Le migliori 20 startup fatte da italiani all’estero (da Little Heroes a Luna)

Le migliori startup fatte da italiani all’estero, da grandi come Arduino a Mashape fino a Heroes. App, maker, social network, ecco le idee di italiani che hanno trovato un grande mercato oltreconfine

Alcune sono nate in Italia ma il vero successo l’hanno avuto quando si sono spostate all’estero. Altre sono nate da italiani che già vivevano oltreconfine. Ecco una nostra selezione.

Massimo Banzi. Arduino

Massimo Banzi. Arduino

1. Arduino
Sede: New York
Ceo: Massimo Banzi

Dieci anni fa circa Massimo Banzi, all’epoca docente all’Interaction Design Institute di Ivrea, crea una scheda elettronica di piccole dimensioni per sviluppare prototipi. La chiama Arduino, in omaggio al suo pub preferito (Arduino di Ivrea). Da lì un successo straordinario che sarà alla base del fenomeno dei maker. La storia viene “sporcata” da una causa legale con uno dei cofondatori che costringe Banzi a spostare la produzione a New York e a ideare un nuovo marchio, Genuino, per vendere il prodotto al di fuori degli Usa. Info: https://www.arduino.cc/

Alberto Pepe. Authorea

Alberto Pepe. Authorea

2. Authorea
Sede: Brooklyn
Ceo: Alberto Pepe

Da Manduria, Taranto, Alberto Pepe, si trasferisce in America dove      diventa ricercatore  associato a Harvard. Lì capisce che le pubblicazioni scientifiche avvengono con metodi vecchi e decide di inventarsi una piattaforma di scrittura collaborativa dove  più ricercatori possono lavorare online su uno stesso documento. La sua idea ha ricevuto un primo seed di 610mila dollari (New York Angels e Vedanta Capital). Mentre sta per chiuderne un altro di 1,5 milioni.  Info: https://www.authorea.com

Stefano Mosconi. Jolla

Stefano Mosconi. Jolla

3. Jolla
Sede: Helsinki
Ceo: Stefano Mosconi

Stefano Mosconi, ingegnere romano, si trasferisce a Helsinki per lavorare in Nokia. Quando la multinazionale entra in crisi e taglia personale, lui decide insieme ad alcuni colleghi di realizzare un sistema operativo open source per smartphone (SealfishOS). Jolla ha raccolto finora 50 milioni di dollari e dà lavoro a                                                                                                        130 persone. Info: https://jolla.com/

Paolo Debellini. Little heroes

Paolo Debellini. Little heroes



4. Little Heroes
Sede: San Francisco
Ceo: Paolo Debellini

Paolo Debellini, padovano, studia a Dublino e poi si trasferisce a San Francisco. Qui fonda una società per creare smart toys, giocattoli che i bambini indossano al polso e collegati via bluetooth con iPad o smartphone, consentono giochi interrativi. Dopo una campagna di crowdfunding flop su Indiegogo (solo 5mila dollari raccolti su 20mila),  trova un grosso investitore, Carlo De Benedetti, patron  del Gruppo Espresso) che investe 1,8 milioni di dollari. Info: http://www.littleheroeshelpme.com/

Bruno Zamborlin. Mogees

Bruno Zamborlin. Mogees

5. Mogees
Sede: Londra
Ceo: Bruno Zamborlin

Da Vincenza Bruno Zamborlin, si trasferisce a Londra per un dottorato in Music Technology: lì inventa un microfono a sensore e un’App che trasformano in suono ogni segnale elettrico generato dal tocco di un oggetto. Per realizzare la sua idea ha avviato una campagna su Kickstarter: 96mila pound raccolti su 50mila e oltre 1.600 unità prenotate in prevendita. Info:http://mogees.co.uk/

