3.3M di finanziamenti e 6 nuove startup in portfolio per il Club degli Investitori

Directa Plus, D-Orbit, Whoosnap, Finaest, Oluck e Desmotec: sono le startup che nel 2015 hanno ricevuto un finanziamento da parte del network di business angel con sede in Piemonte

Directa Plus, D-Orbit, Whoosnap, Finaest, Oluck e Desmotec: sono le startup che nel 2015 hanno ricevuto un finanziamento da parte del Club degli Investitori, network di business angel con sede in Piemonte, per un totale di oltre 3,3 milioni di euro.

«Per quanto riguarda il Club degli Investitori, sicuramente è stato un anno molto positivo, sia in termini qualitativi che quantitativi – dichiara Giancarlo Rocchietti, Presidente del Club degli Investitori – Il numero di Soci è notevolmente aumentato, superando le 100 unità, e questo ci ha permesso di raggiungere diversi obiettivi. Da una parte, infatti, nella fase di approfondimento, avere a disposizione maggiori competenze, ci ha permesso di prendere in considerazione settori precedentemente poco esplorati, come, ad esempio, quello delle nanotecnologie e del fashion retail; dall’altra, ci ha consentito di uscire fuori dal nostro territorio regionale di competenza e diventare così attori rilevanti a livello nazionale. A questo, si sono aggiunte azioni di co-investimento con i più importanti fondi di venture capital italiani».

Club degli Investotori 2

Due, quindi, le più rilevanti novità 2015. Prima di tutto, la diversificazione degli investimenti a livello settoriale e territoriale. I due casi più significativi sono rappresentati da Directa Plus, azienda lombarda specializzata in nanotecnologie, che si caratterizza per essere il più grande impianto europeo per la generazione di fogli di grafene altamente puro, e da D-Orbit, startup attiva nel settore spaziale, che ha messo a punto un dispositivo per la rimozione dei satelliti dallo spazio alla fine del loro ciclo di vita. I primi, a marzo 2015, hanno ricevuto un finanziamento pari a 1,45 milioni di euro; i secondi, a settembre 2015, hanno chiuso un round di 1,83 milioni di euro, in cui il Club degli Investitori è stato lead investor con un investimento pari a 1,3 milioni di euro. Ad investire insieme al Club, TTVenture, fondo di venture capital del gruppo Quadrivio, una delle maggiori realtà del panorama finanziario italiano, con asset in gestione per oltre 1,2 miliardi di euro, e Como Venture, che opera anche in sinergia con il Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT.

La seconda novità riguarda la collaborazione con alcuni tra i più importanti fondi di venture capital. Oltre a quella sopra citata con TTVenture, il network di business angel ha partecipato, a luglio 2015, con un importo pari a 150K, ad una operazione di co-investimento da 400K con LVenture, holding di partecipazioni quotata alla Borsa Italiana. A beneficiarne, Whoosnap, una piattaforma basata su un’app mobile, che permette di richiedere foto in tempo reale di uno specifico luogo o evento, sfruttando le dinamiche di crowdsourcing. Quest’ultima, lo scorso 14 dicembre, è stata inserita, insieme a D-Orbit, tra le 100 startup dell’anno.

Ad aggiungersi al portfolio, infine, Finaest, piattaforma che permette ad artigiani e designer emergenti italiani di fare conoscere e vendere i propri prodotti nel mondo e Oluck, sito web che crea interazione tra utente e pubblicità, che hanno ricevuto, a maggio 2015, rispettivamente 150K e 100K. Ultima in ordine temporale a ricevere un finanziamento da 215K, a fine ottobre 2015, Desmotec, startup biellese attiva nel settore della preparazione atletica e dell’allenamento isoinerziale. Oltre alla collaborazione con numerose federazioni sportive italiane, l’azienda fondata da Alberto Bertagnolio ha chiuso importanti contratti a livello internazionale, tra cui quelli con i Miami Dolphins, squadra di football americano della NFL, e i Washington Capitals, squadra professionistica di hockey su ghiaccio con sede a Washington D.C.

Un anno quindi importante per il Club degli Investitori che, a pochi giorni dall’Assemblea annuale che ha chiuso i lavori del 2015, si è dato i primi obiettivi per il 2016: investimenti nel settore food, nuove collaborazione con importanti partner a livello nazionale e inizio del processo di exit da alcune partecipate.

Da dove partire per raggiungere questi obiettivi? Da tre fatti importanti che hanno segnato l’ecosistema delle startup nel 2015.

«Innanzitutto ci sono state diverse exit, soprattutto nel life science e ICT, che hanno dato grosse soddisfazioni a fondatori ed investitori – prosegue Giancarlo Rocchietti – Questo dimostra che il lavoro degli operatori negli anni passati sta portando ai primi risultati positivi. Secondo: sono stati avviati nuovi fondi di venture capital di dimensioni notevoli per il nostro mercato, che danno la possibilità alle startup di accedere a nuovi finanziamenti dopo i primi investimenti seed, come quelli erogati dal Club degli Investitori. Infine, sono nati i primi corporate venture: Gruppo Cln e Gruppo Mondadori, ad esempio, hanno istituito al loro interno nuove divisioni dedicate, investendo su manager specifici del settore».

Perché Thiel (PayPal) appoggia Trump e Sandberg (Facebook) Clinton. 9 punti

Il rapporto è 56 a 1. 56 ceo della Valley appoggiano Clinton, finora uno solo, Thiel, Trump. I motivi sono a volte più ideologici che economici. Breve panoramica nel giorno dello scontro in diretta tv

Storia (triste) di 2 startupper che stavano sfondando coi bitcoin. Poi li hanno arrestati

Avevano successo e un grande futuro. Hanno rubato i dati di 80 milioni di clienti di JP Morgan, usandoli per vendere azioni truffa e riciclando soldi sulla loro piattaforma di scambio bitcoin

L’Intelligenza Artificiale legge le mammografie con una precisione del 99%

L’Università di Houston ha sviluppato un software di Intelligenza Artificiale in grado di leggere le mammografie con un’accuratezza vicina alla perfezione. Permetterà di individuare i falsi positivi e di evitare a molte donne le conseguenze, psicologiche e fisiche, di una diagnosi errata.

Botto Poala (Reda): «Adottare una startup apre le aziende al futuro»

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»