#WakeUpRoma Luiss Enlabs vuole ripensare Roma come se fosse una startup

Un’iniziativa per rilanciare la capitale e ripensarla con le logiche dell’innovazione, come se fosse una startup: ecco cosa è #WakeUpRoma si terrà il 12 marzo 2016. Save the date.

Ha preso ufficialmente il via l’iniziativa #wakeupRoma, nata dalla partnership tra l’acceleratore di startup capitolino LUISS ENLABS e la Onlus Retake Roma. L’obiettivo? Risvegliare il senso civico dei cittadini romani e farli scendere in strada armati di scope e raschietto il 12 marzo 2016 per lanciare un messaggio forte: combattere il degrado di Roma, insieme, si può. Basta una piccola ricerca su Google per rendersi conto della necessità di mobilitazione: digitando le parole Roma e Degrado compaiono 700.000 link di cui moltissimi sono articoli di denuncia comparsi sulla stampa italiana ed internazionale da giugno in poi.

image

Contro questa patina grigia che offusca la città, #wakeupRoma vuole dare la sveglia agli abitanti, romani e non, esortandoli a riprendersi la città e a averne cura tutti i giorni con piccoli gesti di civiltà, diventando paladini di una battaglia che non si combatte solo durante il Giubileo o in campagna elettorale. A poche settimane giorni dall’evento di marzo, l’attività di #wakeupRoma si è fatta già intensa con:

  1.  Il lancio di una comunicazione multicanale ideata e curata dall’agenzia creativa Bulsara Adv con sito web e pagina Facebook;
  2. Una campagna di crowdfunding sulla piattaforma WindforFund per l’acquisto di materiali di pulizia che verranno utilizzati durante l’evento;
  3. Un contest lanciato dalla startup di LUISS ENLABS Verticomics per la creazione di 5 illustrazioni da utilizzare durante la campagna.

L’iniziativa, inoltre, ha già trovato diversi sostenitori tra istituzioni e aziende più sensibili al richiamo di #wakeupRoma: ad oggi Wind ed Enpam insieme all’Università LUISS Guido Carli, Eataly, Federalberghi, Nastro Azzurro e molte altre che stanno mostrando interesse. Ciascuna contribuisce in maniera diversa a dare forza al messaggio: non solo finanziamenti, ma anche coinvolgimento dei propri dipendenti e community o forniture di beni e servizi utili per l’evento. La partnership L’idea è partita dalla Stazione Termini, dove si trovano gli uffici di LUISS ENLABS, uno dei maggiori acceleratori di startup a livello europeo nato nel 2013 dalla partnership tra l’acceleratore EnLabs e l’Università LUISS.

Stanco del quotidiano degrado in cui versa la Stazione e non solo, LUISS ENLABS ha trovato il miglior alleato possibile per reagire: Retake Roma. Retake Roma è un movimento apartitico e spontaneo che dal 2009 si occupa di risvegliare il senso civico dei Romani, organizzando eventi di clean up e ripristino del decoro urbano. Ad oggi, ci sono più di 60 gruppi di zona e migliaia di volontari attivi che nei weekend “strappano” al degrado un pezzettino di Roma. La forza di questa unione inedita sta nella complementarietà delle competenze: da un lato, innovazione digitale, comunicazione e risorse; dall’altro, contatto con la cittadinanza, esperienza, know-how.

LUISS ENLABS vuole “accelerare” Retake come fa con le proprie startup, ovvero portarlo a crescere di dimensioni per diffondere il senso civico come un virus tra i romani. Il Crowdfunding Wind, main sponsor di questa iniziativa, ha voluto sostenere il progetto anche ospitando una campagna di crowdfunding sulla piattaforma WindforFund lanciata recentemente. Le donazioni verranno destinate all’acquisto di materiali di pulizia da utilizzare durante l’evento in cambio di ricompense simboliche e creative. Il Contest per creativi Verticomics, la startup dei fumetti digitali, ha lanciato un contest nella propria community per selezionare il fumetto da utilizzare nella campagna di comunicazione dell’evento. Il vincitore del contest riceverà un compenso e la possibilità di avere una postazione di lavoro gratis in LUISS ENLABS per alcuni mesi.

Verticomics è solo la prima delle startup ad aderire al progetto, ne seguiranno molte altre che daranno all’iniziativa un valore aggiunto originale e innovativo. Per maggiori informazioni Per scoprire di più e restare sempre aggiornati sulle novità legate all’iniziativa, basta andare sul sito.

  • Segnalo link alla fine dell’articolo non funzionante (avete dimenticato uno “/” in “http://”)

Dalla valutazione di un miliardo al fallimento in due anni. Il caso Crowdmix

Una delle startup più interessanti della scena musicale è fallita. Nonostante round di investimento milionari e un management di prim’ordine. Cosa ci insegna il caso Crowdmix sulla difficoltà di chi fa innovazione nella musica

DesignSpaceAfrica vuole costruire 50 scuole nelle aree rurali per portare l’istruzione a tutti

L’architetto Luyanda Mpahlwa di DesignSpaceAfrica presenta alla Mostra internazionale di architettura della Biennale di Venezia il suo progetto: strutture simili in diverse località della periferia di Città del Capo per facilitare gli studenti e il loro accesso ai servizi scolastici

OpenStreetMap si mobilita dopo il terremoto: «Usate le nostre mappe per i soccorsi»

Oltre 50 persone stanno dedicando il loro tempo ad aggiornare le mappe dei luoghi colpiti dal terremoto, in provincia di Rieti. Tutti i dati e le mappe forniti dalla comunità possono rappresentare un importante aiuto per i soccorritori.