Il Web Summit 2015 in 50 secondi

Il Web Summit è una manifestazione da vedere. Qui una selezione di 5 video fatti a Dublino per raccontare qualcosa di quello che si è visto

La chiusura delle contrattazioni al Nasdaq di NewYork, fatta a Dublino dal padrone di casa Paddy Cosgrave e dal capo del Nasdaq Europa Adam Kostyál, che StartupItalia! ha intervistato a maggio. 

Il Q&A time con Dave McClure, che risponde a un giornalista olandese sulle startup olandesi. Disclaimer «don’t give a fuck» è l’intercalare più usato nei 15 minuti di Q&A

Le pecore dell’RDS Arena, il simbolo del Web Summit, anche quest’anno colorate con i colori della manifestazione

Un drone un po’ inquietate, perché è piccolissimo e agilissimo. E un giorno sarà ancora più piccolo e agile.    

Ti potrebbe interessare anche

3 lezioni dal Web Summit (tra cui mollare app e fare IOT)

Alcune indicazioni dal Web Summit per le startup: mollate le app e fate Internet of Things

40 anni, laureato, preparato: ecco chi fa startup in Italia (e perché negli Usa è l’opposto)

Una ricerca dell’Università di Padova, esamina quali fattori favoriscono la nascita di nuove imprese e delinea il ritratto degli startupper italiani.

Il Web Summit è una truffa? Storia di una polemica davvero, davvero inutile

Tech.eu attacca il Web Summit definendolo un luogo per speculare sulle startup, Paddy Cosgrave risponde e di lì si accende una polemica. Proviamo a ripercorrerla dall’attacco alla chiusura

Kostyál (Nasdaq): «Il maggior freno dell’Italia? Una scarsa cultura del mercato delle equity»

Intervista al responsabile del listino tecnologico europeo che racconta delle difficoltà e delle potenzialità delle digital company europee. E annuncia: presto un’Ipo di una startup italiana nel settore bioet

Smart working: rendilo possibile con un DAM Intelligente

15% di produttività in più, 20% in meno di assenze e meno 30% sui costi di gestione degli spazi. Lo Smart working è una sfida operativa e culturale che sembra offrire molti vantaggi, anche grazie a strumenti integrati che fanno del cloud la loro carta vincente

A Bresso (Milano) la prima aula scolastica dedicata interamente alla realtà virtuale

Le prime classi dotate di realtà virtuale iniziano a comparire anche in Italia. E’ il caso della scuola primaria Kennedy di Bresso (hinterland di Milano), dove c’è la prima aula europea interamente dedicata alla MVR (mixed virtual reality).