MotorK, da TechCrunch a 6 milioni di fatturato vendendo auto in Italia

MotorK nasce nel 2010 al GeeknRolla e da allora ha fatturato 6mln di euro. E punta al Sud America: il mercato dell’auto non è in crisi, dice il cofounder

Sono nati nel 2010 al GeeknRolla organizzato da Mike Butcher editor di TechCrunch e da allora, ogni anno per cinque anni, hanno raddoppiato i loro numeri, fatturando più di sei milioni di euro con un team di circa 80 persone. Sono Marco Marlia, 36 anni, Fabio Gurgone, 40, e Marco De Michele, 46 e hanno fondato MotorK, una piattaforma online che premette a concessionarie di automobili e consumatori di incontrare la domanda con l’offerta consentendo così ai clienti di acquistare l’automobile migliore per loro. Motork è stata selezionata tra le 11 scaleup italiane dalla selezione di ScaleIT a cura di Lorenzo Franchini di Italian Angels for Growth.

Un milione di richieste di preventivo in 5 anni

In 5 anni MotorK ha generato, solo in Europa, quasi un milione di richieste di preventivo che nel 10% dei casi si sono poi trasformate in acquisto di auto nuova. «Il nostro scopo non è dire se un’auto è più bella di un’altra, ma fare dei confronti reali tra le varie vetture», ha raccontato Marco Marlia, uno dei co-founder, a Startupitalia, spiegando che ormai ogni auto rimane sempre più a lungo nella vita di chi l’acquista e che prima di comprarne una nuova si tentenna molto, si cercano le occasioni migliori, si cambia idea un sacco di volte.

online-car-buying-thumb-632x395-138407

6 milioni di fatturato col marketing automotive

«Ad oggi MotorK ha altre due gambe: DriveK, DealerK e Internet Motors. Il primo è dedicato ai concessionari di auto: eravamo diventati molto bravi a fare il marketing del prodotto automotive, il secondo è una piattaforma di SAAS per concessionari auto e, infine, Internet Motors è il più grande evento in Europa in digital automotive», ha detto Marlia. A questo si aggiungono i programmi di training anche operativi per formare in concessionaria il digital manager, la figura che si occupa di traghettare le concessionarie nel mondo digitale.

Italia, Spagna e Francia. Ma anche Sud America

MotorK collabora in Italia con 100 concessionari e da qualche mese ha lanciato la piattaforma anche in Spagna e Francia. Nel futuro di Marlia e dei suoi colleghi c’è però l’Inghilterra, la Germania, la Polonia ma anche il Brasile, il Portogallo e la Turchia. «L’obiettivo è aiutare l’industria dell’auto a vendere più auto e in maniera più intelligente», ha spiegato Marlia. Inoltre, DriveK lavora con l’87% del mercato automotive italiano, con il 56% di quello spagnolo e in Francia, dove sono partiti da molto poco, collaborano con 5 case auto. Ma come si fa a lavorare con un mercato in crisi com’è quello dell’auto? È lo stesso Marlia a spiegarlo: «Noi siamo un prodotto anticiclico, basti pensare che abbiamo raddoppiato i nostri numeri per cinque anni di fila e lo abbiamo fatto nel momento peggiore. Ma la verità è che quando c’è la crisi maggiore le concessionarie e le case auto cercando di spostare gli investimenti in qualcosa che sicuramente funziona. E noi funzioniamo. A ciò si aggiunge il fatto che nelle nostre aree di riferimento, il mercato dell’auto non è in crisi, nonostante fenomeni come Blablacar. Nei paesi su cui puntiamo, il mercato dell’auto cresce anche a doppia cifra e nel 2017 ci saranno 40milioni di auto vendute. Per ogni persona che a Milano rinuncia all’auto, ce ne sono altre due in Brasile che ne comprano una a testa. E poi, anche in Italia la situazione non è proprio così tragica: il nostro parco circolante è ormai oltre i 9 anni di età media. Quindi le macchine si rompono e la gente le deve sostituire».

Investimenti nel FoodTech, il food delivery piglia tutto

Il food delivery in Europa ha assorbito la metà degli investimenti dei VC, ma rappresenta solo l’1,5% del food retail. E se si guarda al mercato globale, dal campo alla tavola, gli spazi di innovazione sono enormi. Il report di Five Seasons Ventures

Smart city, Oracle Italia presenta il modello Proxima

Oracle ha mostrato al grande pubblico della Maker Faire Rome 2018 una città-tipo costruita con il Lego. Per spiegare come sarà l’agglomerato urbano governato con il cloud e l’intelligenza artificiale.