King Digital di Riccardo Zacconi venduta per 5.9 miliardi ad Activision

King Digital, la società che produce Candy Crush Saga di Riccardo Zacconi, è stata venduta per 5.9 miliardi ad Activision, la società USA di Call of Duty

E’ il secondo unicorno fatto da un italiano. Se il primo è Yoox, di Federico Marchetti, King Digital di Riccardo Zacconi, 47 anni, romano, presidente e Ceo dell’azienda che ha sede a Londra risiede stabile al secondo posto. E questo unicorno, da dove è nato uno dei giochi più popolari in circolazione come Candy Crash Saga, è stato venduto per la cifra da capogiro di 5.9 miliardi di dollari alla Activision, la società di videogiochi statunitense che produce Call of Duty e Word of Warcraft. Oggi di fatto possiede tre dei giochi più popolari in circolazione. La notizia è stata riportata oggi dal quotidiano finanziario inglese Financial Times.

riccardo-zacconi

La cifra implica che Activision ha pagato King Digital qualcosa come 18 dollari per azione. L’operazione consentirà a Activision di diversificare l’offerta di videogiochi in portfolio. Ed è un’ulteriore conferma di quanto significhi il mobile per le aziende di videogiochi oggi. Invece di crearne di propri, Activision ha deciso di gettarsi sul sicuro e acquisire una società che ne ha già creati diversi. Oltre Candy Crash infatti è di King Digital anche Farm Hero.

Nel 2013 Chefuturo! ha inserito Zacconi tra i 100 innovatori dell’anno. La motivazione è in questa descrizione del papà di Candy Crash: «Se contassero solo i soldi non ce ne sarebbe per nessuno: sarebbe lui il re dell’anno. Del resto la sua società si chiama King e il Guardian lo ha appena messo tra i 100 personaggi del 2013 (al 56esimo posto). Merito di Candy Crush Saga e di altri giochini simili che girano su Facebook: ogni giorno nel mondo si fanno un miliardo di partite made in King. E lui incassa. Zacconi è romano, ha 46 anni, è a Londra dal 2001. Ne sentiremo parlare ancora tanto». Una promessa mantenuta.

[Post in progress. Aggiornamenti a breve sull’exit e la storia di Riccardo Zacconi e King Digital]

Arcangelo Rociola
@arcamasilum

India Jackson, la ragazza che grazie al crowdfunding andrà alla Nasa a studiare i pianeti

La 32 enne laureata in Fisica (e madre single), vince uno stage alla Nasa, ma non avrebbe potuto sostenere le spese di viaggio e soggiorno. Grazie al popolo del web potrà realizzare il suo sogno: studiare la luminescenza dei pianeti

Goin, l’app dedicata ai millennials per gestire le spese e risparmiare soldi

Facilitare l’accumulo di denaro con funzioni ad hoc e opportunità di investire le cifre messe da parte sono i punti forti dell’applicazione che in Spagna è diventata presto popolare tra i giovani

Penso Parlo Posto, il libro che allena a una comunicazione non ostile

Il nuovo libro di Federico Taddia e Carlotta Cubeddu raccontato dagli autori. “Le parole sono tutto: le parole definiscono chi siamo, le parole ci raccontano agli altri, con le parole possiamo arrivare al centro di noi stessi, con le parole impariamo a pensare. Ma non siamo più abituati a usarle”

Formaggi vegani: dal tofu al fermentino di Daniela Cicioni

Per legge non possono essere chiamati formaggi se non hanno del latte di origine animale, ma quelli vegani sono ormai prodotti così raffinati da poter competere ad armi pari, muffe comprese. Ci spiega perché Daniela Cicioni

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.