Una barca italiana torna in Antartide dopo 42 anni, grazie ad una startup

La partenza è fissata per il 9 gennaio da Puerto Williams in Cile

(Comunicato Stampa) – Sailsquare.com, la piattaforma italiana per la condivisione di esperienze di viaggio in barca a vela, si prepara ad offrire alla sua community l’opportunità di vivere un’esperienza ai confini del mondo, a bordo di un catamarano che farà rotta nella penisola Antartica.
Angelique II, questo il nome del catamarano con bandiera italiana che salperà nelle prossime settimane da Puerto Williams in Cile, vedrà al timone Giambattista, esperto skipper della community Sailsquare che ha fatto dei mari del sud una seconda casa e che in questo nuovo viaggio metterà a disposizione la sua esperienza e passione, per guidare l’equipaggio alla scoperta delle meraviglie mozzafiato del continente più a sud della terra.

A 42 anni di distanza dal motoveliero San Giuseppe II di Giovanni Ajmone Cat che nel 1973 sfiorò il circolo polare antartico, il ritorno di un’imbarcazione italiana nella penisola Antartica sarà all’insegna della condivisione e aperto a tutti, con quattro posti a bordo che attendono i viaggiatori che vorranno partecipare a questa straordinaria avventura.

Il viaggio, della durata di tre settimane, porterà l’equipaggio a immergersi in un paesaggio che supera qualsiasi immaginazione. I compagni di viaggio potranno osservare lo straordinario spettacolo delle cattedrali di ghiaccio, navigare accanto alle balene in mare aperto e scoprire il meraviglioso ecosistema della banchisa, popolato di pinguini, foche, leoni marini, albatros e centinaia di specie diverse e inconsuete.

Sailsquare_antartide

La rotta percorsa dall’Angelique II attraverserà dapprima le circa 500 miglia del Mare di Drake per giungere nelle Isole South Shetland a Deception Island, con le sue caratteristiche sabbie nere e la colonia di pinguini più popolosa del continente. Da lì l’imbarcazione farà rotta su Entrerprise Island, come scalo intermedio verso il famoso Port Lockroy a Wiencke Island, dove sarà possibile visitare la vecchia stazione inglese, oggi trasformata in museo e ufficio postale ai confini del mondo. Da Port Lockroy, Giambattista e l’equipaggio attraverseranno lo Stretto di Bismarck per raggiungere l’Archipelago di Wilhelm, il punto più a sud del viaggio, visitando le stazioni di ricerca Vernadsky Station (Ucraina), Gonzalez Videla Base (Cile) e Brown Station (Argentina).

«La passione per il mare e per la vela mi hanno portato fin quaggiù, a guardare l’orizzonte e sognare di riportare una barca italiana in Antartide», afferma Giambattista, skipper di Angelique II e membro della community Sailsquare. «Per me e mia moglie il mare è una scelta di vita, spinta dall’esigenza di conoscere nuove culture, aprirci a stili di vita diversi, immergerci in nuovi paesaggi. Sailsquare ci permette di ospitare sulla nostra barca viaggiatori da tutto il mondo, con i quali trasformare un sogno in un momento indimenticabile delle nostre vite».

Coloro che vorranno partecipare avranno la possibilità di salire a bordo singolarmente o prenotare più posti, per condividere il viaggio con amici o in compagnia di un nuovo equipaggio. La partenza è fissata per il 9 gennaio da Puerto Williams in Cile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Digithon, spiegato | Boccia (founder): «Siamo una startup che vuole fare ecosistema»

Fino al 25 giugno, tra Bisceglie e Barletta, la maratona del digitale: dibattiti con istituzioni ed esperti del settore, pitch session. Francesco Boccia ci racconta le novità dell’iniziativa, giunta alla seconda edizione

Aggiornamento Unicode | Fra gli 8 mila nuovi caratteri, anche il simbolo del Bitcoin

Introdotto con l’aggiornamento 10.0, in arrivo sui dispositivi nei prossimi mesi. Intanto un’azienda sudcoreana paga un riscatto record: un milione di dollari in Bitcoin per liberare i propri server dal ransomware Erubus

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi