Crowdfunding e round milionari, così Alyt è entrata nelle 11 scaleup italiane

I 5 ragazzi di Torino hanno usato un crowdfunding per far parlare di Alyt e ora aspettano di chiudere un round da 2mln di euro. E ne hanno già investiti 2,5mln

Quante volte avete desiderato che qualcuno vi spegnesse la sveglia, vi alzasse le tapparelle e vi staccasse l’allarme di casa al posto vostro così da lasciarvi ancora qualche minuto nel letto? Ecco, da qualche mese il vostro sogno è diventato realtà grazie a una “saponetta” poco più grande di un mouse. È Alyt, acronimo di “Affordable Link Your Things” ed è un hardware e una piattaforma per la domotica creato da cinque ragazzi di Torino: il CEO Luca Capula, il CTO Simone Janin, il responsabile del marketing Mirko Bretto, il CFO Marco Capula e Samuele Rocca, che tiene i rapporti con gli investitori. A Settembre ScaleIT l’ha selezionata tra le 11 scaleup italiane da fare incontrare con investitori stranieri ed è ad oggi una delle realtà più interessanti e più in forte crescita in Italia.

La scelta americana di Alyt

Cresciuta veloce, ma Alyt è un’azienda giovanissima. «Alyt è nato alla fine del 2013 ma avevamo cominciato a ragionarci già a partire dal 2010. La sede legale dell’azienda è a Sunnyvale, in California e poi abbiamo altre due sedi: una in Italia, a Torino, dove ci occupiamo di ricerca e sviluppo e l’altra in Cina, a Shenzhen, dove si produce l’hardware», racconta a Startupitalia Mirko Bretto. La scelta di essere americani, pur essendo loro tutti ragazzi italiani, è semplice, spiega Bretto: «È più facile far capire il valore di un progetto così a investitori americani. In Silicon Valley startupper e venture capital lavorano a stretto contatto».

C’è un’italiana tra le 10 PMI più innovative d’Europa.

E’ Translated

ALYT_1

Il crowdfunding su Indiegogo

Il loro modo di fare Internet of Things è nato anche grazie ad una campagna di crowdfunding su Indiegogo: in 60 giorno raccolsero 115mila dollari. La campagna servì più che altro come volano per la comunicazione e per essere notati sulla stampa: negli Usa ebbe una grande eco e per loro fu come investire  300mila dollari nella comunicazione di quello che era Alyt. E poi, coloro che avevano partecipato al crowdfunding sono rimasti come beta tester per lo sviluppo della piattaforma.

La favola di Mosaicoon, la startup italiana
che l’Europa porterà in Silicon Valley

 

I 500 utenti nella community e sviluppo dell’hardware

Oggi Alyt ha 500 utenti nella propria community, che sono quelli che si è portata dietro dalla campagna di crowdfunding e che hanno contribuito allo sviluppo dell’hub. L’hardware è stato creato perché, spiega Bretto, «pur non essendo questo il nostro core business, avevamo bisogno dello strumento e sul mercato non c’era nulla che facesse al caso nostro. Molti hub hanno un’intelligenza in cloud: si servono della connettività e quando questa manca, gli hub diventano come delle “scatole vuote” che non servono a nulla. Invece il nostro hardware funziona anche in assenza di copertura e continua a dialogare con i sensori presenti in casa».

Finanziamenti tra un round da chiudere e 2,5M già investiti

Ad oggi i cinque ragazzi hanno investito due milioni e mezzo di euro, senza aver alcun venture capitalist alle spalle. Entro la fine dell’anno, poi, sperano di riuscire a chiudere un round di finanziamento di 2milioni di euro. Un obiettivo ambizioso. Il loro modello di business è btobtoc (business to business to consumer): infatti Alyt fornisce servizi professionali di terze parti anche attravrso assicurazioni, telco e utilities. Funziona con la connessione 3G e 4G (in questo caso solo per la Russia) e la “scatoletta” può essere utilizzata come router, permettendo così agli utenti di navigare online. È settato per Android, quindi è compatibile con Brillo e Weave di Google.

Dopo Esselunga anche Coop sceglie Satispay

L’accordo di integrazione interesserà inizialmente tutti i punti vendita di Coop Lombardia. Nei prossimi giorni il servizio sarà reso disponibile anche in Liguria. Previsto uno sconto del per chi sceglie questo metodo di pagamento

A colloquio con gli insegnanti via Skype, l’idea di un Liceo Classico di Cosenza

Il dirigente scolastico Antonio Iaconianni spiega a StartupItalia! i dettagli di questa iniziativa che punta a modernizzare il liceo classico Telesio. E semplificare il rapporto tra famiglie e scuola sfruttando la tecnologia