LVenture Group: presentati i risultati dell’acceleratore Luiss EnLabs

La Call for Applications per il prossimo programma di accelerazione che prenderà avvio a gennaio 2016 è aperta fino al 25 ottobre

(Comunicato Stampa) – LVenture Group, holding di partecipazioni quotata sul MTA di Borsa Italiana, annuncia i più recenti risultati raggiunti dall’acceleratore Luiss EnLabs “La Fabbrica delle Startup”, nato nel 2013 dalla joint venture tra LVenture Group e l’Università Luiss, che si dimostra uno dei principali acceleratori di startup presenti sul territorio europeo.

Secondo i dati raccolti dal 2013 ad oggi, il tasso di successo misurato in termini di investimenti di terzi nelle startup che partecipano al programma è pari al 94%: in altre parole, 9 startup su 10 ottengono investimenti da terzi al termine del programma di accelerazione.
In poco più di due anni, la capacità di raccogliere fondi delle startup accelerate è cresciuta sia in termini di rapidità che di volume di capitali raccolti: i tempi si sono ridotti in maniera notevole mentre il volume dei fondi è quadruplicato.

Nel caso di Brave Potions, Majeeko, Moovenda, Nextwin, Verticomics e Voverc, startup uscenti dall’ultimo programma di accelerazione conclusosi a giugno 2015, tutte hanno concordato round di investimento in occasione dell’Investor Day e hanno formalizzato gli stessi entro tre settimane.

Il valore complessivo del commitment raggiunto dalle 6 startup è di oltre 2,25 milioni di euro. Di questi, oltre il 75% degli 1,2 milioni di euro che sono stati già sottoscritti e versati, proviene da investitori privati esterni a LVenture Group. Gli accordi per la quota restante sono in via di finalizzazione.

Luiss EnLabs

In queste operazioni LVenture Group partecipa per complessivi 525 mila euro. Numerosi co-investitori coinvolti sono business angel appartenenti all’Angel Partner Group, gruppo di business angel di cui LVenture Group è uno dei soci fondatori. In sintesi, gli investimenti sono i seguenti:

Brave Potions ha deliberato un aumento di capitale di circa 205 mila euro, di cui circa 55 mila euro sono stati già versati;

Majeeko (Sync srl) ha deliberato un aumento di capitale di oltre 415 mila euro, di cui oltre 265 mila euro sono stati già versati;

Moovenda ha deliberato un aumento di capitale di circa 535 mila euro, di cui circa 385 mila euro sono stati già versati;

Nextwin ha deliberato un aumento di capitale di oltre 300 mila euro, di cui oltre 150 mila euro sono stati già versati;

Verticomics ha deliberato un aumento di capitale di oltre 395 mila euro, di cui oltre 145 mila euro sono stati già versati;

Voverc ha deliberato un aumento di capitale di oltre 400 mila euro, di cui oltre 195 mila euro sono stati già versati.

Il programma di accelerazione di Luiss EnLabs si svolge due volte l’anno e dura 5 mesi. È attualmente in corso un nuovo programma di accelerazione dove LVenture Group ha già deliberato e avviato operazioni di investimento del valore di 60 mila euro ciascuna in due startup partecipanti, Karaoke One e KPI6.

Karaoke One (Lisari S.r.l.) è un’app mobile che trasforma l’esperienza del karaoke in un’attività social, rendendo il canto oltre che un gioco anche una sfida. L’app include una modalità di talent show con classifiche mondiali, possibilità di seguire utenti ed avere follower, condivisione dei video delle proprie performance e battaglie karaoke attraverso la modalità multiplayer di gioco online.

KPI6 è una piattaforma online per la raccolta e l’analisi delle conversazioni sui principali social media che è in grado di fornire al committente gli strumenti per operare decisioni rapide ed efficaci. Il servizio filtra, classifica e analizza milioni di conversazioni, anche di dati storici, e in base alle indicazioni del committente, realizza report con dati ed infografiche intuitive e dettagliate.

I prodotti sviluppati Karaoke One e KPI6 sono in Beta privata e saranno rilasciate in Beta pubblica entro la fine di ottobre. Nelle prossime settimane, dunque, le startup saranno pronte per promuovere i propri servizi puntando ad espandersi sul mercato.

luigi capello

Per Luigi Capello, Amministratore Delegato di LVenture Group e fondatore di Luiss EnLabs: «I risultati dell’acceleratoreLuiss EnLabs lo fanno entrare di diritto nella rosa dei migliori acceleratori a livello mondiale. La sinergia tra LVenture Group, l’acceleratore Luiss EnLabs e l’Università Luiss che ne è partner, crea un ecosistema solido che dà linfa alle nostre startup e permette loro di trovare sia le risorse economiche che l’expertise per vincere sul mercato».

L’expertise messa in campo dall’acceleratore a supporto delle startup è in costante crescita. Al momento il Board of Advisor di Luiss EnLabs conta oltre 50 membri, tra cui imprenditori, investitori e manager internazionali. Recentemente il BoA ha acquisito nuove personalità di grande rilievo nel settore, tra cui Salvatore Giammarresi, Head of PMO & Globalization di PayPal con un’esperienza ventennale nel settore dell’internazionalizzazione del business e nel management in aziende del calibro di Yahoo, e Lior Schillat, ex advisor e coordinatore delle politiche di Innovazione del governo Israeliano, CEO di ANSEC, istituto di ricerca sulle sfide alla sicurezza globale portate dall’innovazione tecnologica, e co-Founder di Galilaea Group, società di investimenti specializzata in compagnie High-Tech nell’ambito della Cyber-Security e dell’Energy.

La Call for Applications per il prossimo programma di accelerazione che prenderà avvio a gennaio 2016 è aperta fino al 25 ottobre ed è possibile candidarsi sul sito di Luiss EnLabs.

Perché i venture investono ancora poco sulle startup bitcoin (e blockchain)

Più di 300 milioni di investimenti su startup bitcoin e blockchain. Come un anno fa. Niente raddoppio. Abbiamo provato a ragionare con la testa degli investitori per capire cosa frena davvero la crescita del mercato: ci sono almeno 4 motivi (e una soluzione alternativa)

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»