Tin Hang Liu a destra, a sinistra suo padre

Tin Hang Liu a destra, a sinistra suo padre

6. OSVehicle
Sede:  Torino – Hong Kong
Ceo: Tin Hang Liu

Tin Hang Liu, imprenditore, con una carriera nel Gruppo Ferrero, ha ideato un’auto stile Ikea che si può assemblare in un’ora di lavoro, personalizzabile secondo i desideri dell’acquirente: tutti i disegni e i progetti 3D del veicolo sono offerti in open source, ognuno può scaricarli dal sito gratuitamente. I modelli già assemblati hanno un costo che varia dai 4mila ai 6mila euro. Info:https://www.osvehicle.com/

Filippo Yacob, Primo.io

Filippo Yacob, Primo.io


7. Primo.io
Sede:  Londra
Ceo:  Filippo Yacob

Matteo Loglio, designer con esperienze di lavoro in Officine Arduino, Filippo Yacob sono due ragazzi bergamaschi che vivono a Londra. Cosa hanno ideato? Primo, un gioco per bambini che con un set di blocchi colorati insegna ai bambini la base della programmazione. Con la loro idea hanno raccolto 56mila sterline su Kickstarter e ottenuto un finanziamento di 750mila euro (IBIS capital, EdTech Europe, Mts di San Francisco e Emerge Education di Londra). Info: http://primotoys.com/

degioanni-loris--672x351

Loris Degioanni, Sysdig

8. Sysdig
Sede: San Francisco
Ceo: Loris Degioanni

Studente di ingegneria a Torino, nel 2005 Loris Degioanni vola a Davis in California, chiamato da un professore universitario colpito dalla sua tesi. In America diventa uno startupper seriale. Vende la sua prima impresa, Cace Technology, per 30 milioni di dollari.  E oggi ha ideato Sysdig, società di soluzioni per il cloud computing, che ha chiuso un round di 10,7 milioni di dollari (Accel e Bain Capital Venture). Info: https://sysdig.com/

Francesca Cavallo a sinistra, Elena Favilli a destra. Timbuktu

Francesca Cavallo a sinistra, Elena Favilli a destra. Timbuktu

9. Timbuktu
Sede: Los Angeles
Ceo: Elena Favilli

Studi a Bologna poi una carriera fulminante. Dopo la laurea fa uno stage a San Francisco (McSweeney’s) e nella sede della Rai a New  York. Poi decide di mettersi in proprio con magazine digitali per bambini, coniugando educazione ed editoria. Ad aiutarla nell’avventura Francesca Cavallo. Si incontrano al Working Capital di Bologna. Con l’idea vincono l’Italian Innovation Day a San Francisco e raccolgono 600mila euro in Silicon Valley (incubatore 500 startup). Info: http://www.timbuktu.me/

Fabrizio Capobianco, Tok.tv

Fabrizio Capobianco, Tok.tv

10. Tok.tv
Sede: Palo Alto
Ceo: Fabrizio Capobianco

Mette la sua tesi online e sbarca in Silicon Valley. È successo a Emanuela Zaccone, messinese, che pubblica sul web la sua tesi di dottorato sulle social tv. Dopodiché riceve una email di Fabrizio Capobianco , imprenditore seriale in Silicon Valley che la invita a lavorare con lui. Insieme sviluppano un’App che permette di commentare la partita insieme ai propri amici, anche se lontani. Tok.tv ha raccolto 1 milione di dollari di finanziamento e oggi ha clienti come Barcellona, Juventus e Real Madrid. Info:http://www.tok.tv/

Zappacosta a sinistra, Thumbtack

Zappacosta a sinistra, Thumbtack

11. Thumbtback
Sede: San Francisco
Ceo: Marco Zappacosta

Italiano di origini, ma nato in California da genitori abruzzesi, Marco ne ha fatta tanta di strada.  Per realizzare Thumbtback, portale che mette in contatto artigiani e piccoli professionisti con il grande pubblico, ha bussato porta a porta idraulici, falegnami locali, artigiani… Fino alle porte della finanza che lo accolgono molto bene: 2,5 milioni di dollari e poi gli investimenti big di Sequoia e Tiger (30 milioni di dollari) e Google Capital che mette sul piatto altri 100 milioni di dollari. Info:https://www.thumbtack.com/

Hans Tappeneir, Anki

Hans Tappeneir, Anki

12. Anki
Sede: San Francisco
Ceo: Hans Tappeneir

Originario di Lana in Alto Adige, Hans inizia i suoi studi a Bolzano. Bravissimo in matematica e robotica vince una borsa di studio a Carnegie Mellon di Pittsburgh. Qui insieme a due colleghi, sviluppa un gioco, una pista per auto che puoi guidare con tablet e smartphone. A credere in loro, dopo averci giocato, Marc Andreessen del VC Andreessen Horowitz che investe e presenta Hans a soci e Tim Cook. In totale 100 milioni di dollari raccolti.

Luca Bonmassar, Guild

13. Gild
Sede: San Francisco, Milano
Ceo: Sherooy Desai, cofondatore Luca Bonmassar

C’è la storia di un italiano dietro Gild, l’anti LinkedIn che aiuta le aziende a trovare e selezionare talenti nel settore delle tecnologie. Luca è nato a Massa Carrara e ha studiato a Pisa, poi una vita in giro per il mondo, Finlandia, Germania e poi Silicon Valley, dove Gild ha raccolto finora 27 milioni di dollari (tra gli investitori Menlo Ventures) e annovera tra i suoi clienti Google e Facebook. Info: https://www.gild.com/

Fabrizio Capobianco, Funambol

Fabrizio Capobianco, Funambol

14. Funambol
Sede: Foster City, California
Ceo; Amit Chawla, fondatore Fabrizio Capobianco. 

Dietro l’azienda californiana di software c’è un quarantenne valtellinese, Fabrizio Capobianco. Negli anni novanta crea una società per costruire siti web. Poi nel 2002 inventa un software che anticipa il mondo del cloud. Si trasferisce in Silicon Valley e fa la sua fortuna. Qui  raccoglie 35 milioni di dollari  chiude contratti con grandi utility come Telefonica.  Oggi si dedica allo sviluppo di altri progetti di successo come Tok.tv.  Info: http://www.funambol.com/index.html

Andrea Calcagno, Cloud4Wi

15. Cloud4Wi
Sede: San Francisco
Ceo: Andrea Calcagno

Partiti da Pisa arrivano in Silicon Valley. C’è un team di ingegneri pisani guidati da Andrea Calcagno dietro il successo di Cloud4Wi, statup che fornisce soluzioni WI-FI cloud per esercizi commerciali che possono monetizzare i servizi promuovendo offerte ai loro clienti in un portale personalizzato. A credere in loro il fondo United Ventures che ha investito 4 milioni di dollari. Info: http://www.cloud4wi.com/

Damian Scavo, Axawave

Damian Scavo, Axawave

16. Axwave
Sede: Palo Alto
Ceo: Damian Scavo

Startupper seriale, Damian Scavo trova il successo con Axwave, una tecnologia che riesce a monitorare lo share televisivo attraverso il mobile. Le aziende la usano per capire le abitudini dei consumatori e decidere come investire il budget pubblicitario. La sua App è stata scaricata 10 milioni di volte. Info: http://www.axwave.com/

Brian Pallas, Opportunity Network

Brian Pallas, Opportunity Network

17. Opportunity Newtork
Sedi: New York, Barcellona, Dubai, Londra.
Ceo: Brian Pallas

Milanese, laureato alla Cattolica di Milano, inizia come autore televisivo e poi si trasferisce in America per lavorare per il Boston Consulting Group. Durante a un MBA alla Columbia University l’idea che gli cambia la vita : creare una piattaforma per far incontrare grandi uomini di business e farli collaborare. Ne parla con i suoi ex che lo finanziano con 700mila euro. Oggi la startup ha una valutazione di 100 milioni di dollari. Info: https://www.opportunitynetwork.com/

