LVenture Group: co-investimento da 500.000 euro in FIlo, l’app per ritrovare gli oggetti

La somma complessiva erogata da LVenture Group è di 100.000 euro. Il resto proviene da business angel, di cui alcuni facenti parte di Angel Partner Group

(Comunicato Stampa) 1 ottobre 2015 – LVenture Group, holding di partecipazioni quotata sul MTA di Borsa Italiana, annuncia un co-investimento per un valore complessivo di 500.000 euro in Filo, la startup che ha ideato e realizzato un dispositivo che aiuta a tenere sotto controllo gli oggetti personali più importanti.

La somma complessiva erogata da LVenture Group in questa operazione è pari a 100.000 euro. La restante somma proviene da business angel, di cui alcuni facenti parte di Angel Partner Group, gruppo di business angel di cui LVenture Group è uno dei soci fondatori.

Filo ha preso parte al programma di accelerazione di Luiss EnLabs “La Fabbrica delle Startup”, acceleratore controllato da LVenture Group e frutto di una joint venture con l’Università Luiss.

Filo

Per Luigi Capello, CEO di LVenture Group e Founder di Luiss EnLabs – «Il settore della produzione di dispositivi hardware ha ricevuto molta attenzione da investitori internazionali negli ultimi anni. Siamo molto soddisfatti di aver investito in Filo e lo conferma l’importante round che è stato chiuso. Ancora una volta i risultati positivi sono la prova dell’efficacia dell’approccio operativo che adottiamo nei confronti delle startup in cui investiamo e che partecipano al programma di accelerazione di Luiss EnLabs».

Filo ha creato un dispositivo che utilizza la tecnologia Bluetooth e aiuta a tenere sotto controllo le cose importanti. Attraverso un’App, disponibile per tutti gli smartphone, è possibile verificare la posizione di oggetti, persone o animali, ai quali è stato collegato Filo, che all’occorrenza emette un suono per la localizzazione. Inoltre, è possibile rintracciare lo smartphone associato premendo il pulsante presente sul Filo.

«Utilizzeremo i nuovi fondi per l’espansione del prodotto sul mercato nazionale ed europeo e per ampliare il nostro team – dichiara Giorgio Sadolfo, CEO e fondatore di Filo – «Inoltre, investiremo in ricerca e sviluppo per lanciare nuove soluzioni nell’ambito del tracciamento».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arriva dal vino la pelle naturale che non sfrutta gli animali

WineLeather è vegetale al cento per cento ed è ricavata dalla vinaccia. L’idea sviluppata da Gianpiero Tessitore e Francesco Merlino rappresenta un’occasione di rilancio per il settore conciario italiano all’insegna della sostenibilità e del cruelty-free

Magnocavallo (Tannico): La Digital Transformation? Marcia in più per il settore vitivinicolo

Con il ceo della startup parliamo di Gli Impatti della Digital Transformation sul settore Agrifood, il report di Cisco Italia e Dti. «Chi fa investimenti importanti sulle tecnologie produttive spesso riesce ad avere prodotti con qualità uniforme e di alto livello»

Più bike sharing, meno stazioni di parcheggio. Shike, il progetto di MugStudio (SocialFare)

Andrea Tommei e Andrea Cantore hanno sviluppato un progetto di bike sharing innovativo, che permette ai cittadini di non servirsi delle classiche stazioni. Shike è tra le 5 aziende selezionate per Foundamenta#3, il programma di accelerazione per startup a impatto sociale