LVenture Group: co-investimento da 500.000 euro in FIlo, l’app per ritrovare gli oggetti

La somma complessiva erogata da LVenture Group è di 100.000 euro. Il resto proviene da business angel, di cui alcuni facenti parte di Angel Partner Group

(Comunicato Stampa) 1 ottobre 2015 – LVenture Group, holding di partecipazioni quotata sul MTA di Borsa Italiana, annuncia un co-investimento per un valore complessivo di 500.000 euro in Filo, la startup che ha ideato e realizzato un dispositivo che aiuta a tenere sotto controllo gli oggetti personali più importanti.

La somma complessiva erogata da LVenture Group in questa operazione è pari a 100.000 euro. La restante somma proviene da business angel, di cui alcuni facenti parte di Angel Partner Group, gruppo di business angel di cui LVenture Group è uno dei soci fondatori.

Filo ha preso parte al programma di accelerazione di Luiss EnLabs “La Fabbrica delle Startup”, acceleratore controllato da LVenture Group e frutto di una joint venture con l’Università Luiss.

Filo

Per Luigi Capello, CEO di LVenture Group e Founder di Luiss EnLabs – «Il settore della produzione di dispositivi hardware ha ricevuto molta attenzione da investitori internazionali negli ultimi anni. Siamo molto soddisfatti di aver investito in Filo e lo conferma l’importante round che è stato chiuso. Ancora una volta i risultati positivi sono la prova dell’efficacia dell’approccio operativo che adottiamo nei confronti delle startup in cui investiamo e che partecipano al programma di accelerazione di Luiss EnLabs».

Filo ha creato un dispositivo che utilizza la tecnologia Bluetooth e aiuta a tenere sotto controllo le cose importanti. Attraverso un’App, disponibile per tutti gli smartphone, è possibile verificare la posizione di oggetti, persone o animali, ai quali è stato collegato Filo, che all’occorrenza emette un suono per la localizzazione. Inoltre, è possibile rintracciare lo smartphone associato premendo il pulsante presente sul Filo.

«Utilizzeremo i nuovi fondi per l’espansione del prodotto sul mercato nazionale ed europeo e per ampliare il nostro team – dichiara Giorgio Sadolfo, CEO e fondatore di Filo – «Inoltre, investiremo in ricerca e sviluppo per lanciare nuove soluzioni nell’ambito del tracciamento».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi c’è e di cosa si parla al Data Driven Innovation a Roma

24 e 25 febbraio il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre ospita la seconda edizione dell’appuntamento dedicato alla data driven innovation. Fra gli speaker Raffaele Lillo (Italian Digital Transformation Team) che interviene sul tema Digital Transformation of the Italian Government

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era