Crowdfunding e round milionari, così Alyt è entrata nelle 11 scaleup italiane

I 5 ragazzi di Torino hanno usato un crowdfunding per far parlare di Alyt e ora aspettano di chiudere un round da 2mln di euro. E ne hanno già investiti 2,5mln

Quante volte avete desiderato che qualcuno vi spegnesse la sveglia, vi alzasse le tapparelle e vi staccasse l’allarme di casa al posto vostro così da lasciarvi ancora qualche minuto nel letto? Ecco, da qualche mese il vostro sogno è diventato realtà grazie a una “saponetta” poco più grande di un mouse. È Alyt, acronimo di “Affordable Link Your Things” ed è un hardware e una piattaforma per la domotica creato da cinque ragazzi di Torino: il CEO Luca Capula, il CTO Simone Janin, il responsabile del marketing Mirko Bretto, il CFO Marco Capula e Samuele Rocca, che tiene i rapporti con gli investitori. A Settembre ScaleIT l’ha selezionata tra le 11 scaleup italiane da fare incontrare con investitori stranieri ed è ad oggi una delle realtà più interessanti e più in forte crescita in Italia.

La scelta americana di Alyt

Cresciuta veloce, ma Alyt è un’azienda giovanissima. «Alyt è nato alla fine del 2013 ma avevamo cominciato a ragionarci già a partire dal 2010. La sede legale dell’azienda è a Sunnyvale, in California e poi abbiamo altre due sedi: una in Italia, a Torino, dove ci occupiamo di ricerca e sviluppo e l’altra in Cina, a Shenzhen, dove si produce l’hardware», racconta a Startupitalia Mirko Bretto. La scelta di essere americani, pur essendo loro tutti ragazzi italiani, è semplice, spiega Bretto: «È più facile far capire il valore di un progetto così a investitori americani. In Silicon Valley startupper e venture capital lavorano a stretto contatto».

C’è un’italiana tra le 10 PMI più innovative d’Europa.

E’ Translated

ALYT_1

Il crowdfunding su Indiegogo

Il loro modo di fare Internet of Things è nato anche grazie ad una campagna di crowdfunding su Indiegogo: in 60 giorno raccolsero 115mila dollari. La campagna servì più che altro come volano per la comunicazione e per essere notati sulla stampa: negli Usa ebbe una grande eco e per loro fu come investire  300mila dollari nella comunicazione di quello che era Alyt. E poi, coloro che avevano partecipato al crowdfunding sono rimasti come beta tester per lo sviluppo della piattaforma.

La favola di Mosaicoon, la startup italiana
che l’Europa porterà in Silicon Valley

 

I 500 utenti nella community e sviluppo dell’hardware

Oggi Alyt ha 500 utenti nella propria community, che sono quelli che si è portata dietro dalla campagna di crowdfunding e che hanno contribuito allo sviluppo dell’hub. L’hardware è stato creato perché, spiega Bretto, «pur non essendo questo il nostro core business, avevamo bisogno dello strumento e sul mercato non c’era nulla che facesse al caso nostro. Molti hub hanno un’intelligenza in cloud: si servono della connettività e quando questa manca, gli hub diventano come delle “scatole vuote” che non servono a nulla. Invece il nostro hardware funziona anche in assenza di copertura e continua a dialogare con i sensori presenti in casa».

Finanziamenti tra un round da chiudere e 2,5M già investiti

Ad oggi i cinque ragazzi hanno investito due milioni e mezzo di euro, senza aver alcun venture capitalist alle spalle. Entro la fine dell’anno, poi, sperano di riuscire a chiudere un round di finanziamento di 2milioni di euro. Un obiettivo ambizioso. Il loro modello di business è btobtoc (business to business to consumer): infatti Alyt fornisce servizi professionali di terze parti anche attravrso assicurazioni, telco e utilities. Funziona con la connessione 3G e 4G (in questo caso solo per la Russia) e la “scatoletta” può essere utilizzata come router, permettendo così agli utenti di navigare online. È settato per Android, quindi è compatibile con Brillo e Weave di Google.

Amazon dona una biblioteca ibrida ad Amatrice

Inaugurata in sei moduli container nel cuore della città rasa al suolo dal terremoto una sala per la lettura di ebook sui Kindle e per l’ascolto di audiolibri sui tablet Audible, senza dimenticare i volumi cartacei

La dieta più semplice del mondo si fa con quattro pugni di cibo nel piatto

La dietologa olandese Suzy Wegel ha provato su se stessa un regime alimentare che consiste nel mangiare sempre piatti equilibrati con una porzione di carboidrati, una di proteine, due di verdure e un cucchiaio di grasso. I risultati non tarderanno ad arrivare