Dietro il Fenomeno Star Wars c’è anche la storia di una startup di Treviso (e delle sue chiavette)

Star Wars Il risveglio della Forza è nelle sale. Negozi dominati da protagonisti in versione t-shirt e chiavette usb personalizzate fatte da una startup italiana che è riuscita a convincere la Disney

Tutti pazzi per Star Wars con Il risveglio della Forza nelle sale. Negozi e web dominati da Darth Fener, Ciubecca e Yoda in versione t-shirt, giocattolo, capellini, calzini, scarpe…  In questo mare magnum di gadget c’è una startup italiana che si è distinta. Si chiama Maikii e con le sue chiavette usb personalizzate è stata premiata da Disney come Miglior Licensee Lucasfilm 2015. Dietro la bella storia di impresa di un’azienda di Treviso con sedi in Italia, Cina e California, 50 dipendenti, 6 milioni di pezzi venduti e 14 milioni di euro di fatturato.

maikii 2

Come convincere i big (Disney, Universal, Pixar) ad affidare i loro marchi in licenza? Ci sono riusciti due ragazzi, Matteo Fabbrini e Francesco Poloniato, 33 anni. Studi di economia e marketing il primo, in design il secondo, nel 2008 con 10mila euro mettono giù un progetto: «Quell’anno dovevo partire per un master a Boston, ma per questioni di salute non ho più potuto. Lavoravo nell’azienda di mio padre e mi occupavo di trovare prodotti in Cina e creare gadget per aziende. Mi sono interessato alle chiavette usb e chiesto alla mia famiglia di dare spazio al prodotto. A loro non interessava. Allora mi sono messo in proprio e ho chiamato un amico, Francesco, per aiutarmi» racconta Matteo a Startupitalia!.

Iniziano part-time, creano un sito, importano chiavette e le personalizzano. Investono in pubblicità online e in pochi mesi raggiungono il break even: «Non avevamo un magazzino. Compravamo e personalizzavamo i prodotti che ci richiedevano i clienti. Lavoravamo sul venduto. Poi nel 2010 le cose hanno preso piede e abbiamo deciso di dedicarci completamente al progetto».

L’idea delle licenze viene da un loro buyer. Fino a quel momento vendevano le chiavette per eventi e occasioni speciali, come meeting aziendali: «Perché non farne qualcuna per riprodurre animaletti  personaggio simpatici? Abbiamo iniziato con i Puffi, la licenza ce l’hanno data per mille euro. Siamo stati anche fortunati: i Puffi sarebbero tornati a essere di moda dopo qualche mese e avevamo pochissimi concorrenti sul mercato. Ci siamo inventati un brand, Tribe».

maikii 1

Matteo Fabbrini (destra) e Francesco Poloniato (a sinistra)

Le vendite sono alte, Matteo e Francesco capiscono che la strada delle licenze è quella da proseguire: «Ma abbiamo sudato mille camicie per farci dare le altre. Averle per l’Italia è stato relativamente semplice. Ma uscire dall’Europa e poi vendere negli Stati Uniti è complesso a meno che non sei un big. I big americani, Disney, Marvel…, preferiscono lavorare con aziende locali, anche se spesso il tuo prodotto è migliore».

Ciò malgrado riescono a spuntarla  (in America vendono chiavette usb di Superman, Batman, Hello Kitty, Trono di Spade…) e hanno aperto una sede commerciale in California per espandersi sul mercato a stelle e a strisce. Il premio come Miglior Licensee Lucasfilm 2015 è la conferma del buon lavoro fatto finora: «Ne danno uno l’anno per property. Di solito lo vincono grandi big mondiali, come Lego o Hasbro. Che lo ottenga un’azienda come la nostra è bello».

Risultati che non oscurano i fallimenti che pur ci sono stati per arrivare fino a oggi: «Non fermarti davanti agli insuccessi. Anche noi di errori ne abbiamo fatti tanti, come quando abbiamo provato a produrre una chiavetta in plastica con un particolare design e un prezzo maggiore rispetto a quelle sul mercato. Pensavamo che avrebbe venduto solo perché più bella. Invece è stato un flop totale. Eppure ci è servita come lezione e ad accostarci al mondo delle licenze».

Giancarlo Donadio

 

Ti potrebbe interessare anche

Chi sono e cosa hanno fatto i giudici che valuteranno le startup all’Open Summit 2015

50 profili dei 50 giudici che valuteranno le startup finaliste all’Open Summit 2015 il 14 dicembre a Milano. Chi sono e cosa hanno fatto per le startup

Donadon provoca le Pmi: «Volete superare la crisi? Compratevi gli startupper»

La provocazione del fondatore di H-Farm, Riccardo Donandon, alle imprese italiane in crisi

Ecco i finalisti del Premio Gaetano Marzotto 2015. In palio oltre un milione di euro

La premiazione finale della competition italiana dedicata al mondo delle startup e dell’innovazione si terrà il 26 novembre all’Unicredit Pavillon

Le 18 startup del turismo migliori in Europa (da Helsinki a Treviso)

Una selezione delle migliori startup europee del turismo, mare, montagna, le migliori città e i migliori percorsi in una selezione delle 18 più interessanti del 2015

India Jackson, la ragazza che grazie al crowdfunding andrà alla Nasa a studiare i pianeti

La 32 enne laureata in Fisica (e madre single), vince uno stage alla Nasa, ma non avrebbe potuto sostenere le spese di viaggio e soggiorno. Grazie al popolo del web potrà realizzare il suo sogno: studiare la luminescenza dei pianeti

Goin, l’app dedicata ai millennials per gestire le spese e risparmiare soldi

Facilitare l’accumulo di denaro con funzioni ad hoc e opportunità di investire le cifre messe da parte sono i punti forti dell’applicazione che in Spagna è diventata presto popolare tra i giovani

Penso Parlo Posto, il libro che allena a una comunicazione non ostile

Il nuovo libro di Federico Taddia e Carlotta Cubeddu raccontato dagli autori. “Le parole sono tutto: le parole definiscono chi siamo, le parole ci raccontano agli altri, con le parole possiamo arrivare al centro di noi stessi, con le parole impariamo a pensare. Ma non siamo più abituati a usarle”

Formaggi vegani: dal tofu al fermentino di Daniela Cicioni

Per legge non possono essere chiamati formaggi se non hanno del latte di origine animale, ma quelli vegani sono ormai prodotti così raffinati da poter competere ad armi pari, muffe comprese. Ci spiega perché Daniela Cicioni

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.