Alertino, un’app sostituisce il gesto dell’ombrello in auto con un ping

L’app permette di inviare ad un altro automobilista un alert per avvisarlo di un’eventuale situazione critica come un’auto in doppia fila, con un finestrino aperto o le luci accese

(Comunicato Stampa) – Un divieto di sosta temporaneo segnalato all’ultimo, un mezzo che viaggia con una lampadina bruciata, un’auto in doppia fila, un guidatore disattento che parcheggia lasciando un finestrino aperto o le luci accese. Sono solo alcune delle situazioni in cui occorrerebbe rintracciare in modo veloce e diretto il proprietario di un’auto. Attualmente però la comunicazione tra automobilisti è ancora affidata a gesti, colpi di clacson o biglietti lasciati sul parabrezza: modalità poco efficaci che possono anche risultare fastidiose.

In aiuto degli utenti al volante arriva Alertino, una nuova app disponibile sia per Android che per iOS, pensata per rivoluzionare il modo di comunicare tra automobilisti. Grazie all’ampia diffusione degli smartphone, ogni guidatore ha con sé uno strumento collegato ad Internet in grado di ricevere messaggi istantanei. Partendo da questa constatazione, gli ideatori di Alertino hanno deciso di fornire al popolo delle quattro ruote uno strumento veloce ed efficace per inviare un messaggio ad un altro conducente.

alertino

Oltre a migliorare la comunicazione tra automobilisti, Alertino porterà benefici sia in termini di sicurezza stradale che in funzione di vigilanza” hanno sottolineato gli ideatori dell’app. “Piccole disattenzioni possono avere gravi conseguenze. Con Alertino gli automobilisti hanno uno strumento efficace per avvisare un altro utente evitando così che malintenzionati approfittino della situazione”.

Alertino funziona in modo semplice e può essere usato con la creazione di un nickname personale. L’aggiunta del numero di targa della propria auto, tuttavia, rende possibile il completo utilizzo dell’app. In questo modo ogni utente potrà iniziare a ricevere i messaggi sfruttando tutti i vantaggi di questa innovazione.

Anche per quanto riguarda l’invio, la procedura è molto intuitiva. Una volta lanciata l’applicazione, si apre una schermata dove bisogna inserire il numero di targa del veicolo interessato e selezionare l’alert adeguato. Dal “Potresti spostare l’auto in doppia fila?” al “Hai lasciato il finestrino abbassato!” passando per lo “Sportellino benzina aperto”, sono molte le opzioni offerte dall’applicazione compresa la possibilità di segnalare una “zona a rischio multe” o chiedere il prezzo di un’auto in vendita.

Sempre in tema di verbali, esiste l’avviso “Causa lavori devi spostare l’auto”. L’allestimento di un cantiere o un trasloco può prevedere l’istituzione di un divieto di sosta temporaneo. Capita, a volte, che gli avvisi siano messi solo all’ultimo con il rischio di multe salate e rimozioni forzate a danno di automobilisti inconsapevoli. Lo stesso discorso può valere per segnalazioni stradali un po’ ambigue che disorientano l’automobilista in cerca di parcheggio. Alertino offre un modo semplice per evitare spiacevoli sanzioni sollevando gli utenti al volante dal timore di aver lasciato l’auto in divieto di sosta.

La scelta dell’alert adeguato è quindi il passaggio chiave del processo di invio. Una volta trovata l’opzione giusta, basterà comporre il messaggio e spedirlo, con la possibilità di condividerlo anche via social. A quel punto, il possessore del veicolo riceverà tramite Alertino una notifica di avviso. “Hai dimenticato i fari accesi. Ti conviene spegnerli altrimenti scarichi la batteria”. Questo, ad esempio, è il messaggio che potrebbe arrivare tramite l’app nel caso dimenticassimo di spegnere le luci dell’auto.

Un Commento a “Alertino, un’app sostituisce il gesto dell’ombrello in auto con un ping”

  1. Michele Masiti

    App pericolosissima…dubito che le persone la usino solo a vettura ferma, o che facciano inviare l’alert solo dai passeggeri…già ora le persone usano whatsapp, facebook e chiamate mentre guidano, adesso c’è un “buon motivo altruistico” per distrarsi dalla guida.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp