Come vedere Netflix in Italia (e cosa non vedremo, purtroppo)

La piattaforma leader nello streaming (e nella produzione) di film e serie tv sbarca in Italia e costerà meno di 10 euro al mese. Cosa vuole raggiungere Netflix? La felicità dei suoi abbonati

L’attesa è finita. Netflix, una delle tv streaming più famose del mondo, è arrivata finalmente anche in Italia. Nata nel 1997 come servizio per noleggiare videogiochi e DVD, l’azienda statunitense ha cambiato volto nel 2008 adeguandosi a un mercato in piena metamorfosi. Da allora si è diffuso in oltre 50 paesi raggiungendo oltre 69 milioni di abbonati e creando prodotti di grande successo come House of cards o Orange is the new black.

Netflix_uscita_Italia

Quanto costa l’abbonamento

Per accedere al servizio basta semplicemente collegarsi al sito e creare il proprio account. Subito dopo Netflix chiederà di indicare tre titoli da un elenco di vari film e serie televisive per proporre contenuti che possano essere vicini alle preferenze e ai gusti di ciascun abbonato.

Il primo mese è completamente gratis. Poi si procede alla sottoscrizione di uno dei tre abbonamenti mensili proposti in base alle diverse necessità degli utenti:

  • Base (7,99 euro): tutti i contenuti possono essere visti solamente da un dispositivo per volta e sono disponibili in qualità standard (niente alta definizione).
  • Standard (9,99 euro): tutti i contenuti sono disponibili in formato FullHD e si possono vedere su due dispositivi contemporaneamente utilizzando lo stesso account.
  • Premium (11,99 euro): lo streaming è in formato UltraHD e  si possono utilizzare contemporaneamente fino a 4 dispositivi diversi con lo stesso account.

Per usufruire del servizio è necessario essere maggiorenni e indicare un metodo di pagamento a scelta tra carta di credito, paypal o addebito in bolletta (quest’ultimo solo se si possiede un set-box TimVision o Vodafone). Tenete conto che è necessario indicare questi dati anche se si vuole usufruire solamente del mese gratuito. Per effettuare la disdetta, invece, basta collegarsi al proprio profilo personale e seguire alcune semplici indicazioni (non più di tre passaggi in tutto).

netflix-shutterstock_170322269

Tv, pc, smartphone. Come vedere Netflix

Anche in questo caso la scelta è vastissima. Da computer, anche per Mac, si può usare qualsiasi browser. Stessa cosa per smartphone e tablet visto che l’app dedicata è compatibile con tutti i dispositivi Android, iOS e Windows Phone. I contenuti di Netflix possono essere selezionati anche tramite console come Playstation 4 (dalla sezione tv e video), Wii U e Xbox One (scaricando l’applicazione).

Il servizio è fruibile anche attraverso una canale meno innovativo come la televisione. Chi possiede una smart tv dovrà collegare il dispositivo ad internet e scaricare l’app; chi possiede un apparecchio “standard” dovrà collegare il computer con un cavo Hdmi.

Netflix-on-TV

Tantissimi film. Ci sono i Pokemon ma non House of Cards

Tra le caratteristiche principali di Netflix spicca l’ampia e varia scelta dei contenuti, tutti visibili legalmente, in lingua originale con audio e sottotitoli in varie lingue (anche in italiano). Una cosa che renderà felici molti abbonati è la totale assenza di pubblicità mentre una cosa che farà meno piacere è l’impossibilità di scaricare i contenuti per vederli, in un secondo momento, in luoghi senza connessione. Per usare Netflix, infatti, bisogna sempre essere collegati a internet. 

Tra le varie possibilità offerte c’è anche quella che consente di riprendere a vedere un contenuto che, per vari motivi, l’utente non è riuscito a finire. Nel proprio profilo, infatti, è presente l’opzione “continua a guardare” dove automaticamente vengono salvate le visioni interrotte.

Uno slogan che è un programma: “Netflix, non sarà più la solita storia”

Tra i titoli già annunciati ci sono, Sense8, Unbreakable Kimmy Schmidt, Marco Polo eNarcos; alcuni documentari come Virunga e Mission Blue e Chef’s Table. Ma anche lungometraggi autoprodotti come Beasts of No Nation. Non ci sarà invece House of cards che resta, in Italia, una esclusiva Sky. In generale si parla di 80% di produzioni estere e 20% italiane (tra cui l’attesissima Suburra).

Ma Netflix ha pensato proprio a tutti. All’interno della ricca libreria, infatti, trovano spazio una serie di proposte dedicate a tutta la famiglia: dai film d’animazione, sia record d’incassi che meno noti, ai cartoni animati più amati come i Pokemon, Peppa Pig e i Transformers.

reed-hastings-e1402336895493

La ricerca della felicità

L’obiettivo di Netflix, in fondo, è semplice e lo ha spiegato bene Reed Hastings, co-founder e CEO, durante la presentazione ufficiale alla stampa: «In Italia vogliamo raggiungere una famiglia su tre. Sappiamo come sia facile crescere durante il primo anno ma quello ci interessa è occuparci della felicità dei nostri abbonati». Happiness, certo. Non solo, dunque, cercare nuovi abbonati ma riuscire a  trattenere chi decide di entrare a far parte di questa larghissima e, almeno in Italia, inedita famiglia.

Alessandro Frau
Twitter: @ilmercurio85

La Consob apre alle ICO e definisce le cripto-attività

Qual è l’approccio e l’indirizzo che l’Autorità ha dato alla consultazione pubblica sul tema delle criptovalute? Limiti e prospettive di un regolamento che potrebbe finalmente aprire l’Italia al mercato globale delle ICO

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.