Invitalia sfida le startup: 4 mila euro al migliore video sul talento nel fare impresa

Business stories, il video contest di Invitalia, si svolgerà dal 9 novembre al 9 dicembre 2015. Saranno premiate le migliori videostorie sui temi dell’imprenditorialità, del talento e dell’innovazione

Si svolgerà dal 9 novembre al 9 dicembre 2015 Business stories, il video contest di Invitalia sul fare impresa. Saranno premiate le migliori videostorie sui temi dell’imprenditorialità, del talento e dell’innovazione.

L’iniziativa viene lanciata in occasione della partenza, il 13 gennaio 2016, degli incentivi del Governo “Nuove imprese a tasso zero”, gestiti da Invitalia e dedicati soprattutto ai giovani e alle donne.

Invitalia_business stories2

Il contest è rivolto a creativi, videomaker, artisti, aspiranti imprenditori, innovatori, esperti digitali e a chiunque sappia realizzare un video di massimo tre minuti, amatoriale o professionale che descrive le emozioni e le ambizioni di chi decide di costruirsi da solo il proprio futuro.

Per partecipare non è necessario essere imprenditori o volerlo diventare e non è obbligatorio essere videomaker professionisti: Business stories è soprattutto una sfida tra le intuizioni più brillanti e originali per raccontare l’esperienza di chi non si limita a cercare un lavoro, ma se lo inventa con il proprio talento.

I vincitori verranno scelti da una commissione e dal voto degli utenti social sul canale YouTube che ospiterà i video in competizione. La premiazione avverrà a dicembre 2015: 4.000 euro al primo classificato, 2.000 al secondo e 1.000 al terzo. Il regolamento e le modalità di partecipazione sono disponibili sul sito.

Da San Francisco i nuovi trend su Intelligenza Artificiale e Machine Learning

A 10.000 chilometri di distanza e dopo 70 ore di codice e best practice internazionali, i Data Scientist di illimity raccontano quali sono i nuovi trend di Intelligenza Artificiale con cui le aziende devono misurarsi

Chi sono gli alunni “plusdotati” e perchè è importante che siano riconosciuti dal Miur

Momento storico per gli alunni plusdotati in Italia. Il Ministero dell’Istruzione “ha riconosciuto”, per la prima volta, all’interno del sistema degli alunni con bisogni educativi speciali anche quelli ad alto potenziale cognitivo. L’intervista con la presidente di Aget Italia