Un altro modo di intendere il Social Eating: l’idea di EatAround

L’applicazione è nata da un’intuizione di Simone Buti, capitano dell’Italvolley

(Comunicato Stampa) – Prendi una tavola, qualche amico, un po’ di piatti sfiziosi e la serata è fatta. Ma cosa succede se attorno alla tavola ti trovi ad avere delle persone sconosciute?
La risposta è EatAround: una nuova applicazione per smartphone, nata da un’idea di Simone Buti, capitano dell’Italvolley, disponibile gratuitamente per dispositivi Android (da fine Ottobre anche per iOS), che cavalca una delle idee più originali e stuzzicanti dell’ultimo periodo: il Social Eating.

Grazie ad EatAround è possibile partecipare ad eventi culinari in abitazioni private oppure organizzarli a casa propria.

Ecco come funziona: inizialmente è necessario registrarsi e scrivere una breve descrizione di sé; navigando nella pagina degli eventi culinari è possibile scegliere il più adatto alle proprie esigenze e inviare una richiesta di partecipazione al padrone di casa, iniziando a chattare con lui per chiarire qualsiasi dubbio.

eataround (1)

Anche creare un evento a casa propria è semplicissimo, si possono organizzare colazioni, pranzi, aperitivi, cene o qualsiasi evento a tema; basta inserire un menù con il prezzo a persona.

Mangiare in compagnia, è questa la regola d’oro. Che tu sia ospite o padrone di casa lo scambio e l’arricchimento personale sono assicurati, lo conferma Simone che nel tempo libero ama conoscere nuovi amici attraverso EatAround, dando la possibilità a qualche fortunato amante della pallavolo di ricevere lezioni private su come si esegue un muro a regola d’arte.

 

LowRes | Il cimitero in HTML degli elefanti della politica

La comunicazione dei candidati ormai è affidata a impersonali siti di partito o al bailamme del social network. Ogni tentativo di personalizzare la presenza in Rete sembra abbandonato

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.