Drexcode, noleggio di abiti di alta moda, chiude un round da 556K

L’operazione completa l’investimento annunciato nel dicembre 2014 e porta il totale raccolto dalla società a un milione di euro.

Drexcode, la web boutique che offre a noleggio abiti e accessori delle ultime collezioni dell’alta moda ha chiuso un round da 556 mila euro. L’operazione completa l’investimento annunciato nel dicembre 2014 e porta il totale raccolto dalla società a un milione di euro.

drexcode

Il resto della cifra è stato stanziato come segue: 180 mila euro provengono da Innogest, 180 mila euro dalla finanziaria regionale ligure LigurCapital e, 126 mila da Fashion 22, il veicolo del gruppo di business angel Italian Angels for Growth.

«Nel 2014 il settore moda in Italia è cresciuto del 2,7%, fatturando complessivamente 52 miliardi di Euro e nel 2015 è previsto un ulteriore incremento del 3,8%» – dice il CEO di LVenture Group Luigi Capello.

«Allo stesso tempo le startup nel fashion stanno raggiungendo risultati interessanti sulla scena internazionale ed è proprio in questo settore che opera YOOX, l’unico unicorn italiano. Per questo siamo particolarmente soddisfatti di aver investito in Drexcode, che non ha competitor significativi in Italia e offre un servizio a prezzi competitivi e con grande potenziale».

Drexcode, che è entrata a far parte del portfolio di LVenture Group nel 2014.  Fondata nel maggio 2014 da Federica Storace e Valeria Cambrea, imprenditrici con alle spalle una più che decennale esperienza nel campo del marketing, Drexcode è una luxury web boutique che fornisce un servizio a noleggio di abiti femminili di alta gamma pensati per occasioni speciali. Nell’epoca della sharing economy, Drexcode si propone come un business innovativo in grado di garantire ai suoi iscritti una fashion experience sempre diversa a costi competitivi.

«Drexcode vuole risolvere il problema del “cosa mi metto?” – dice Federica Storace co-fondatrice e CEO di Drexcode — dando la possibilità di scegliere tra i look firmati più esclusivi della stagione. È una soluzione estremamente smart amata da donne evolute, al passo con i tempi, che amano la moda e non vogliono rinunciare ad indossare le ultime tendenze. Mai più, quindi, abiti indossati una sola volta e lasciati inutilizzati nell’armadio, ma capi couture sempre nuovi per brillare ad ogni occasione speciale».

«Per i brand che abbiamo in portafoglio — ha aggiunto Valeria Cambrea co-founder responsabile commerciale — Drexcode rappresenta una grande opportunità per conquistare il pubblico femminile che, grazie alla formula del noleggio, sceglie di indossare nuove firme di cui molto spesso si innamora diventandone cliente».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Accordo Italian Angels for Growth e LVenture per far crescere le startup

L’Angel Group italiano e la holding di partecipazioni quotata in Borsa Italiana annunciano un accordo per sostenere lo sviluppo di startup ad alto potenziale di crescita che fanno parte dell’acceleratore Luiss EnLabs

Colpo nel fashion! Un milione a Drexcode per volare in Europa

I soci di Italian Angel for Growth investono un milione nel lusso a domicilio della startup genovese. Per le due founders sarà la spinta per crescere nel mercato estero grazie alla sua offerta di lusso a noleggio

La startup dei vestiti di lusso Drexcode raccoglie 1 milione

LVenture Group, Innogest, LigurCapital e alcuni soci di Italian Angels for Growth investono nella piattaforma online di noleggio

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.