Prestiamoci raccoglie 2 milioni di euro

Anche Innogest, Banca Sella e Club Italia Investimenti 2 hanno partecipato a questa operazione

Agata, proprietaria del marchio Prestiamoci, e partecipata da Digital Magics, chiude un aumento di capitale di 2 milioni di euro. Innogest SGR, il principale fondo di venture capital in Italia, come lead investor, Banca Sella Holding S.p.A., Club Italia Investimenti 2 e importanti investitori italiani e internazionali hanno partecipato a questa operazione nell’unica startup italiana autorizzata come finanziaria da Banca d’Italia per la gestione di una piattaforma di prestiti fra privati online.

 prestiamoci

Dopo una prima fase di rilancio del modello di business e riorganizzazione della società da parte di Digital Magics e de lmanagement, Prestiamoci sta ulteriormente rinforzando il team e la piattaforma tecnologica. Nel 2015 infatti ha ottenuto da Banca d’Italia la licenza di Istituto di Pagamento per PituPay – società controllata al 100% da Agata S.p.A. – per gestire i flussi finanziari direttamente senza l’appoggio ad altre banche e istituti di credito.

Digital Magics ha supportato Agata S.p.A. (Prestiamoci) nell’aumento di capitale, coinvolgendo l’ampio network di investitori privati e istituzionali, che supportano le startup e scaleup del portfolio dell’incubatore certificato. A seguito dell’operazione Digital Magics detiene una quota del 17,2 % di Agata S.p.A., società che detiene e gestisce il marchio Prestiamoci.

Si conclude così il percorso di incubazione di Prestiamoci, che grazie alla nuova struttura è in grado di raggiungere gli obiettivi di questa nuova fase, sostenendo autonomamente le richieste del mercato con offerte innovative. Digital Magics continuerà a sostenere la startup italiana del social lending con i propri servizi strategici e di business management.

Prestiamoci punterà sulla crescita della società, rafforzando la propria presenza nel mercato italiano e lanciando attività di marketing tradizionale e digitale per aumentare la brand awareness e gli utenti del sito (richiedenti e prestatori).

Daniele Loro, CEO di Prestiamoci: «Siamo molto soddisfatti del supporto che abbiamo avuto fino a questo momento da parte dei soci e in particolare da Digital Magics. Ringraziamo tutti gli investitori, soci esistenti e nuovi importanti soci, per la conclusione con successo dell’aumento di capitale. Le risorse raccolte permetteranno a Prestiamoci di ampliare il team e accelerare la crescita continuando a offrire soluzioni innovative ai nostri clienti».

Claudio Giuliano, founder di Innogest SGR: «Con l’investimento in Prestiamoci abbiamo deciso di puntare su un business consolidato. Ci siamo trovati di fronte un team estremamente professionale che riteniamo capace di affrontare la forte crescita del mercato del social lending in Italia non ancora pienamente sviluppato».

Alberto Fioravanti, Fondatore e Presidente Esecutivo di Digital Magics: «Oltre al modello di business innovativo e ‘disruptive’, in cui abbiamo sempre creduto insieme al nostro Network degli investitori, lo sviluppo della piattaforma e del team di Prestiamoci è stato davvero importante e l’ottenimento della licenza di istituto di pagamento ne è una dimostrazione concreta. Inizia una nuova fase per la nostra startup, che ha tutte le carte in regola per diventare leader del mercato italiano».

Allo #StartupDay in Bocconi trionfa il robot per operazioni chirurgiche non invasive

Value Biotech si aggiudica il premio come “Migliore Startup del 2017”. Gloria anche per Kopjra e Jointly nelle categorie Millennials e Social Innovation. Presenti speaker e angel investor interessati alle nuove imprese italiane

FICO, il parco enogastronomico di Eataly, sceglie la digitalizzazione con Websolute

A Bologna è nato il primo parco didattico-enogastronomico del mondo. Le sue attrattive sono acquistabili solo online o attraverso info point, partners, tour operator esterni che utilizzano la piattaforma digitale di FICO

AXA Italia inaugura una nuova sede a Roma e scommette sullo smart working

Il gruppo assicurativo dà la possibilità ai suoi dipendenti di lavorare da remoto due giorni alla settimana. La struttura si adatta alla nuova filosofia che cerca il benessere dei suoi lavoratori