King Digital di Riccardo Zacconi venduta per 5.9 miliardi ad Activision

King Digital, la società che produce Candy Crush Saga di Riccardo Zacconi, è stata venduta per 5.9 miliardi ad Activision, la società USA di Call of Duty

E’ il secondo unicorno fatto da un italiano. Se il primo è Yoox, di Federico Marchetti, King Digital di Riccardo Zacconi, 47 anni, romano, presidente e Ceo dell’azienda che ha sede a Londra risiede stabile al secondo posto. E questo unicorno, da dove è nato uno dei giochi più popolari in circolazione come Candy Crash Saga, è stato venduto per la cifra da capogiro di 5.9 miliardi di dollari alla Activision, la società di videogiochi statunitense che produce Call of Duty e Word of Warcraft. Oggi di fatto possiede tre dei giochi più popolari in circolazione. La notizia è stata riportata oggi dal quotidiano finanziario inglese Financial Times.

riccardo-zacconi

La cifra implica che Activision ha pagato King Digital qualcosa come 18 dollari per azione. L’operazione consentirà a Activision di diversificare l’offerta di videogiochi in portfolio. Ed è un’ulteriore conferma di quanto significhi il mobile per le aziende di videogiochi oggi. Invece di crearne di propri, Activision ha deciso di gettarsi sul sicuro e acquisire una società che ne ha già creati diversi. Oltre Candy Crash infatti è di King Digital anche Farm Hero.

Nel 2013 Chefuturo! ha inserito Zacconi tra i 100 innovatori dell’anno. La motivazione è in questa descrizione del papà di Candy Crash: «Se contassero solo i soldi non ce ne sarebbe per nessuno: sarebbe lui il re dell’anno. Del resto la sua società si chiama King e il Guardian lo ha appena messo tra i 100 personaggi del 2013 (al 56esimo posto). Merito di Candy Crush Saga e di altri giochini simili che girano su Facebook: ogni giorno nel mondo si fanno un miliardo di partite made in King. E lui incassa. Zacconi è romano, ha 46 anni, è a Londra dal 2001. Ne sentiremo parlare ancora tanto». Una promessa mantenuta.

[Post in progress. Aggiornamenti a breve sull’exit e la storia di Riccardo Zacconi e King Digital]

Arcangelo Rociola
@arcamasilum

Un Commento a “King Digital di Riccardo Zacconi venduta per 5.9 miliardi ad Activision”

  1. Diego Angemi

    Ma fatemi capire… se il fondatore, Italiano, si trasferisce all’estero nel 2001 e nel 2003 fonda a Stoccolma la società in oggetto, unicorno italiano cosa? Volete forse celebrare l’eccellenza tutta italiana, quella sì, di far fuggire neuroni, idee e capitali all’estero? MANCATO unicorno italiano, avreste dovuto più correttamente scrivere.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era