BnBsurfer.com «La nostra idea per ridurre i tempi di prenotazione dei BnB»

Il sito web di aste al ribasso, rivolto a turisti e strutture ricettive, per accorciare i tempi e avvicinare le offerte più concorrenziali, al budget dei potenziali clienti

E’ possibile scardinare i meccanismi che regolano l’offerta turistico-ricettiva mettendo al centro il consumatore finale? BnBsurfer.com si pone questo obiettivo: un portale che si rivolge contemporaneamente ai proprietari di strutture ricettive e ai turisti, dove ogni richiesta di soggiorno attiverà un’asta al ribasso alla quale parteciperanno le strutture interessate. Un sistema user-friendly per ridurre al minimo i tempi di ricerca e avvicinare al massimo l’offerta ricettiva e il budget disponibile dei potenziali clienti. Grazie al sito web, inoltre, si riesce, a personalizzare l’offerta turistica adattandola sulle esigenze dei singoli utenti, arricchendola con servizi aggiuntivi.
BnBsurfer

La risposta, il più possibile user-oriented, ad una specifica richiesta di mercato nel mondo dei viaggi e del turismo. Una piattaforma che gli hotel possono utilizzare per proporre i prezzi migliori ai loro clienti, che a loro volta sceglieranno l’offerta più vantaggiosa. Un’idea che è valsa il premio del Creative Clusters Beni Culturali e Turismo a Pasquale Romano, Marco Antonio Esposito e Marianna Romano, ideatori e fondatori di BnBSurfer.

“Per noi il Creative Cluster è stato fondamentale per confrontarci e contaminarci con altre prospettive e vedere con più obiettività i pregi e i difetti della nostra idea – ha commentato Marco Antonio Esposito -. I tutor ci hanno supportato per ripensare il funzionamento e anche il modello business che inizialmente avevamo immaginato. Un altro aspetto molto importante è stato il network creatosi con tutti i partecipanti, una fonte preziosa di risorse, idee e punti di vista di tanti startupper della nostra regione. Un networking che si è esteso anche con docenti e formatori, persone con molta esperienza che hanno migliorato il nostro prodotto. Ci siamo accorti che eravamo arrivati al Creative Clusters con una visione un po’ miope, e invece grazie a continui brainstorming abbiamo imparato ad ampliare la nostra impostazione e allargare la potenziale base utenti”.

Il futuro ha un nome solo: il mercato e la commercializzazione del prodotto: “Il nostro portale è online come beta test e ora investiremo per arricchire il nostro database, e per potenziare e il marketing, la comunicazione e il branding. Vorremmo arrivare a SMAU Berlino più strutturati e organizzati, cercando anche il supporto di un incubatore”.

Verso un rene in provetta? L’overfunding del progetto di ricerca dell’Università Bicocca

Sulla piattaforma Produzioni dal Basso è stato raggiunto l’obiettivo di 5mila euro in una settimana. Le prospettive del crowdfunding per la ricerca in Italia. Non scordandosi mai della comunicazione

Uber Eats, ora puoi pagare anche con Apple Pay

La piattaforma di food delivery consentirà in venti mercati, fra cui l’Italia, di saldare la consegna direttamente col sistema della Mela. E fra le proposte arriva anche mercato Testaccio