Cresce il fatturato delle startup di Digital Magics: 32 milioni di euro (+74%)

Presentati durante il “Digital Magics Founders Meeting” i risultati più recenti dell’incubatore e gli sviluppi della piattaforma di innovazione per il Digital Made in Italy con Talent Garden e Tamburi Investment Partners, con l’obiettivo delle 100 startup entro il 2018

(Comunicato Stampa) 15 ottobre 2015 – Durante il Digital Magics Founders Meeting – evento riservato al network dell’incubatore – Digital Magics, venture incubator quotato su AIM Italia (simbolo: DM), ha condiviso i propri piani di sviluppo con i team dei fondatori delle startup partecipate.

Il portfolio di Digital Magics si compone di 48 partecipazioni in startup digitali, di cui 26 risultano iscritte nel Registro delle Startup Innovative. Sono in fase di closing gli accordi con altre 4 startup per l’ingresso nel programma di incubazione. Fino a giugno 2015 Digital Magics ha investito 18,2 milioni di euro, a cui si sono affiancati investimenti per 7,8 milioni di euro da parte di terzi. Il valore complessivo delle cessioni (exit) è di circa 5 milioni di euro.

Per il 2015 è prevista una crescita del 74% sul fatturato aggregato del portafoglio di Digital Magics (32 milioni di Euro circa) rispetto al 2014, con un pro quota di circa il 30%.

L’incubatore sostiene i talenti per l’accelerazione di startup innovative ad alto potenziale di crescita e a elevato valore tecnologico. I settori più promettenti su cui si sta focalizzando sono: Made in Italy (food, fashion, design), fintech, traveltech, Internet of Things, digital media e marketing, enterprise services, con l’obiettivo delle 100 partecipazioni entro il 2018.

Enrico Gasperini-Digital Magics

Il nuovo piano potenzia la piattaforma Digital Made in Italy, nata grazie alla partnership con Talent Garden (TAG) e Tamburi Investment Partners (TIP), che ha l’obiettivo di realizzare il più grande hub di innovazione italiano per lo sviluppo e l’accelerazione di startup digitali e la trasformazione digitale delle imprese eccellenti del Paese.

Digital Magics supporta TAG nello sviluppo di 50 nuovi spazi di co-working in Italia e in Europa. Inoltre l’incubatore sta rafforzando i servizi per le startup e scale-up non solo con l’accesso a tutto il network di Talent Garden in Italia e in Europa, ma anche coinvolgendo le start up direttamente nei programmi di Open Innovation delle imprese, estendendo i servizi di accelerazione fino alla fase pre-IPO e allargando il Digital Magics Angel Network su tutto il territorio nazionale. Nel corso del 2016 saranno attivi 10 nuovi programmi di accelerazione locale, con altrettanti team associati, nelle principali città italiane.

Digital Magics ha recentemente lanciato anche nuovi servizi di Open Innovation per le imprese: informazione, consulenza strategica e formazione per il top management aziendale; supporto agli investimenti delle imprese nel digitale (analisi di scenario, scouting di talenti e tecnologie, programmi di corporate venture capital e di accelerazione di spinoff); realizzazione di applicazioni tecnologiche innovative realizzate dalle startup.

Fintech italiano 2019: l’anno da incorniciare tra round, exit e IPO

Una nuova barca di soldi nel fintech britannico, ma anche nel nostro Paese il 2019 per le startup della finanza tecnologica è iniziato con il migliore degli auspici. Ripercorriamo tutti gli eventi più importanti dell’anno in corso.

Un drago virtuale sorvola uno stadio in Corea del Sud grazie al 5G. Video

Lo scorso 23 marzo l’ologramma di un essere alato ha lasciato a bocca aperta il pubblico coreano con una performance di realtà aumentata resa possibile dalla connessione ad altissima velocità

Food trend, siete pronti per i cocktail alla carne?

Per chi non si accontenta di mangiarla, la bistecca finisce anche nel bicchiere. Ecco l’ultima tendenza della mixology nata sui tavoli americani e approdata nello storico ristorante monzese Bove Lover

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.