Il numero 2 del retail online ha scelto gli analytics di Webtrends

Otto Group ha adottato Webtrends per ottenere informazioni dettagliate in tempo reale su 120 brand globali

(Comunicato Stampa) – Otto Group, il secondo retailer online al mondo al quale fanno riferimento oltre 120 importanti brand inclusi BonPrix, Otto, Crate & Barrel e Hermes, ha consolidato le modalità di reporting digitale utilizzando diverse soluzioni di analytics di Webtrends, leader globale nell’ottimizzazione per il marketing digitale, analytics in tempo reale e customer intelligence.

Nato oltre 60 anni fa, Otto Group fattura più di 12 miliardi di euro all’anno, operando come gruppo di retailer e fornitore di servizi a livello globale. Per Otto Group l’ecommerce rappresenta il canale di vendita a più rapida crescita e coinvolge più di 120 importanti brand.

Con 120 brand in costante crescita a livello internazionale, Otto Group aveva l’esigenza di una chiara visione del mercato e di informazioni dettagliate sulle origini del traffico verso i vari siti. Il Gruppo mancava di una base comune per le web analytics e produceva oltre 100 diversi report, ognuno con diversi KPI e metriche. Era necessaria quindi una piattaforma che potesse fornire un benchmark generale, mostrando cosa funzionava e cosa no per tutti i brand. Ciò avrebbe consentito a Otto Group di sfruttare sinergie e condividere best practice fra le varie società del gruppo.

Otto Group

Otto Group ha scelto Webtrends per molteplici soluzioni, comprese le analytics in tempo reale. La collaborazione di Otto Group con Webtrends ha coinvolto oltre 100 domini, iniziando da Germania, Austria e Svizzera, lavorando su domini desktop e mobili, app e diverse landing page. I diversi brand di Otto Group sono ora in grado di confrontare diversi approcci di business, condividere best practice e ottimizzare i propri negozi online.

«Siamo uno dei maggiori retailer online a livello globale e per il successo del nostro business è essenziale disporre di informazioni affidabili sulle performance di ciascun brand. Garantire l’accuratezza dei dati è una grande sfida quando si gestisce un così alto numero di business globali, ognuno con diversi modelli di reportistica», commenta Lars Finger, responsabile del centro di competenza e-commerce di Otto Group. «Il nostro approccio è stato di definire KPI standard per l’intero portfolio di aziende, garantendo così al consiglio di amministrazione una trasparenza totale. Per facilitare la transizione al nuovo modello da parte dei vari brand, Webtrends ha organizzato una serie di seminari al fine di allineare tutti i brand sugli stessi obiettivi e consentirci di disporre di una reportistica più accurata a tutto vantaggio delle decisioni di business».

«Uno dei fattori chiave per consentire a un’azienda di migliorare continuamente la sua offerta è la capacità di valutare cosa ha funzionato e cosa no. E questo rischia di essere impossibile quando si tratta di mettere insieme 100 formati di report con metriche distinte», aggiunge Karl-Heinz Maier, direttore vendite per l’Europa Centrale di Webtrends. «In considerazione delle severe leggi europee in materia di dati personali, per Otto Group era importante lavorare con un’azienda esperta e con una piattaforma capace di gestire una grande quantità di dati internazionali. L’inclusione di Germania, Austria e Svizzera ha consentito un reporting più accurato e una maggiore trasparenza delle proprietà online di Otto Group. Quando Otto Group deciderà di aggiungere nuove regioni al progetto, saremo ancora al loro fianco».

Bitcoin, Ethereum e IOTA: c’è un corso sulle criptomonete alla London School of Economics

60 ore di lezioni via web al costo di 1800 euro: l’ultimo corso della Lse insegnerà agli studenti come destreggiarsi tra blockchain e criptoasset. Corsi di studio simili esistono anche a Malta e Melbourne

Open Innovation Club, startup e big company scrivono insieme il futuro

Ospite di Enel, prende il via il programma d’incontri rivolti a imprese e PA per confrontarsi sulle best practices innovative da applicare. Tra i soci grandi realtà come TIM, Cisco, Ferrovie dello Stato e Google