40 (+8) startup di Tim #Wcap a caccia di investitori. Cosa è successo al Demo Day

A Roma è andato in scena il Demo Day 2015 del programma Tim #Wcap Accelerator. Recchi: «adesso dritti verso l’Industria 4.0»

Sono trascorsi i primi 4 mesi di accelerazione per le 40 (più 8) startup digitali che hanno passato la Call for ideas 2015 del programma TIM #Wcap Accelerator, e come ogni anno Roma ha ospitato il Demo Day, l’evento nel quale le startup selezionate quest’anno per il percorso di accelerazione hanno potuto presentare i propri progetti a investitori, stakeholder e influencer dell’ecosistema delle startup italiano.

demo-day-2015_folla

Albo Veloce, Basket Innovazione e scale up

Sono le stesse startup che andranno ad arricchire il cosiddetto “Albo Veloce” del Gruppo Telecom Italia, ovvero la shortlist dei fornitori dell’azienda. Già nella fase di accelerazione, le soluzioni proposte dalle startup potranno essere acquistate dalle business unit aziendali, grazie al “Basket Innovazione“, un budget dedicato.

Leggi anche: Ecco le 40 startup selezionate da Tim #Wcap nel 2015

E tra queste ci saranno anche quelle che certamente potranno raggiungere il traguardo dello scale up, beneficiando direttamente nel proprio capitale dei seed investements di TIM Ventures, la società di corporate venture capital del Gruppo Telecom ispirata da Salvo Mizzi e oggi guidata da Mario Di Mauro. E’ lui stesso a tirare le somme del primo anno di attività: «Il 4 novembre è stato il nostro primo compleanno – ha ricordato – nel 2015 abbiamo effettuato 12 investimenti, per un totale di oltre 1,5 milioni, e contiamo di raddoppiarli nel 2016».

demo-day-2015_luna-recchi

Il presidente di Telecom Italia Giuseppe Recchi e Riccardo Luna

Open Innovation e Industria 4.0, le scommesse di Telecom Italia

La prima parte dei lavori è stata condotta da Riccardo Luna, che dal palco ha intervistato i protagonisti dell’innovazione targata Telecom Italia: l’Ad, Marco Patuano, il direttore Strategy & Innovation, Mario Di Mauro, e il presidente, Giuseppe Recchi. «Le imprese fanno la loro parte – ha detto il numero uno di Telecom – è c’è una collaborazione virtuosa tra i vari attori dell’innovazione in Italia, figlia dei tempi in cui viviamo. Cambiano i servizi, le infrastrutture. E anche la politica cambia e vuole raccogliere queste sfide».

demo-day-2015_pubblico
Sfide che vanno tutte in una grande direzione che si chiama Industria 4.0. «Abbiamo tante filiere d’eccellenza – ha incalzato Recchi – noi non dobbiamo essere bravi perché facciamo le reti, ma perché sviluppiamo l’Industria 4.0 e diventiamo protagonisti del futuro dell’Italia e dell’Europa». Ma anche le reti sono importanti. Attualmente Telecom Italia con i suoi 30 mila tecnici e una storia lunga 60 anni può vantare la rete più capillare d’Europa.

Molti altri sono stati gli speakers e i protagonisti presenti, a partire dai 3 progetti “testimonial” della Call for Ideas 2014 (Pedius, la startup che fa parlare al telefono i sordomuti, Innaas, grande sorpresa del 2014 nel campo dei big data e Unfraud, la sentinella antifrode dell’ecommerce). E poi ancora il direttore generale del Mise, Stefano Firpo, il presidente di Mind the Bridge, Alberto Onetti e il Vicepresidente si Italia Startup, Antonio Perdichizzi. E abbiamo visto muoversi dietro le quinte anche Gianluca Dettori, Gianni De Caro e Roberto Magnifico.

Leggi anche: Da un servizio de “Le Iene” a un’app per sordi: la storia di Pedius in un video

demo-day-2015_network

Networking

La seconda parte dell’evento è stata networking puro. Dalla Montalcini a Marconi, i tavoli di lavoro non sono hanno preso in prestito simbolicamente i nomi dei più grandi innovatori di sempre, ma sono stati la novità di questa edizione. Gli organizzatori hanno fatto sì che i pitch dei progetti potessero tenersi di fronte a gruppi mirati di protagonisti dell’ecosistema delle startup. Un format davvero interessante nel quale hanno vinto tutti, a partire dal networking.

demo-day-2015_stands

Tutti i numeri di Tim #Wcap

Dal 2009 a oggi, l’acceleratore di Open Innovation guidato da Ilaria Potito ha raccolto oltre 8 mila progetti, di questi 268 sono diventati startup supportate dal programma, che in 6 anni ha assegnato un totale di oltre 5,5 milioni di euro. La call del 2015 ha visto entrare nella “palestra per startup” del Gruppo Telecom 40 progetti di impresa, ai quali è stato assegnato un grant di 25 mila euro ciascuno, per un totale di 1 milione di euro. ora in fase di accelerazione. Le startup sono attualmente accelerate (e rimarranno per altri 8 mesi) nei 4 incubatori TIM #Wcap a Milano, Roma, Bologna e Catania, insieme ad altre 8 startup vincitrici di menzioni speciali.

Aldo V. Pecora
@aldopecora

Ti potrebbe interessare anche

Il 2015 degli acceleratori in Italia. Potito (Tim #Wcap): «Adesso abbiamo un ruolo industriale»

Intervista a Ilaria Potito, responsabile del programma Tim #Wcap Accelerator, che dall’Open Summit spera in «una ripartenza più consapevole».

Le 6 startup TIM #Wcap a Expo 2015

Sei delle startup accelerate da TIM #Wcap sono state selezionate per il progetto di tablet sharing TIM2Go, offerto per tutta la durata di Expo 2015

UXGO: la startup che crea un sito web a partire da un mazzo di carte

UXGO è un’azienda che spinge sull’innovazione in un settore considerato tutto sommato senza idee particolari, rivoluzionando il workflow del web designer e del front-end developer e favorendo un dialogo con il cliente per la costruzione di un sito con meno dispendio di tempo e denaro. 

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.