1,5 milioni a Sailogy: anno d’oro per la nautica che sceglie il digitale

La piattaforma web utilizzerà l’investimento per rafforzare la crescita in Europa

(Comunicato Stampa) – Alla vigilia del ponte di Sant’Ambrogio, BacktoWork24 e Sailogy chiudono la prima tranche del round d’investimento da 1,5 milioni di euro, che sarà utilizzato per rafforzare la crescita in Europa.

Sailogy è una piattaforma web che permette all’utente di scegliere e prenotare online qualsiasi imbarcazione, scegliendo tra oltre 470 destinazioni e una flotta di oltre 12.500 imbarcazioni gestite da armatori professionisti. Il servizio è offerto in 5 lingue e ha raggiunto nel 2015 utenti da 24 paesi di tutto il mondo.

Grazie a questi numeri Sailogy è diventata l’azienda leader nelle prenotazioni di barche nel mercato italiano. Un record in un settore tradizionalmente dominato da aziende della “old economy”.

Sailogy

Il team di Sailogy ha partecipato all’evento BacktoWork24 Club Deal del 17 settembre scorso, presentando il proprio business a una platea d’investitori selezionati; BacktoWork24 ha gestito un’operazione d’investimento per 500.000 euro, coinvolgendo 5 investitori privati. Molti degli azionisti esistenti di Sailogy hanno deciso inoltre di comprare ulteriori azioni, rafforzando la raccolta.

«Questo investimento», spiega Manlio Accardo, CEO di Sailogy, «ci permetterà di concentrarci sempre di più sui fattori determinanti del nostro successo: la qualità delle imbarcazioni, la varietà delle destinazioni e la semplicità di prenotazione da tutti i dispositivi, con 3 click».

Continua Alberto Bassi, Amministratore delegato di BacktoWork24: «Siamo molto contenti di aver chiuso in tempo record (poco più di due mesi) questa prima operazione assieme a Sailogy, azienda in cui crediamo molto. Non ci fermiamo però: il team di BacktoWork24 è già al lavoro sulla seconda tranche, che porterà il capitale investito a 1,5 milioni di euro».

BacktoWork24 sfiora i 4 milioni di euro di raccolta complessiva nel solo 2015 per PMI e startup, di cui 1 milione nei soli mesi di ottobre e novembre.

India Jackson, la ragazza che grazie al crowdfunding andrà alla Nasa a studiare i pianeti

La 32 enne laureata in Fisica (e madre single), vince uno stage alla Nasa, ma non avrebbe potuto sostenere le spese di viaggio e soggiorno. Grazie al popolo del web potrà realizzare il suo sogno: studiare la luminescenza dei pianeti

Goin, l’app dedicata ai millennials per gestire le spese e risparmiare soldi

Facilitare l’accumulo di denaro con funzioni ad hoc e opportunità di investire le cifre messe da parte sono i punti forti dell’applicazione che in Spagna è diventata presto popolare tra i giovani

Penso Parlo Posto, il libro che allena a una comunicazione non ostile

Il nuovo libro di Federico Taddia e Carlotta Cubeddu raccontato dagli autori. “Le parole sono tutto: le parole definiscono chi siamo, le parole ci raccontano agli altri, con le parole possiamo arrivare al centro di noi stessi, con le parole impariamo a pensare. Ma non siamo più abituati a usarle”

Formaggi vegani: dal tofu al fermentino di Daniela Cicioni

Per legge non possono essere chiamati formaggi se non hanno del latte di origine animale, ma quelli vegani sono ormai prodotti così raffinati da poter competere ad armi pari, muffe comprese. Ci spiega perché Daniela Cicioni

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.