MotorK, da TechCrunch a 6 milioni di fatturato vendendo auto in Italia

MotorK nasce nel 2010 al GeeknRolla e da allora ha fatturato 6mln di euro. E punta al Sud America: il mercato dell’auto non è in crisi, dice il cofounder

Sono nati nel 2010 al GeeknRolla organizzato da Mike Butcher editor di TechCrunch e da allora, ogni anno per cinque anni, hanno raddoppiato i loro numeri, fatturando più di sei milioni di euro con un team di circa 80 persone. Sono Marco Marlia, 36 anni, Fabio Gurgone, 40, e Marco De Michele, 46 e hanno fondato MotorK, una piattaforma online che premette a concessionarie di automobili e consumatori di incontrare la domanda con l’offerta consentendo così ai clienti di acquistare l’automobile migliore per loro. Motork è stata selezionata tra le 11 scaleup italiane dalla selezione di ScaleIT a cura di Lorenzo Franchini di Italian Angels for Growth.

Un milione di richieste di preventivo in 5 anni

In 5 anni MotorK ha generato, solo in Europa, quasi un milione di richieste di preventivo che nel 10% dei casi si sono poi trasformate in acquisto di auto nuova. «Il nostro scopo non è dire se un’auto è più bella di un’altra, ma fare dei confronti reali tra le varie vetture», ha raccontato Marco Marlia, uno dei co-founder, a Startupitalia, spiegando che ormai ogni auto rimane sempre più a lungo nella vita di chi l’acquista e che prima di comprarne una nuova si tentenna molto, si cercano le occasioni migliori, si cambia idea un sacco di volte.

online-car-buying-thumb-632x395-138407

6 milioni di fatturato col marketing automotive

«Ad oggi MotorK ha altre due gambe: DriveK, DealerK e Internet Motors. Il primo è dedicato ai concessionari di auto: eravamo diventati molto bravi a fare il marketing del prodotto automotive, il secondo è una piattaforma di SAAS per concessionari auto e, infine, Internet Motors è il più grande evento in Europa in digital automotive», ha detto Marlia. A questo si aggiungono i programmi di training anche operativi per formare in concessionaria il digital manager, la figura che si occupa di traghettare le concessionarie nel mondo digitale.

Italia, Spagna e Francia. Ma anche Sud America

MotorK collabora in Italia con 100 concessionari e da qualche mese ha lanciato la piattaforma anche in Spagna e Francia. Nel futuro di Marlia e dei suoi colleghi c’è però l’Inghilterra, la Germania, la Polonia ma anche il Brasile, il Portogallo e la Turchia. «L’obiettivo è aiutare l’industria dell’auto a vendere più auto e in maniera più intelligente», ha spiegato Marlia. Inoltre, DriveK lavora con l’87% del mercato automotive italiano, con il 56% di quello spagnolo e in Francia, dove sono partiti da molto poco, collaborano con 5 case auto. Ma come si fa a lavorare con un mercato in crisi com’è quello dell’auto? È lo stesso Marlia a spiegarlo: «Noi siamo un prodotto anticiclico, basti pensare che abbiamo raddoppiato i nostri numeri per cinque anni di fila e lo abbiamo fatto nel momento peggiore. Ma la verità è che quando c’è la crisi maggiore le concessionarie e le case auto cercando di spostare gli investimenti in qualcosa che sicuramente funziona. E noi funzioniamo. A ciò si aggiunge il fatto che nelle nostre aree di riferimento, il mercato dell’auto non è in crisi, nonostante fenomeni come Blablacar. Nei paesi su cui puntiamo, il mercato dell’auto cresce anche a doppia cifra e nel 2017 ci saranno 40milioni di auto vendute. Per ogni persona che a Milano rinuncia all’auto, ce ne sono altre due in Brasile che ne comprano una a testa. E poi, anche in Italia la situazione non è proprio così tragica: il nostro parco circolante è ormai oltre i 9 anni di età media. Quindi le macchine si rompono e la gente le deve sostituire».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp