Invitalia sfida le startup: 4 mila euro al migliore video sul talento nel fare impresa

Business stories, il video contest di Invitalia, si svolgerà dal 9 novembre al 9 dicembre 2015. Saranno premiate le migliori videostorie sui temi dell’imprenditorialità, del talento e dell’innovazione

Si svolgerà dal 9 novembre al 9 dicembre 2015 Business stories, il video contest di Invitalia sul fare impresa. Saranno premiate le migliori videostorie sui temi dell’imprenditorialità, del talento e dell’innovazione.

L’iniziativa viene lanciata in occasione della partenza, il 13 gennaio 2016, degli incentivi del Governo “Nuove imprese a tasso zero”, gestiti da Invitalia e dedicati soprattutto ai giovani e alle donne.

Invitalia_business stories2

Il contest è rivolto a creativi, videomaker, artisti, aspiranti imprenditori, innovatori, esperti digitali e a chiunque sappia realizzare un video di massimo tre minuti, amatoriale o professionale che descrive le emozioni e le ambizioni di chi decide di costruirsi da solo il proprio futuro.

Per partecipare non è necessario essere imprenditori o volerlo diventare e non è obbligatorio essere videomaker professionisti: Business stories è soprattutto una sfida tra le intuizioni più brillanti e originali per raccontare l’esperienza di chi non si limita a cercare un lavoro, ma se lo inventa con il proprio talento.

I vincitori verranno scelti da una commissione e dal voto degli utenti social sul canale YouTube che ospiterà i video in competizione. La premiazione avverrà a dicembre 2015: 4.000 euro al primo classificato, 2.000 al secondo e 1.000 al terzo. Il regolamento e le modalità di partecipazione sono disponibili sul sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Perché (e quanto) le banche hanno bisogno del fintech, secondo Borsadelcredito.it

La disintermediazione sta costringendo le banche a reinventare i loro servizi, andare incontro alle aspettative del consumatore e avvicinarsi, in qualche modo, al fintech. Le ragioni e i passi da compiere nel commento di Antonio Lafiosca, Coo di Borsadelcredito.it