WISE è la migliore startup del 2015 per Bocconi Startup Day

La migliore startup del 2015 per i giudici chiamati a Bocconi Startup Day è la startup biomedica fondata nel 2011. Premio millennials va a Everyride, quello social innovation a Comuni-chiamo

La migliore startup del 2015 per i giudici chiamati a Bocconi Startup Day è WISE. Startup biomedica fondata nel 2011, WISE vuole produrre e commercializzare la nuova generazione di elettrodi per la neuro-modulazione e di neuro-monitoraggio per curare il dolore cronico e monitorare l’epilessia nella fase di pre-chirurgia. La premiazione è avvenuta martedì 24 novembre nell’evento organizzato da Università Bocconi e Citi Foundation. 11 le startup finaliste (qui l’elenco) selezionate tra le oltre 80 che hanno partecipato alla selezione.

La migliore del 2015 è Wise

wise bocconi startup day

WISE: Startup biomedica fondata nel 20 11, WISE vuole produrre e commercializzare la nuova generazione di elettrodi per la neuro-modulazione e di neuro-monitoraggio per curare il dolore cronico e monitorare l’epilessia nella fase di pre-chirurgia. La tecnologia protetta da brevetto consente di realizzare elettrodi che integrano circuiti elettronici elastici su gomme siliconiche biocompatibili: questo li rende meno costosi, meno invasivi e più affidabili. Referente del team è Luca Ravagnan. Wise era nella top 100 tra le startup più interessanti secondo StartupItalia!

La migliore social innovation è Comuni-Chiamo

comuni-chiamo-app-per-intelligenza-collettiva-INTERVISTA

Comuni-chiamo: Piattaforma e app per la comunicazione tra i cittadini e i comuni italiani, consente ai cittadini di riportare problemi e disagi che incontrano quotidianamente nell’interazione con le amministrazioni locali municipali. Grazie al servizio di geo-localizzazione e alla possibilità di caricare immagini, le amministrazioni comunali hanno consapevolezza immediata di dove e come intervenire, senza la necessità di installare nessun software. Dal 2012, anno di fondazione, il servizio è utilizzato da 60 comuni. Referente del team è Gilberto Cavallina.

La migliore categoria millennials è EveryRide

All Carsharings - Open hands

eVeryride: È l’aggregatore di tutti i servizi di car sharing, bike sharing e scooter sharing. Attraverso l’app, ideata nel 2014, gli utenti confrontano rapidamente tutte le alternative disponibili. L’app iOS, Android e Windows Phone è disponibile da giugno 2015. L’applicazione risponde all’esigenza di accedere ai servizi di car, bike o scooter sharing contemporaneamente da un’unica app, che raccoglie le informazioni di 11 diversi fornitori di servizi. Attualmente è disponibile in 4 città (Firenze, Milano, Roma, Torino). Referente del gruppo è Lorenzo Polentes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.