesi (@mekgen)

Paolo Ratto (@jul_x)

Pierpaolo Basile (@basilepp)

Reblog da Zenfeed http://zenfeed.tumblr.com/post/129309266091/zenfeed-ritorna-al-nirvana

Ti potrebbe interessare anche

«Qui giace Appeatit» ovvero chiudere una startup con stile

Appetit, startup romana del settore food, ha deciso di chiudere per consentire ai founders di lanciarsi in nuove sfide. Qui il loro post di addio

Startup Italia: i 124 fatti memorabili del 2013

Premi, finanziamenti, eventi, vincitori, incubatori, acceleratori e tutto ciò che è successo nel mondo delle startup in questo 2013. Startupper, partecipate anche voi, raccontandoci le vostre tappe fondamentali

6 eventi da non perdere all’Internet Festival se hai una startup

Dalla presentazione del manifesto di Digital Magic, alla competizione Itcup, dallo Startup Toscana Contest a Bootstrap di StartupItalia, ecco cosa vi consigliamo di seguire

7 exit, 34 milioni investiti e altri fatti da ricordare dei primi 6 mesi del 2015

Il riassunto dei primi sei mesi del 2015: exit, investimenti, politica, innovazioni. Ecco tutto quello che è successo, numeri e storie, nel mondo delle startup italiane.

Così Airbnb ha smesso di essere il volto simpatico della sharing economy

Dopo un inizio a sostegno del ceto medio in cerca di redditi integrativi, la piattaforma di hosting online si è trasformata nella quarta società tech al mondo: molti oppositori e diverse controversie legali per un business pronto a quotarsi in borsa

L’app di Google per la tua sicurezza (e quella dei tuoi cari). Contatti Fidati

Contatti Fidati è un’app che permette ad una cerchia ristretta di persone di sapere dove ci troviamo. Ma possiamo chiedere anche di essere virtualmente accompagnati durante percorsi pericolosi. Magari di notte e in zone poco sicure.