16 punti da tenere assolutamente fermi se hai lanciato una startup

Prendere soldi, guardare gli analytics, trovare un cofounder che non sia inesperto. 16 punti imparati sul campo da Enrico Pandian, founder di Supermercato24, una delle startup più interessanti del 2015.

Enrico Pandian è il founder di Supermercato24, startup che consegna la spesa a casa delle persone direttamente dai supermercati. Un anno fa ha vinto la 360Competition (e 360K). E una scalata l’ha portata a stringere un accordo con Burger King. Pandian ha pubblicato questo post su Medium che vi proponiamo come lettura. Lui è uno startupper di lunga esperienza, consigli utili, quindi. 

fine-startup

Punti fermi per startupper, quando siete già in pista.

  1. Prendere più soldi possibili, in debito convertible, dagli investitori (uno degli errori che ho fatto è stato di limitare il funding per aver paura di essere “diluito” troppo… consiglio datomi da Andrea Colombo di U-Start che stupidamente non ho ascoltato)
  2. Iniziare a fare Fund raising molto prima, anche se questo avrebbe influito negativamente sulle performance
  3. Stare più attendo ai numeri, meno alla pancia (quando le cose diventano grandi è difficile stare dietro al gut feeling)
  4. Prendere più risorse skillate (aprire una seconda sede a milano)
  5. Tirare fuori metriche forti su una nicchia/una zona limitata (l’unica cosa importante sono i fondamentali, CAC e LTV, anche se il campione è piccolo, significa che la cosa funziona e da li puoi chiedere soldi per scalare)
  6. Non espandersi troppo in Italia, ma piuttosto andare all’estero (i VC europei non hanno un insight sull’Italia)
  7. Trovare un co-founder con un grande passato (università, società di consulenza, banche, rocket internet) da inserire subito dopo aver racconto un seed sui 500k
  8. Non dover piacere per forza agli investitori (tu sei il maggiore azionista, e CEO, decidi tu, anche se non hai una lira)
  9. Scrum, tecnica del pomodoro, etc….il tempo è denaro, bisogna essere tirchi e usarlo al meglio
  10. Tenere traccia di tutto, analytics ovunque e sopratutto pensa, pensa ,pensa! (su questo punto leggi anche le lezioni di Nicola Mattina sull’importanza dei dati)
  11. Non avere mai paura, non farti mai vedere stanco, sempre positivo, sempre carico (il Fund raising non finisce mai!)
  12. Mettere sempre in dubbio tutto, sempre, ripensare sempre, ci sono sempre margini di miglioramento.
  13. Controllare sempre bene il business plan, è una specie di stella polare (che si può modificare)
  14. Ascoltare i consigli dei tuoi soci, sopratutto da chi ha precedenti esperienze nel tuo settore.
  15. Sei CEO, ma sopratutto l’azionista di maggioranza, pensa sempre all’obiettivo finale, il mio è la EXIT, quindi penso a quando tra 2 anni venderemo a 50milioni, cosa mi metterò in tasca? Stai quindi attendo a liquidation preference, drag, tag, earn out, stock options, …. (mettiti vicino un bravissimo avvocato come Massimiliano D’Amico)
  16. Sei il CEO, il tuo obbiettivo è andare in ufficio e non fare nulla, sembra folle, ma ti aiuterà a delegare e a fidarti del tuo staff. (Consiglio di un mio investitore)

Un Commento a “16 punti da tenere assolutamente fermi se hai lanciato una startup”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

18 risorse video indispensabili per chi fa (o vuole fare) startup

Contenuti video eterogenei (podcast, corsi, interviste, ecc) sul mondo delle startup adatti sia ad un pubblico maturo che per chi si è appena avvicinato al mondo startup.

#HowToStartaStartup 18 | Tutto sugli aspetti legali e amministrativi

Diciottesima lezione di How to start a Startup: cosa c’è da sapere sugli aspetti legali legati alle startup, spiegato dagli startupper stessi durante i corsi di Stanford

8 eventi casuali che hanno fatto nascere 8 startup più grandi al mondo

Instagram in realtà è nata a Firenze, Ebay da un gioco di borsa. Yelp da un’influenza. Ecco gli 8 eventi che hanno fatto nascere alcune startup più importanti del mondo

5 startup fichissime, fallite

Storie di startup che avevano tutto, copertura mediatica, soldi, e tanto successo fallite per svariati motivi. Le abbiamo elencate evidenziando motivi (e lezioni utili da imparare)

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»