Marco Gay (Confindustria) entra in Digital Magics. Obbiettivo: Open Innovation

Il presidente di Confindustria Giovani sarà proposto come consigliere di amministrazione di Digital Magics con l’obbiettivo di aprire le imprese alle startup.

Digital Magics ha sottoscritto oggi un accordo strategico per l’ingresso di Marco Gay, tramite la propria società controllata WebWorking, in qualità di Socio con un importante coinvolgimento operativo. All’interno di Digital Magics, Marco Gay contribuirà a rafforzare la leadership dell’incubatore, dando ulteriore impulso ai progetti della più importante piattaforma nazionale di innovazione per il Digital made in Italy – che insieme a Talent Garden e Tamburi Investment Partners ha l’obiettivo di sviluppare oltre 100 startup nei prossimi due anni, attraverso l’apertura di 50 nuovi campus di co-working, favorendo anche l’ingresso di nuovi investitori. In particolar modo Marco Gay seguirà lo sviluppo dei programmi di Open Innovation. Sarà proposto come consigliere d’amministrazione nel prossimo Cda di Digital Magics.

gay-confindustria-giovani

Chi è Marco Gay

Marco Gay vanta oltre 15 anni di esperienza imprenditoriale nel settore digitale e dell’innovazione. Ha iniziato la sua carriera nell’azienda di famiglia Proma – società del settore metalmeccanico ceduta alla Saint-Gobain Abrasivi – ed è proseguita con iniziative da “startupper”, come lui stresso si definisce: ha creato e sviluppato nuove aziende, spaziando sulle frontiere dell’innovazione nella comunicazione e nel multimedia (socio fondatore e amministratore unico di WebWorking, che si occupa di progetti internet con una particolare attenzione alle PMI), nella pubblicità e nei progetti digitali (con Ottovolante, rivolta al settore farmaceutico; è stato CEO dell’agenzia pubblicitaria Gsw WorldWide Italy).

Alberto Fioravanti, Fondatore ed Executive Director di Digital Magics, dichiara: “L’ingresso di Marco Gay nel team di Digital Magics ci consentirà di rafforzare la leadership del nostro incubatore, dando un importante contributo alle attività strategiche, con un focus sui programmi di ‘Open Innovation’, attraverso i quali vogliamo affiancare le aziende italiane nel loro processo di innovazione interna, creando un ponte strategico con tutto l’ecosistema delle startup. Con Marco è iniziato un percorso che definirei quasi ‘naturale’, basato su moltissime affinità. Marco è un imprenditore, con una forte expertise nel digitale e orientamento all’innovazione, come tutti i partner di Digital Magics. In lui abbiamo riscontrato la nostra stessa sensibilità nel voler fare sistema in Italia, per dare una spinta importante alla nostra economia digitale”. Marco Gay ha dichiarato: “Oggi si concretizza un percorso importante iniziato quasi 9 mesi fa e che ho voluto fortemente insieme a Enrico Gasperini.

L’Open Innovation sarà centrale nello sviluppo del digital italiano, perché unisce l’innovazione prodotta dal mondo delle startup con un’eccellenza industriale e manifatturiera che il mondo ci invidia: è il trampolino per portare il Made in Italy nel futuro. E sono sicuro che Digital Magics sia il posto giusto per realizzare le mie aspirazioni imprenditoriali in questa direzione”.

Aumento di capitale in Digital Magics

L’accordo deliberato e sottoscritto questa mattina dal Consiglio di Amministrazione, finalizzato all’ingresso di Marco Gay nella compagine sociale di Digital Magics, prevede la convocazione di un’Assemblea degli Azionisti di Digital Magics, da tenersi entro 60 giorni dalla data odierna, con la proposta di un aumento di capitale con esclusione del diritto di opzione, ai sensi dell’art. 2441 c.c. 5° comma, per un controvalore massimo di Euro 1.450.000, da eseguirsi – in via riservata – mediante la sottoscrizione: (i) per massimi Euro 500.000 in contante da parte WebWorking S.r.l., veicolo societario controllato al 55% da Marco Gay; (ii) per massimi Euro 650.000 con il conferimento in natura di un ramo d’azienda di WebWorking S.r.l che andrà a rafforzare le attività affini all’interno dell’incubatore Digital Magics; e (iii) per massimi Euro 300.000, con il conferimento in natura, da parte di WebWorking S.r.l. del 20% delle quote della startup innovativa AD2014 S.r.l., società che entrerà nel portafoglio di partecipazioni di Digital Magics, partecipando ai programmi di incubazione e di accelerazione utili a valorizzare nel prossimo futuro l’iniziativa. In ragione dell’esecuzione del suddetto aumento di capitale la partecipazione di Marco Gay sarà pari a circa il 5% del capitale sociale di Digital Magics. Il Consiglio di Amministrazione ha altresì contestualmente approvato la propria relazione illustrativa (ex art. 2441 c.c. 6° comma) delle ragioni dell’esclusione del diritto di opzione, dei conferimenti in natura, e dei criteri adottati per la determinazione del prezzo di emissione. Le azioni rivenienti dall’aumento di capitale riservato saranno oggetto di lockup per i 18 mesi successivi all’emissione.

Ti potrebbe interessare anche

6 eventi da non perdere all’Internet Festival se hai una startup

Dalla presentazione del manifesto di Digital Magic, alla competizione Itcup, dallo Startup Toscana Contest a Bootstrap di StartupItalia, ecco cosa vi consigliamo di seguire

7 exit, 34 milioni investiti e altri fatti da ricordare dei primi 6 mesi del 2015

Il riassunto dei primi sei mesi del 2015: exit, investimenti, politica, innovazioni. Ecco tutto quello che è successo, numeri e storie, nel mondo delle startup italiane.

8 cose da fare per le startup in Italia: Digital Magics chiama il Governo

Il venture incubator quotato su AIM Italia presenta il Libro Bianco per le startup, per dare nuovo vigore al sistema dell’innovazione in Italia e per promuovere un’azione politica mirata a favore delle startup digitali e delle loro potenzialità

Accordo Talent Garden Digital Magics: «Nasce il più grande hub dell’innovazione in Italia»

Talent Garden e Digital Magics firmano un accordo per favorire lo sviluppo dell’ecosistema in Italia. Previsto l’apertura di 50 nuove sedi. Inoltre Digital Magics acquisisce il 10% di TAG (e fino al 28%)

Il sequestro dell’intero dominio .cat in Catalogna, Flora: «Gravissimo e pericoloso» | Video

Più di 100 mila domini sotto sequestro: è l’effetto dell’irruzione della Guardia Civil spagnola nella Fundació puntCat. Obiettivo: oscurare i siti che promuovono il referendum per l’autonomia della Catalogna

Una startup slovacca produce su ordinazione case trasportabili. Ecocapsule

Questi moduli abitativi producono energia pulita e filtrano l’acqua piovana. Possono essere posizionati dovunque e offrono una soluzione a chi non vuole rinunciare né alla comodità né all’avventura dell’esplorazione