Dove sono tutti i soldi del mondo in un’infografica (spiegata in italiano)

Nei manuali di economia spesso si legge che novantanove volte su 100 i soldi sono qualcosa di immateriale. Beh, non è proprio così. Lo spiega un’infografica di Visual Capitalist

Nei manuali di economia spesso si legge che novantanove volte su 100 i soldi sono qualcosa di immateriale. Beh, non è proprio così. I soldi «fisici» sono molti di meno. Circa 2 Lo spiega bene un’infografica creata da un progetto chiamato Visual Capitalist. Il colpo d’occhio è impressionante. La stragrande maggioranza dei soldi sono legati ai «derivati». Vi proponiamo una piccola legenda per capire questa riuscitissima infografica. Dal pallino più piccolo al più grande. Con un chiarimento metodologico di base. Più aumenta il grado di astrazione del concetto di moneta in uso, più aumenta la quantità di denaro. Anche se parte da un’uso della moneta che a prima vista è il più astratto di tutti. Il Bitcoin. Che però è anche lo strumento più giovane di tutti.

  1. BITCOIN: Sono 5 miliardi di dollari i bitcoin in circolazione.
  2. ARGENTO: 14 Miliardi il valore dell’argento in circolazione
  3. GATES, BUFFETT, SLIM: La ricchezza di tre degli uomini più ricchi del mondo. La fortuna del solo Bill Gates è stimata a 79,2 miliardi di dollari.
  4. MICROSOFT, APPLE, GOOGLE, BERKSHIRE HATHAWAY, EXXON MOBIL: per chiarezza, Berkshire è la holding di Buffet, mentre Exxon è la più imponente compagnia petrolifera statunitense. Il giro d’affari delle 5 insieme supera i 616 miliardi di dollari.
  5. IL BILANCIO DELLA FED, la banca centrale statunitense, che è di circa 4.500 miliardi di dollari
  6. TUTTE LE MONETE E LE BANCONOTE di tutto il mondo valgono 5 mila miliardi di dollari
  7. MERCATO IMMOBILIARE COMMERCIALE Gli investitori istituzionali con un terzo delle  aziende del mercato immobiliare destinato all’uso commerciale, hanno un valore di 7,6 mila miliardi di dollari.
  8. ORO vale 7,8 mila miliardi di dollari.
  9. NARROW MONEY, si intendono tutti i soldi disponibili nelle banche e immediatamente esigibili. Molti di questi non sono in circolazione, ma potrebbero diventare moneta circolante.
  10. CAPITALIZZAZIONE BORSE di tutto il mondo è di circa 70 mila miliardi di dollari. Il 52% è negli Usa, l’8% in UE.
  11. BROAD MONEY, il concetto di narrow money, solo esteso a tutti i depositi, le obbligazioni e in generale ai soldi magari anche non immediatamente esigibili, ma comunque facilmente esigibili. Vale 80,9 mila miliardi di dollari
  12. IL DEBITO MONDIALE, tutto il mondo è in debito di circa 199 mila miliardi di dollari, di cui circa un quarto è quello sovrano degli stati
  13. DERIVATI è uno strumento di ingegneria finanziaria di cui molto si è discusso quando è scoppiata la crisi finanziaria del 2008. In sostanza è un contratto legato all’andamento sul mercato di un altro strumento finanziario  (titolo obbligazione etc..) chiamato in gergo finanziario sottostante. Una scommessa sul suo andamento. Che può essere fatta sia scommettendo sul suo buon andamento, che su un andamento poco favorevole (ma ce ne sono di decine di tipi differenti, tutti accomunati dal minimo comune denominatore di essere scommesse sui prezzi e sugli andamenti). Ad esempio, se compro un titolo di un’azienda X posso legare all’investimento un contratto derivato, cercando o di tutelarmi da un possibile crollo del titolo, oppure cercando di aumentare i guadagni di un suo rialzo. Tutto l’ammontare di queste scommesse sul mercato globale, sui suoi andamenti, sui suoi titoli azionari, obbligazionari, su società, nazioni, aziende, è di 1,2 milioni di miliardi di dollari. Per leggerlo,  1.200.000.000.000.000 dollari.

(a.r.)
@arcamasilum

all-the-worlds-money-and-markets-dv
Courtesy of: The Money Project

Perché i venture investono ancora poco sulle startup bitcoin (e blockchain)

Più di 300 milioni di investimenti su startup bitcoin e blockchain. Come un anno fa. Niente raddoppio. Abbiamo provato a ragionare con la testa degli investitori per capire cosa frena davvero la crescita del mercato: ci sono almeno 4 motivi (e una soluzione alternativa)

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»