Tutti i numeri sui posti di lavoro (e il valore) creati dalle startup di I3P

Dal 1999 ad oggi ha favorito la nascita di 189 imprese, che hanno ottenuto capitale di rischio per circa 40 milioni di euro dal 2007 a oggi, di cui più di 11 solo quest’anno

Dal 1999 ad oggi ha favorito la nascita di 189 imprese, che hanno ottenuto capitale di rischio per circa 40 milioni di euro dal 2007 a oggi – di cui più di 11 solo quest’anno -, generato oltre 1400 posti di lavoro e un giro d’affari di oltre 75 milioni di euro nel 2014. Sono i numeri aggiornati dell’Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino emersi in occasione della “Festa delle Startup I3P” che si è svolta presso l’incubatore.

I3P_Agora_WorkingTeams

Oltre ai dati, la Festa ha visto come protagonisti i giovani imprenditori delle oltre 40 aziende innovative nate quest’anno in I3P e Treatabit: 150 startupper che mescolando tecnologia e creatività hanno dato vita al proprio sogno imprenditoriale. Nel corso dell’evento sono stati presentati i loro prodotti e servizi che coprono diversi settori dal biomedicale al cleantech, dall’industrial all’ICT e digitale. La Festa delle Startup, inoltre, è stata anche l’occasione per salutare 6 imprese che, dopo tre anni di crescita all’interno dell’Incubatore, si sono “laureate” e ora sono pronte ad affrontare il mercato.

La giornata è stata occasione per premiare anche una delle startup che meglio si sono comportate quest’anno, in termini di performance: Tonic Minds, spin-off del Politecnico di Torino che realizza interfacce tra realtà aumentata, web 2.0 e reti sociali per offrire agli utenti un numero elevato di informazioni e vivere esperienze come la visita a un museo in modo interattivo e coinvolgente.

«Nel 2015 I3P ha registrato risultati straordinari per numero di imprese create e investimenti ottenuti dalle startup. Nel 2016 continueremo la nostra attività lavorando in particolare sul fronte degli investimenti seed, sui rapporti tra startup e imprese, e per favorire l’arricchimento dell’ecosistema torinese delle startup» ha sottolineato Marco Cantamessa, presidente di I3P. «Per quanto riguarda il nostro Paese, auspico che la cultura dell’innovazione superi le resistenze al cambiamento: è giunto il momento che le aziende italiane che iniziano a considerare le startup come fornitrici di soluzioni innovative passino dalle intenzioni agli ordini».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi c’è e di cosa si parla al Data Driven Innovation a Roma

24 e 25 febbraio il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre ospita la seconda edizione dell’appuntamento dedicato alla data driven innovation. Fra gli speaker Raffaele Lillo (Italian Digital Transformation Team) che interviene sul tema Digital Transformation of the Italian Government

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era