Alberto Cartasegna, Helpling

Alberto Cartasegna, Helpling

18. Helpling
Sede: Berlino, Milano
Ceo: Benedikt Franke e Philip Huffmann
Country manager Italia, Alberto Cartasegna

Laurea in Economia in Bocconi, Alberto riesce ad entrare nell’incubatore di talenti e startup, Rocket Internet. Lì incontra Benedikt Franke e Philip Huffmann, due ragazzi tedeschi che stanno sviluppando una startup che mette in contatto online clienti con chi fa pulizie a domicilio. Partecipa alla creazione della startup e i fondatori gli chiedono di aprire una sede in Italia, a Milano. Oggi Helpling è presente in 10 Paesi e ha ottenuto 57 milioni di euro di finanziamento (Rocket Internet, Lakestar, Kite Ventures e Lukasz Gadowski, tra gli investitori). Info: http://helpling.it/

Alberto Marietti, Mashape

Alberto Marietti, Mashape

19. Mashape
Sede: San Francisco
Ceo: Augusto Marietti

Dopo averci provato in Italia, tre ragazzi milanesi, sbarcano in Silicon Valley. La loro idea una specie di eBay per sviluppatori, dove acquistare o vendere componenti software e applicazioni. I primi a crederci sono tre dipendenti di YouTube che investono 51mila dollari a cui seguono gli altri 50mila di un imprenditore italiano, Massimo Sgrelli. Ma il colpo importante sono i 1.5 milione di dollari, da vari investitori tra cui Jeff Bezos e Eric Schmidt.  Info: https://www.mashape.com/

Matteo Franceschetti, Luna (oggi Eight)

Matteo Franceschetti, Luna (oggi Eight)

20. Eight
Sede: San Francisco
Ceo: Matteo Franceschetti

Matteo e Andrea Ballarini, sono due italiani a San Francisco. La loro idea è Luna, oggi Eight, coprimaterasso hitech che analizza i dati del sonno e rimanda via App consigli per dormire meglio. Per finanziare l’idea vanno su Indiegogo e la loro campagna resta tra quelle di maggior successo di italiani nella raccolta fondi online: 1 milione di dollari raccolti. A cui vanno ad aggiungersi l’investimento di 1,3 milioni di dollari da parte di Y Combinator, tra i più importanti acceleratori americani, Info:http://eightsleep.com/

  • Fabrizio Villani

    come potete dimenticarvi di King e di Riccardo Zacconi?

  • what about Paolo Privitera, Pick1.com ?? 🙂

  • Francesco sullo

    Manca qualcuno di peso, ma fa piacere vedere una bella lista così 🙂

  • Andrea Mainardi

    Manca anche SENSORIA Inc. – start-up tutta italiana di base a Seattle (USA), già di grande successo: vedere anche la pagina FB – SENSORIA Fitness.

Ti potrebbe interessare anche

1.256 nuove startup nel 2014, ma meno di un founder su 5 è donna

Primo report dell’osservatorio Cerved Italia startup: cresce il numero degli imprenditori dopo tre anni in calo 177mila, cresce anche il numero delle startup. Ma la componente femminile è bassa. Tutti i dati

16 punti da tenere assolutamente fermi se hai lanciato una startup

Prendere soldi, guardare gli analytics, trovare un cofounder che non sia inesperto. 16 punti imparati sul campo da Enrico Pandian, founder di Supermercato24, una delle startup più interessanti del 2015.

5 cose che sanno fare bene in Israele per le startup (e cosa possiamo fare in Italia per imitarli)

Qual è il segreto delle startup israeliane? Ecco gli elementi principali che hanno fatto grande l’ecosistema, e una che possiamo fare in Italia per imitarli

6 startup della mobilità tra le 100 migliori d’Italia (da Blackshape a Waynaut)

Ma anche Carsh, Kiunsys, Sailsquare, e Niteko sono i 6 migliori progetti innovativi del settore nel 2014 secondo l’ebook pubblicato da Startupitalia. Qui il link per scaricarlo gratis

Il senso del round di MoneyFarm con Allianz, secondo Paolo Galvani

A quasi un anno dal primo grande round da 16 milioni e all’indomani dell’annuncio di un altro round con il gruppo Allianz, abbiamo intervistato il presidente di MoneyFarm Paolo Galvani. Consigli alle startup fintech? «sfatiamo il mito delle banche che cercano startup, bisogna puntare tutto sul team per impressionare gli investitori».