Rocchietti (Club Investitori): «L’ecosistema cresce, ma attenti rischio bolla in Italia»

Il 2015 delle startup secondo Club degli Investitori, tra note positive e meno, e un avvertimento sulla sopravvalutazione di alcune startup

Il Club degli Investitori è composto da un gruppo di imprenditori, professionisti e manager piemontesi che investe in società, di nuova o recente costituzione, ad elevato contenuto innovativo e con ampie prospettive di crescita. I soci investono personalmente nelle singole iniziative, acquisendo quote di partecipazione nelle società. Conta oggi più di 100 soci che, come business angel, affiancano e supportano la crescita dell’azienda. Abbiamo sentito Giancarlo Rocchietti per farci raccontare il loro 2015.

Rocchietti Club Degli Investitori

Giancarlo Rocchietti, Club Degli investitori

Come è stato il 2015 delle startup dall’osservatorio Club degli investitori? (investimenti, cose da ricordare, momenti chiave)

Abbiamo assistito a tre fatti importanti.

  1. Innanzitutto ci sono state diverse exit, soprattutto nel life science e ICT, che hanno dato grosse soddisfazioni a fondatori ed investitori. Questo dimostra che il lavoro degli  anni passati sta portando ai primi risultati positivi.
  2. Secondo: sono stati avviati nuovi fondi di venture capital di dimensioni notevoli per il nostro mercato, che danno la possibilità alle startup di accedere a nuovi finanziamenti dopo i primi investimenti seed, come quelli erogati dal Club degli Investitori.
  3. Infine, sono nati i primi corporate venture: Gruppo Cln e Gruppo Mondadori, ad esempio, hanno istituito  al loro interno nuove divisioni dedicate, investendo su manager specifici del settore.

Per quanto riguarda le attività del Club degli investitori, sicuramente è stato un anno molto positivo, sia in termini qualitativi che quantitativi. Il numero di soci è notevolmente aumentato, superando le 100 unità, e questo ci ha permesso di raggiungere diversi obiettivi. Da una parte, infatti, nella fase di approfondimento, avere a disposizione maggiori competenze, ci ha permesso di prendere in considerazione settori precedentemente poco esplorati, come, ad esempio, quello delle nanotecnologie oppure del fashion retail; dall’altra ha permesso, nel 2015, un investimento totale di circa 3.5M a favore di Directa Plus, che ha avviato il processo di quotazione a Londra nel 2016, Oluck, Finaest, Desmotec, Whoosnap e D-Orbit.

Quali sono state le startup che hanno fatto meglio nel 2015 secondo voi?
Prima di tutto citerei D-Orbit, oggi considerata tra le 100 startup più promettenti al mondo, grazie al suo innovativo sistema di decommissioning. Recentemente il Club, con un investimento di 1,3 milioni di euro, è stato lead investor in un nuovo round di investimenti, per un valore di circa 1,83 milioni di euro. Grazie alle risorse raccolte oggi D-Orbit è in grado di portare a termine la Missione D-Sat (prevista per il 2016), con il lancio del primo satellite al mondo che, a fine vita, verrà rimosso dallo spazio in modo sicuro, diretto e controllato. Da ricordare anche l’exit di MyTable, acquisita all’inizio dell’anno da TripAdvisor.

Come è evoluto l’ecosistema nell’ultimo anno? Punti di forza? Di debolezza? 
L’ecosistema delle startup quest’anno ha visto una crescita degli investimenti in termini quantitativi grazie all’ingresso nel mercato di nuovi business angel, sia facenti parte di network, sia persone singole. Dall’altra parte, nella mia esperienza di business angel, percepisco il rischio di una potenziale bolla, soprattutto quando si parla di quotazioni che, in Italia, necessariamente dovrebbero essere più basse. Il fenomeno è sopravvalutato soprattutto dai media, se pensiamo che le startup innovative rappresentano lo 0.25% delle aziende nazionali. Molto denaro si è riversato nel settore rispetto al passato, a partire dal 2014, grazie alla liquidità disponibile e agli incentivi fiscali, ma anche grazie alla continua esposizione sui mezzi di comunicazione. Ciò ha fatto lievitare in meno di due anni le cosiddette valutazioni “pre money” del 30/50%.

 

Ti potrebbe interessare anche

A Berlino il futuro dell’ecosistema europeo: si va verso forma societaria unica per le startup

Parte lo Startup Europe Summit, due giorni di dibattito il 12 e il 13 febbraio. I protagonisti della scena europea delle startup incontreranno dei rappresentati dell’Unione. Verranno fatte proposte per potenziare l’ecosistema.

Bicocchi Pichi: «Quali startup hanno fatto meglio nel 2015 e cosa mi aspetto dall’Open Summit»

Intervista al presidente di Italia Startup sul 2015 delle startup italiane, dai round milionari con investitori internazionali alle exit più significative. Ma «nel 2016 dobbiamo puntare a 1 miliardo di investimenti»

Cantamessa (i3P): «Le mie 5 migliori startup del 2015, ma ora le imprese aprano all’innovazione»

Intervista al presidente di i3P di Torino, che candida le sue 5 migliori startup del 2015 e avverte: «Le startup sono fonte di innovazione imprescindibile aziende e PA»

Carnovale (Roma Startup): «La sfida delle startup è insegnare cos’è il merito in Italia»

Intervista al presidente di Roma Startup Gianmarco Carnovale, che racconta il suo 2015 e cosa possono fare davvero le startup per l’Italia per non perdere altro terreno

Dopo Esselunga anche Coop sceglie Satispay

L’accordo di integrazione interesserà inizialmente tutti i punti vendita di Coop Lombardia. Nei prossimi giorni il servizio sarà reso disponibile anche in Liguria. Previsto uno sconto del per chi sceglie questo metodo di pagamento

A colloquio con gli insegnanti via Skype, l’idea di un Liceo Classico di Cosenza

Il dirigente scolastico Antonio Iaconianni spiega a StartupItalia! i dettagli di questa iniziativa che punta a modernizzare il liceo classico Telesio. E semplificare il rapporto tra famiglie e scuola sfruttando la tecnologia