Cosa fanno nel weekend le persone di successo per aumentare la produttività

La produttività è importante, ma anche saper equilibrare lavoro e riposo. Ecco cosa ne pensano scrittori e psicologi e che consigli danno per il successo nel lavoro

Due giorni per ricaricare. Per prendersi cura di sé, della propria casa e della vita privata. È un lusso che si concedono anche le persone di successo. Decine di articoli su internet cercano di catturare in pochi punti i segreti di un weekend perfetto secondo i racconti e le abitudini di famose persone di successo. C’è chi si organizza un piano per il finesettimana, chi evita le pulizie di casa, chi le consiglia e chi continua a puntare la sveglia allo stesso orario del lunedì. Tutti, comunque, smettono di lavorare.

man-walking-dog

Esercizio fisico, volontariato. E spiritualità

«Bisogna essere pronti per affrontare il lunedì al massimo. Per farlo, è necessario un weekend ricostituente. Niente finesettimana che stancano o infastidiscono». A scrivere è Laura Vanderkam, speaker e autrice di libri come I Know How She Does It: How Successful Women Build Lives That Work e What the Most Successful People Do on the Weekend. «Esercizio fisico, volontariato, attività spirituali, passare del tempo con i figli faranno di voi dei lavoratori migliori» di chi decide di non staccare mai, sostiene. In effetti, anche uno studio dell’Università di Stanford pubblicato l’anno scorso dimostra che oltre la 50esima ora di lavoro settimanale la produttività diminuisce e oltre la 55esima crolla drasticamente.

Leggi: 6 caratteristiche delle persone di successo e 6 di chi non lo sarà mai

 

Secondo Laura Vanderkam un buon weekend parte dalla pianificazione. Cosa fare, quanto tempo dedicare ad ogni attività, quanto dormire. Anche Peter Gasca e Sylvester Chisom – entrambi imprenditori, autori e contributor per diversi giornali online, intervistati da Inc.com, confermano che stilare un elenco di cose che si vogliono fare nei giorni del fine settimana aiuta a non buttare neanche un secondo. «Il modo peggiore per passare un weekend è sprecarlo mentre si cerca di decidere quello che si vuole fare. Prendetevi qualche minuto durante la settimana o il sabato mattina per decidere due obiettivi per il sabato e due per la domenica». Il resto è tempo libero.

Oltre la 50esima ora di lavoro settimanale la produttività diminuisce e oltre la 55esima crolla drasticamente.

Gasca e Chisom consigliano di svegliarsi sempre alla stessa ora. «Se dal lunedì al venerdì ti svegli alle 5 e mezza, poi vai a correre e fai colazione, allora fai così anche di sabato. Anche se decidi di prenderti un giorno di pausa dalla corsa, svegliarsi ogni giorno alla stessa ora fa in modo che il tuo corpo si riposi senza dormire troppo (o troppo poco) nel weekend». Si può dedicare qualche ora alle faccende di casa e alla spesa, purché queste attività non assorbano tutto il sabato e la domenica. Lasciatevi un momento per riflettere – Bill Gates, per esempio, si prende del tempo per pensare e capire i successi e, soprattutto, gli errori. State con la famiglia e gli amici: i legami con le persone che amiamo ci rendono più felici e meritano il nostro tempo, purché sia di qualità. Fate esercizio fisico e, soprattutto, staccate.

«Prendetevi una pausa da tutti gli schermi», è l’invito, invece, di Vanderkam. Fate una passeggiata senza telefono. Leggete. Andate a teatro, al cinema, ad una mostra. State offline. Randi Zuckeberg, founder e Ceo di Zuckeberg Media (e sorella del fondatore di Facebook Mark Zuckeberg), dice che nel weekend dovremmo essere tutti in modalità JOMO – the joy of missing out – ossia goderci i momenti in cui non siamo connessi, senza computer, telefono, social media e vivere con questo mantra in testa: «Non desidero essere in nessun altro posto che qui».

Come prepararsi al lunedì

Infine, preparatevi al lunedì. Ritagliatevi del tempo per riguardare i vostri impegni della settimana, in modo da sapere cosa va fatto subito il lunedì mattina. Fate una lista di eventi, incontri, cose importanti da fare per essere al passo con gli obiettivi che volete raggiungere. Jack Dorsey, co-fondatore di Twitter e Square, per esempio, dedica tutta la domenica a riflettere, analizzare i feedback, preparare strategie e organizzarsi per il resto della settimana. ciò gli consente di avere una settimana produttiva. Laura Vanderkam sostiene che sia questa la vera arma segreta delle persone che hanno successo nel lavoro: organizzarsi nel weekend in modo da essere pronti per il lunedì. Mentre gli dovranno ancora ingranare, o saranno stanchi per il finesettimana appena trascorso, voi sarete lucidi e perfettamente al passo con l’agenda.

Ti potrebbe interessare anche

10 domande per capire se la tua startup avrà successo (un test potentissimo)

Un tool con 10 domande per capire se è il caso di mettersi a creare una startup. Un test provocatorio, ironico, ma neanche troppo

13 cose che un incubatore di startup fa meglio di un acceleratore

I programmi brevi di accelerazione non funzionano. Il modello di incubazione deve cambiare. Ecco dove un incubatore di startup riesce a fare meglio

29 anni, ricercatore, napoletano. Costretto ad andare a Londra per studiare la camorra, si finanzia col crowdfunding

Aveva vinto una borsa a Trento ma dopo 18 mesi di incomprensioni con il dipartimento ha deciso di rinunciare. E ha scelto la libertà di ricerca, con l’aiuto di Indiegogo

5 lezioni imparate dalla persona che più stimo nel panorama startup mondiale

Kevin Rose è il fondatore di Digg, e in numerose interviste ha detto quali erano le cose essenziali che un imprenditore deve fare. Una sintesi, dall’annullare il prorio ego a conoscere bene i giornalisti

Facebook, dal 25 maggio per gli under 15 cambia tutto

Allo stato attuale per iscriversi a Facebook bisognerebbe avere 13 anni ma già a dieci anni molti bambini accedono al social dichiarandosi più grandi. Nessun accorgimento sembra essere davvero utile

Facebook fa i conti con Cambridge Analytica e la trimestrale: utili in crescita

Altro che scandali e pessimismo. Il social fa sempre più iscritti, anche se ammette potrebbe fare qualcosa di più per migliorare l’esperienza utente. A crescere soprattutto la pubblicità che nel primo trimestre ha raggiunto gli 11,8 miliardi

La dieta più semplice del mondo si fa con quattro pugni di cibo nel piatto

La dietologa olandese Suzy Wegel ha provato su se stessa un regime alimentare che consiste nel mangiare sempre piatti equilibrati con una porzione di carboidrati, una di proteine, due di verdure e un cucchiaio di grasso. I risultati non tarderanno ad arrivare

5 call per Get It! Intervista a Rinaldo Canzi sul tema terzo settore

L’advisor di Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore a StartupItalia!: “Nel nostro Paese ancora troppe poche esperienze nel terzo settore ma adesso qualcosa inizia finalmente a muoversi”